ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
13 ore

Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil

Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
21 ore

Louise Nevelson ‘painted it black’

Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Spettacoli
1 gior

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
Spettacoli
1 gior

Altre accuse di plagio per Ed Sheeran

‘Thinking Out Loud’ troppo simile a ‘Let’s Get It On’ di Marvin Gaye
Cinema
1 gior

10 Film Festival al PalaCinema, tocca al Kurzfilmtage Winterthur

Serata dedicata ai corti ticinesi quella del 6 ottobre alle 20.30, ospite, da Winterthur, il direttore artistico John Canciani
Culture
1 gior

Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury

Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Spettacoli
1 gior

Phil Collins vende il catalogo da solista e con i Genesis

L’intesa con l’americana Concord vale 300 milioni. Sono esclusi gli album con Peter Gabriel
Ticino7
1 gior

‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli

Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
2 gior

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
2 gior

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
2 gior

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
2 gior

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
22.03.2022 - 17:21
Aggiornamento: 17:53

L’infanzia del segno, al Musec ritorna il progetto Dèibambini

Fino al 2 ottobre in mostra i disegni di bambini della Nuova Guinea raccolti negli anni Cinquanta dall’artista Dadi Wirz

di Ivo Silvestro
l-infanzia-del-segno-al-musec-ritorna-il-progetto-deibambini
FCM, MUSEC
Disegno di Kanjipungaman, 7 anni, 1953

C’è una frase, attribuita a Picasso, che riassume molto bene il rapporto tra una certa visione artistica del Novecento e l’innocenza infantile: "Ci ho messo tutta una vita per imparare a dipingere come un bambino". Lo spazio in cui ci muoviamo è quello del primitivismo, del "buon selvaggio", del progresso e della modernità come causa di una corruzione che occorre superare non andando avanti, ma tornando indietro, andando alle origini, siano esse quelle dell’infanzia o delle popolazioni "primitive"; non è un caso se molti artisti dell’epoca fossero anche collezionisti di "arte etnica". In questo è molto esplicito Paul Klee: "Nell’arte si può anche cominciare da capo, e ciò è evidente, più che altrove, in raccolte etnografiche oppure a casa propria, nella stanza riservata ai bambini. Non ridere lettore! Anche i bambini conoscono l’arte e vi mettono molta saggezza!". Oggi sono chiari i limiti di quella lettura, in particolare per quanto riguarda l’assimilazione di altre culture a "infanzia dell’umanità", ma rimane una chiave di interpretazione interessante per quanto riguarda la ricerca di un’estetica che non sia influenzata dagli schemi e dalla storia della cultura occidentale.

La citazione di Klee è tratta dall’interessante saggio di Isabella Lenzo Massei contenuto nel catalogo della mostra ‘L’infanzia del segno’ che, al Musec, Museo delle culture di Lugano, fino al 2 ottobre, affronta questo tema da una prospettiva particolare, partendo da una "doppia innocenza" con alcuni disegni infantili realizzati negli anni Cinquanta del Novecento da bambine e bambini della Nuova Guinea. L’esposizione si inserisce nel ciclo Dèibambini che il museo organizzava quando ancora si trovava nella sede di Villa Heleneum e che il trasferimento a Villa Malpensata aveva interrotto. All’Heleneum si trattava di coinvolgere i bambini in un lungo progetto educativo che poi portava a un’esposizione temporanea e a un catalogo. Questo "sorprendente viaggio per capitoli attraverso i sogni infantili" – come lo definisce il direttore del Musec Francesco Paolo Campione nel suo intervento sul catalogo – ritorna quindi con una decima esposizione ma con un approccio rinnovato che parte, appunto, dalle opere d’arte infantile del passato, da prendere a spunto e a modello per l’elaborazione tematica delle grammatiche espressive.

La collezione Wirz

Il progetto ‘L’infanzia del segno’ è tuttavia reso possibile da un incontro, quello con il nonagenario artista svizzero Dadi Wirz, figlio dell’etnologo, viaggiatore e collezionista Paul. Nato a Basilea nel 1931, dopo un’infanzia in giro per il mondo con il padre Dadi ha conseguito la licenza federale svizzera come fotografo e all’inizio degli anni Cinquanta frequenta l’Académie André Lhote di Parigi, dove ha modo di conoscere, tra gli altri, Calder, Ernst, Giacometti e Arp. Alla fine del 1952, appena ventenne, accompagna il padre in un lungo viaggio attraverso la Nuova Guinea, dove tornerà, dopo la morte del padre, nel 1955 mosso dalla volontà di conoscere e ritrarre un mondo di cui aveva la percezione dell’imminente crepuscolo.

In questi viaggi Dadi Wirz aveva con sé due cose: da una parte quella visione di "innocenza artistica" delle culture extraeuropee unita a teorie educative basate sulla creatività spontanea – l’Académie du jeudi del pedagogista tedesco Arno Stern, del quale parla Moira Luraschi in dialogo con Wirz nel catalogo –; dall’altra fogli, matite e colori da dare a bambine e bambini che incontrava nei villaggi. Dadi ha così raccolto, con spirito artistico più che etnografico, centinaia di disegni, annotando sul retro il nome dell’autore e, in diversi casi, anche l’età presunta e il villaggio di provenienza.

I disegni, custoditi dall’artista fino al 2020, sono stati donati al Musec che li ha restaurati, studiati e adesso esposti, suddividendoli secondo alcune "linee tematiche".

Si tratta di arte infantile, artisticamente ingenua, ma grazie all’intelligente abbinamento con alcuni reperti raccolti da Serge Brignoni – artista ticinese la cui collezione di arte etnica è alla base del Musec – e opere di artisti contemporanei della Nuova Guinea si ha davvero l’impressione di cogliere degli "universali", geometrici e raffigurativi, che precedono gli schemi estetici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved