01.05.2022 - 12:04
Aggiornamento: 14:44

Museo in erba, storia dell’arte interattiva per i bimbi

‘Arte, che passione!’, a Lugano fino al 20 novembre 2022 per avvicinare i bambini al mondo dell’arte sin dalla prima infanzia

museo-in-erba-storia-dell-arte-interattiva-per-i-bimbi
Al Museo in erba

Avvicinare i bambini al mondo dell’arte, sin dalla prima infanzia, per stimolare fantasia e creatività è uno dei principali obiettivi di scuole, musei, editoria e istituzioni. La mostra interattiva ‘Arte, che passione!’, ideata e prodotta dal Museo in erba di Lugano e dall’Espace des inventions di Losanna, nasce con l’intento di proporre una storia dell’arte ludica che coinvolga bambini e famiglie attivamente, da protagonisti, attraverso il gioco. Fino al 20 novembre 2022, un viaggio nel mondo artistico porterà i piccoli visitatori tra ventotto scenari diversi, dalle grotte di Lascaux agli aforismi di Ben Vautier, passando per Leonardo, Degas, Van Gogh e molti altri, una volta accolti dalle opere di due pittori che hanno cercato di ritrovare lo spirito dell’infanzia: Klee e Picasso.

Nella prima parte del percorso, firmata dall’artista Mariarosa Mutti, i visitatori sono invitati a mettersi nei panni dell’artista per riempire uno spazio bianco (il foglio, la tela) e dare così forma a un primo atto creativo, alla maniera di Leonardo e Picasso (il disegno) di Gauguin e Kandinsky (la pittura a olio), di Degas (pastello), di Turner e Cézanne (acquerello), di Hokusai (incisione). La terza dimensione ha le forme delle sculture di Giacometti e le installazioni contemporanee di Land Art. Nella seconda parte della mostra, multidisciplinare, l’ascolto di generi e strumenti musicali diversi invoglia a comporre melodie guidati da una penna magica sui quadri di Klee; Depero accompagna a teatro, con scenografie e personaggi per inventare spettacoli fantastici; Dada e le tavole ‘parolibere’ sono lo spunto per scrivere poesia.

Durante il periodo dell’esposizione, inoltre, nell’atelier saranno proposti incontri con artisti contemporanei. Il primo appuntamento è con Isabella Mandelli il 15 maggio in occasione della Giornata internazionale dei musei: bambini e genitori entrano nell’universo fantastico dell’artista, scoprono come lavora e come crea i suoi ‘Barabubbles’ (informazioni: ilmuseoinerba@bluewin.ch, tel. 091 835 52 54, www.museoinerba.com).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved