WAS Capitals
0
SJ Sharks
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
COB Jackets
0
CAL Flames
5
3. tempo
(0-1 : 0-2 : 0-2)
TOR Leafs
3
ANA Ducks
2
2. tempo
(2-1 : 1-1)
Detroit Red Wings
2
CHI Blackhawks
4
2. tempo
(0-4 : 2-0)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
un-annunciazione-al-m-a-x-museo-per-l-avvento
Ti-Press
L’annunciazione di Denys Calvaert
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
6 ore

Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori

Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
8 ore

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
Jazz Cat Club
13 ore

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
14 ore

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
21 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
1 gior

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
1 gior

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
1 gior

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
1 gior

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
1 gior

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
1 gior

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
03.12.2021 - 18:570
Aggiornamento : 19:42

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste

Il suo vero nome è Denys Calvaert, ma conviene chiamarlo “Dionisio il fiammingo”, come questo artista, nato ad Anversa intorno al 1540, venne ribattezzato a Bologna dove, dopo aver vissuto anche a Roma, trascorse l’ultima parte della sua vita. È in quella città che, verosimilmente verso la fine del Cinquecento, dipinse l’Annunciazione che troviamo esposta, fino al 9 gennaio, nell’atrio del m.a.x. museo di Chiasso, liberamente accessibile al pubblico per il periodo delle feste. Il proprietario dell’opera, il collezionista Enrico Bianchetti, ha infatti deciso di farla uscire dai caveau dello Swiss Logistics Center di Chiasso, partner insieme a Helvetia della seconda edizione di questa speciale Esposizione dell’Avvento accessibile gratuitamente – il consiglio, ovviamente è di non fermarsi a questo dipinto ma di visitare anche la bella mostra dedicata alla ferrovia tra arte, grafica e design che il m.a.x. museo ospita fino ad aprile.

L’anno scorso per l’Esposizione dell’Avvento c’era un Rubens; quest’anno con Dionisio il fiammingo abbiamo un «maestro minore» come lo ha definito la direttrice del m.a.x.museo Nicoletta Ossanna Cavadini. Minore ma non per questo poco interessante: a Bologna, nel contesto della Controriforma e delle nuove sensibilità per quanto riguarda l’arte devozionale, Denys Calvaert ha fondato una sua scuola d’arte distinguendosi per la resa della luce e la cura dei dettagli. Aspetti che vediamo in questo piccolo dipinto con la sua sontuosa cornice barocca. Iniziamo dalle dimensioni: si tratta di un’opera realizzata per un “uso privato”: spesso capitava che una famiglia benestante fosse interessata ad avere nel proprio palazzo una versione più piccola, realizzata dallo stesso artista, di un’opera più grande destinata a uso pubblico. Questa composizione trova un suo diretto riscontro in un’altra Annunciazione che si trova nell’archivio dello storico dell’arte Federico Zeri e da lui attribuita a Denis Calvaert.

La ricchezza del committente privato è testimoniata dal materiale scelto: il dipinto non è infatti stato realizzato su tela, ma su una più costosa lastra di rame, utilizzata per dare maggior brillantezza ai colori della pittura a olio.

Si è accennato ai dettagli della composizione del dipinto che, come sempre nell’arte sacra, rimandano a una simbologia che oggi potrebbe essere meno immediato cogliere. L’abito di Maria, ad esempio: ha un vestito rosso, colore che rimanda a una dimensione terrena, avvolto da una veste azzurra che simboleggia invece l’aspetto spirituale dell’essere stata scelta quale madre di Cristo. Nel dipinto la vediamo intenta a leggere quando viene interrotta dall’arrivo dell’Arcangelo Gabriele che le annuncia, appunto, il concepimento verginale di Gesù. Maria ha lo sguardo abbassato sul giglio bianco che l’angelo tiene nella mano sinistra, riferimenti all’umiltà e alla purezza. La castità, invece, è raffigurata dalla mano destra di Maria che chiude sul petto il velo che le scende dalle spalle.

Restando alle mani – che di fatto compongono la scena –, quella sinistra di Maria è posata sul testo che sta leggendo, verosimilmente un testo sacro, mentre la mano destra dell’angelo punta il dito verso l’alto, dove troviamo una nube incorniciata da due angioletti dalla quale escono una luce abbagliante e una colomba bianca dirette verso Maria, simbolo dello Spirito Santo (un tema caro alle opere di Dionisio il fiammingo). Sulla destra, attraverso un arco si vede uno scorcio del Palazzo ducale di Urbino, non solo un omaggio al maestro Federico Barocci ma anche un’attestazione della scuola artistica dell’autore.

Da notare la precisione nel disegnare le cuciture dell’abito dell’Arcangelo Gabriele o i particolari del baldacchino a sinistra.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved