arte-in-ticino-una-mostra-tra-nord-e-sud-tra-otto-e-novecento
Giovanni Giacometti, Sera sull’Alpe, 1906
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
1 ora

‘Una raccolta d’arte moderna italiana’ al Masi

Carrà, Campigli, Manzù, Rosai, Scipione e Sironi in mostra a Lugano da domenica 22 maggio al 29 gennaio 2023
Culture
1 ora

Fabio Andina vince il Prix du public Rts

L’autore ticinese è stato insignito per il suo romanzo ‘Jours à Leontica’ (’La pozza del Felice’ in italiano)
Culture
5 ore

Seicento in fuga: la versione di Bargniff

In diretta da un’infame bettola milanese, l’intervista al ‘protagonista assoluto’ (o così dice lui) dell’ultimo romanzo di Carlo Silini
Culture
11 ore

Chiamarsi fuori: ‘A una voce’ di Sabina Zanini

Un romanzo d’esordio stupefacente su un bancario un po’ Bartleby, un po’ Fantozzi, ma con dentro un giardino incantato. E poi c’è Paganini
Spettacoli
23 ore

Margot Robbie nel prequel di ‘Ocean’s Eleven’

Secondo le prime indiscrezioni, la trama sarebbe ambientata negli anni ’60 in Europa, lontano da Las Vegas
Musica da camera
23 ore

Verbano Musica Estate, il ritorno è nell’Aria

Tra Locarno, Ascona e Cannobio, dal 29 maggio al 19 giugno, la seconda edizione, illustrata da Tommaso Maria Maggiolini, direttore artistico
Cinema
1 gior

Simboli, culture, società: torna OtherMovie Lugano Film Festival

Dal 25 al 31 maggio tra Mendrisio, Lugano e Massagno, con ‘un programma che rilassi, visto il momento’, dice il direttore Drago Stevanovic
Cannes 75
1 gior

Cannes, ci sono film al posto delle nuvole

Emozioni in ‘Armageddon Time’ di James Gray; altre ancora in ‘EO’ di Jerzy Skolimowski. ‘Harka’, di Lotfy Nathan, è una testimonianza
Culture
1 gior

La responsabilità di giovani e adulti a Storie controvento

Al festival di letteratura per ragazzi lo scrittore francese Christophe Léon ha presentato il suo romanzo ‘Reato di fuga’
Musica
1 gior

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
2 gior

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
2 gior

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
2 gior

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
Streaming
2 gior

Fughe di notizie su ‘Stranger Things’, Netflix nella bufera

Tra le carte di un Monopoly promozionale, ve ne sarebbero alcune che rivelerebbero particolari della trama ancora top secret della quarta stagione
Cinema
2 gior

‘Marx può aspettare’ di Bellocchio all’Otello di Ascona

In versione originale italiana con sottotitoli in tedesco, il documentario presentato a Cannes nel 2021
Cannes 75
2 gior

Tom Cruise inonda il cielo sulla Croisette

Era il giorno di ‘Top Gun: Maverick’, ma anche del Bellocchio di ‘Esterno notte’, Aldo Moro diventato serie. E di due film in concorso non ‘globalizzati’
24.11.2021 - 08:46
Aggiornamento : 17:12

Arte in Ticino, una mostra tra Nord e Sud, tra Otto e Novecento

L’allestimento della collezione del Museo d’arte della Svizzera italiana al Lac apre una finestra su un periodo artisticamente e socialmente particolare

di Claudio Guarda

In quali forme o modalità l’arte rispecchia la storia culturale, sociale e politica, di un popolo? Perché è questa, in fondo, la domanda che sta dietro alla rassegna Arte in Ticino 1850-1950. La quale, precisa il direttore Tobia Bezzola, “è una presentazione della collezione”, “un abbozzo propedeutico più che una tesi scientifica” mediante la quale si vuol dare “una visione di come l’arte in Ticino – a partire dalla fondazione dello Stato federale nel 1848 fino alla fine della Seconda guerra mondiale – si sia dinamicamente evoluta nel suo contesto culturale specifico per via delle influenze, provenienti dal Sud e dal Nord, che si sono affermate nella regione”. Il tutto tramite un sommario percorso espositivo che dal tardo Romanticismo arriva al Realismo, dall’Impressionismo al Post-impressionismo, passando poi per il Simbolismo, l’Espressionismo, la Nuova Oggettività.

Ne deriva – sottolinea il comunicato stampa – come “nelle collezioni del Masi si rispecchi l’evoluzione della recente storia delle arti visive in Ticino” che la rassegna evidenzia soprattutto nei suoi aspetti di natura formale, come compresenza o alternanza di linguaggi, l’evolversi o il contrapporsi di poetiche dentro e fuori i confini cantonali. Il risultato, visto oggi, specie se lo si allarga al cantone, è il progressivo costituirsi di un patrimonio artistico-culturale molto variegato e per certi aspetti anche unico che davvero ha arricchito il nostro territorio, diventato ponte tra Nord e Sud. Non si può tuttavia sottacere che nella realtà del vissuto – e questo andava debitamente evidenziato – quel confluire a Sud di persone e linguaggi contribuì ad acuire una problematica allora fortemente sentita e dibattuta in ambito culturale e socio-politico, prima ancora che artistico, talvolta dai risvolti anche ad alta tensione, vale a dire il “problema identitario” di un cantone di cultura e storia italiana ma appartenente, per scelta non sua, allo Stato svizzero. E che pertanto doveva salvaguardare, oltre che saper gestire, questa doppia identità.

Nei cento anni presi in considerazione dalla rassegna luganese, il Paese visse insomma non pochi momenti ambivalenti e passaggi cruciali (talora anche conflittuali) concernenti la propria storia culturale e politica che si incrementarono soprattutto nel secondo decennio del ’900, quando il Ticino, cantone italo-svizzero, si trovò chiuso tra due frontiere fattesi sempre più problematiche: a sud, con “la grande madre Italia” come la chiamava Francesco Chiesa, a causa del progressivo aggravarsi della situazione politica nell’Italia fascista e del crescente isolamento della Svizzera sul piano internazionale; a nord, per via della percezione sempre più diffusa e mal sopportata di una “tedeschizzazione del Ticino”, a discapito dell’identità culturale del Cantone. Quello che si cercava era il pieno riconoscimento e sostegno dell’italianità del Ticino – guardato non di rado con sospetto al Nord delle Alpi e un poco anche lasciato in disparte – il quale attraverso i suoi rappresentanti si impegnava a conciliare italianità ed elveticità: come ben si evince dal ciclo dipinto da Carlo Basilico nel 1942 alla Polus di Balerna.

Il fatto è che accrescere la conoscenza del proprio patrimonio d’arte e con essa anche la coscienza della propria storia civile non è cosa automatica. Quello fu un processo travagliato e complesso che coinvolse più discipline (come la commemorazione del sesto centenario della nascita di Dante, nel 1921), e che quindi si può leggere anche in mostra, sempre che si conosca il contesto storico e si osservino da una simile prospettiva le opere esposte. Una vera sfida alla quale hanno cercato di dare congrue risposte uomini politici, intellettuali, letterati e artisti, ma che non furono sempre adeguate: come dimostra – per quel che concerne l’operato degli artisti ticinesi – da una parte l’insistenza, talvolta acritica, sull’identità di un Ticino rurale, fermo nel tempo e ancorato al lavoro nei campi: una sorta di ripiegamento regionalistico, non privo di concessioni aneddotiche e folcloristiche, in cui si evidenziano lavori, usi e costumi della tradizione: come documenta la mediocre opera di Pietro Anastasio che apre e chiude la rassegna.

Dall’altra rifiutando incredibili offerte o occasioni uniche. Come quelle datata 8 maggio 1937, quando il segretario del Dipartimento della pubblica istruzione Augusto Tarabori comunica alla Spsas (Società pittori-scultori-architetti svizzeri) che i “signori Henselmann, di Mannheim, intendono creare ad Ascona una piccola Accademia d’arte sacra” che raccomanda “vivamente di preavvisare favorevolmente” perché ha potuto accertare la bontà e “la forma particolare del progetto”, per il quale si è dichiarato d’accordo anche l’On. Celio “dato che non si tratta di lavorare in concorrenza con artisti nostri, ma di insegnare l’arte”. Lapidaria la risposta della Spsas. “Dato il nostro compito di tutelare non solo il lavoro dei nostri artisti, ma il carattere specifico del nostro Paese e della nostra cultura non vediamo perché un germanico debba aprire una scuola d’arte nel nostro Paese. La necessità di una vera scuola d’arte è indubbiamente sentita, ma spetta in questo caso ad artisti nostri di prenderne la direzione. A nome della sezione non posso quindi che dare netto preavviso negativo alla domanda sottopostaci. Il presidente”. In questo senso la mostra è davvero solo “l’inizio di un’indagine che apre molteplici temi e domande”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte masi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved