gli-ex-voto-di-pierre-case-approdano-alla-ghisla
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
30 min

Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni, l’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
1 ora

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
1 ora

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
1 ora

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
2 ore

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
3 ore

È morto l’attore Ray Liotta

Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Danza contemporanea
8 ore

Lugano Dance Project si prepara al venerdì di ‘Fables’

Si inizia alle 11 con Cristina Kristal Rizzo; alle 21 la nuova creazione della coreografa canadese Virginie Brunelle
Festival della Musica
12 ore

La lirica torna ad Arbedo con il ‘Quartet’

Domenica 5 giugno alle 17.30 presso la sala Multiuso del Centro Civico, un concerto ispirato al film di Dustin Hoffman
Musica
12 ore

Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards

Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Culture
13 ore

‘Cantiere della gioventù 1971-2021’ un ricordo a Casa Rusca

A 51 anni dal suo esperimento, tra spunti musicali e parlati, domenica 29 maggio dalle 14 alle 18 a Locarno un incontro/dibattito
Musica
13 ore

Matt Elliott a Chiasso, un ritorno

Visto e ascoltato in passato allo Spazio Lampo, mercoledì 1° giugno all’ex bar Mascetti
Spettacoli
1 gior

Tyler ricasca nella droga, salta la tournée degli Aerosmith

Il frontman della popolare rock band ricoverato (volontariamente) in un centro di riabilitazione. Annullati i concerti di giugno e luglio
Musica
1 gior

Houstones, dipendenza da ‘Adderall’ (il nuovo singolo)

Con videoclip annesso, torna a cantare in inglese il quartetto Savarino-Pfister-Cuomo-Maggini, aspettando il nuovo album, dopo l’estate)
Danza contemporanea
1 gior

Michel Gagnon, vi racconto il ‘mio’ Lugano Dance Project

Il direttore del Lac lo ha voluto fortemente, da oggi fino al 29 maggio nella Lugano capitale della danza contemporanea
Cinema
1 gior

‘Like Dew in the Sun’, l’Ucraina di Peter Entell al GranRex

Lunedì 30 maggio alle 20.30 a Locarno un film che nel 2016 analizzava le ragioni dei conflitti in Ucraina
30.10.2021 - 12:32

Gli ‘ex voto’ di Pierre Casè approdano alla Ghisla

A Locarno fino al 9 gennaio una mostra costruita su reperti e materiali, memorie e testimonianze della Valle Maggia

di Claudio Guarda

Ha il sapore di un approdo, la mostra che Pierre Casè ha allestito all’ultimo piano della Fondazione Ghisla: come se un lungo cammino confluisse lì, in quel posto, ma soprattutto in quelle opere. E questo per più ragioni. La prima, di natura tematica, è che se letta in uno sguardo riassuntivo, l’intera sua produzione artistica trova il suo punto gravitazionale in un soggetto che ai suoi inizi si identifica genericamente con la terra e diventa poi in maniera sempre più evidente la Valle Maggia, dove da sempre vive e opera. Fino ad arrivare a questa sua mostra costruita su reperti e materiali, memorie e testimonianze di questa sua terra. In effetti tutta l’opera di Casè è indissociabile dalle sue radici, ma sale a gradoni che, soprattutto a livello di forma e pensiero, si sviluppano ed evolvono: spostando progressivamente il campo della pittura dal visivo all’immaginario e poi al mentale. Paesaggio dapprima, astratto fin che si vuole, ma pur sempre rintracciabile nelle forme e leggibile nei colori delle terre; geologia e materia, poi, in forma di pareti a picco, rugginose e frontali, fatte di grumi e di impasti, di cenere sabbia o catrame, di ferri e lamiere inclusi nel corpo denso della pittura; piccoli oggetti infine – e qui arriviamo al tempo presente – che di quella terra riattivano e tramandano la storia, il sapore della sua antica e millenaria civiltà rurale che sta definitivamente esaurendosi alle nostre spalle.

Fin dalle sue prime opere e poi salendo negli anni, per quanto risolta in forme antinaturalistiche e quasi astratte, la sua pittura richiamava ancora geometrie di campi e appezzamenti che serbavano memoria dei tenui colori della terra. Vennero poi le Impronte nel tempo, a un livello di immaginario più alto, su sfondi di luminosi muri-paesaggio che riportavano “i segni (mai casuali) – scriveva l’artista – tracciati dalle mani di bambini o vecchi su pietre e intonaci”. Ricordo che qualcuno allora si domandò perché mai salvare la copia, prodotto della simulazione, e lasciar deperire l’autentico, la vera ‘reliquia’? Prese allora avvio “una ricerca intensa, problematica, sul non colore, il nero” che spostò radicalmente il campo della sua pittura. Oggi, ma non certo a partire da oggi, quel processo si è completamente rovesciato: non più dipinti dentro cui inserire rinvii al mondo esterno, ma opere che partono dall’assunzione di un oggetto residuale, di una “reliquia” prelevata dal contesto socio-rurale, senza più funzione e deprivata del suo senso, gettata al macero, che egli recupera, riattiva, e attorno alla quale – a partire dalla quale – costruisce l’opera.

Opere tutte in gran parte costituite da elementi residuali della cultura materiale ma che, composti come sono, trascendono la loro povera materialità e sfondano sulla cultura immateriale, sui valori di quella umile gente: la laboriosità, l’ingegnarsi per la sopravvivenza, gli affetti familiari, il senso della collettività. Li chiama “Ex Voto” e li espone in un percorso espositivo di 14 nuclei (come le stazioni della Via Crucis) ognuno dei quali costituito da più opere in stretta affinità formale tra loro, ma diverso dagli altri tanto per le peculiarità compositive e cromatiche, quanto, e soprattutto, per l’oggetto, l’elemento tematico: qui lettere di emigrati in California, là vecchi chiodi arrugginiti o corni di mucca, lì piccole fascine, vecchie serrature, là fili a sbalzo e girelle ecc. Il tutto fatto assemblando materiali di recupero come ferri, legni, filo spinato, servendosi di elementi minerali o organici come il catrame, la cera o la sabbia così da farne una sorta di icona, anzi tante icone cariche di religioso silenzio e di memorie.

“Ex Voto” perché richiamano le infilate di quadretti popolari o di cuori argentei che si trovano nei nostri santuari e riportano le lettere G.R., vale a dire per Grazia Ricevuta. Quel segno-simbolo di riconoscenza e gratitudine Casè lo fa oggi laicamente suo, e lo rivolge a quel vulgo indistinto di anime, di uomini e donne senza volto, che hanno costituito la struttura portante della nostra antica civiltà contadina lungo i secoli fino a noi. In tal senso questa sua mostra è un doveroso tributo a chi ci ha preceduto, ma al tempo stesso è un atto di resistenza contro l’indifferenza del presente nei confronti di quella civiltà rurale e alpina: povera e periferica, ma degna di grande rispetto e testimonianza degli usi e costumi nonché dell’ingegnosità di un popolo messo a confronto con non facili condizioni di vita. E la prima grazia ricevuta, per cui l’artista rende davvero grazie, è la Vita stessa; cui si accompagna il senso di riconoscenza per tutto ciò che quegli uomini hanno pensato, immaginato o costruito, ci hanno lasciato e tramandato per il nostro bene-essere, sia materiale che spirituale, passo dopo passo, secolo dopo secolo.

Se è vero che “il lavoro artistico ha valore perché crea anima, si fa anima” (G. Martignoni), con questa sua mostra Casè ha veramente passato il guado che separa il visivo dal mentale, l’elemento materiale da quello immateriale che gli sta dietro e di cui si fa rivelazione; riuscendo nel contempo a restituire il senso di un passato ormai giunto alla sua fine, ma che ancora sopravvive nella memoria e negli affetti di chi lo ha parzialmente vissuto o anche solo sfiorato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte fondazione ghisla pierre casè
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved