carol-solvay-il-peso-e-la-leggerezza-dell-arte
Carole Solvay, Sans titre (Anémone rouge), 2017
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
2 ore

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
4 ore

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
4 ore

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
4 ore

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
6 ore

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
6 ore

La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda

Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Locarno 75
19 ore

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
21 ore

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
23 ore

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
23 ore

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
1 gior

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
1 gior

Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana

Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Culture
1 gior

Spider-Man, compie 60 anni il più giovane dei supereroi Marvel

Creato nell’agosto del 1962 da Stan Lee, con la collaborazione geniale del disegnatore Steve Ditko, ha ritrovato nuova gloria al cinema con Sam Raimi
Spettacoli
1 gior

L’India rifà ‘Forrest Gump’, e c’è chi grida al boicottaggio

Centinaia di integralisti riuniti davanti ai cinema hanno cercato di impedire l’accesso al pubblico nell’Uttar Pradesh: ‘Ridicolizzate le divinità indù’
03.04.2021 - 18:46
Aggiornamento: 21:17
di Claudio Guarda

Carol Solvay, il peso e la leggerezza dell’arte

In mostra alla Fondazione Ghisla di Locarno fino al 22 agosto le opere dell’artista autodidatta belga

Con tre tagli differenziati per ognuno dei tre piani, la Ghisla Art Collection presenta al pian terreno due maestri indiscussi della Land Art, Christo e Jeanne-Claude; in quello di mezzo opere rappresentative della collezione e, all’ultimo, una rassegna su Carol Solvay, artista autodidatta belga che ha trovato la sua principale fonte di ispirazione nella natura e nei suoi materiali che raccoglie pazientemente e poi rielabora: arbusti, canne, ossa di piccoli roditori, crini di cavallo. Ma soprattutto piume e penne di uccello che da anni costituiscono la sua materia espressiva prediletta. A differenza di altri artisti che le hanno utilizzate per conseguire effetti pittorici esaltandone la varietà dei colori, essa tende piuttosto a sorprendente un effetto atmosferico e ambientale.

Una grande nuvola bianca dentro una luce soffusa accoglie il visitatore che accede alla prima sala. L’impressione – confermata dal titolo – è quella di uno scroscio d'acqua ghiacciata che precipita da una nuvola soprastante, tanto da percepirne il ticchettio, la direzione, l'intensità. L’effetto è tanto sorprendente da fermare il passo di chi entra e si interroga stupito di quale materiale sarà mai fatta: certo, prima di ogni altra cosa, di un’infinita pazienza! Perché è un’opera che si direbbe fatta di niente, che si libra in un grande vuoto, con la vaporosità di una freschezza rigeneratrice. Solo dopo ci si muove e si cerca di capire: e ci si rende presto conto di come l'artista abbia saputo mimetizzare il materiale (singole penne di uccello deprivate delle loro barbe) per creare un’opera assolutamente nuova che genera nell'osservatore memorie, associazioni, dislocazioni spazio-temporali.

Come capita quando egli si gira e vede alle sue spalle, appesa al muro, quella grande madrepora dal bellissimo manto bruno e dai movimenti ondulatori che lo trasportano dalla pioggia del cielo alle profondità marine. Nessuno crederebbe, se non lo costatasse da vicino, tra sconcerto e sorpresa, che anche quell’opera è tutta fatta di piume legate ad una ad una. Viene alla mente la sua storia di donna diventata artista muovendo sull’onda delle tradizionali tecniche di cucitura e tessitura, ma che si è poi liberata dei loro vincoli – pur senza mai dimenticarle – per passare alla creazione di oggetti tridimensionali che si librano nello spazio grazie all’utilizzo di sottilissimi fili. Basterebbe questa prima sala a dar conto della notevole diversità espressiva e poetica che Carol Solvay sa raggiungere a partire da uno stesso elemento di fondo, e cioè le piume.

Che non rappresentano solo la cosa più leggera di questo mondo, ma anche la più delicata e fragile, la più inconsistente, in grado comunque di far volare alto nel cielo un corpo gravato di peso che, diversamente, resterebbe vincolato al suolo, impossibilitato ad alzarsi da terra: facendogli quindi cambiare prospettiva e punto di vista. Questo è il punto! Delle piume essa valorizza tutto al fine di creare opere librate nello spazio come fossero aria nell’aria, o che oscillano leggermente al passaggio del visitatore: un mondo senza peso, svincolato da quella legge di gravità che governa quello degli umani. Si percepisce che nelle sue creazioni perdura la memoria e lo stupore di un’infanzia lontana quando, con due oggetti trovati, si sapeva ricreare un mondo fantastico ma non gratuito, perché portava dentro di sé il senso misterioso del vivere a stretto contatto con una natura primigenia.

Quella stessa che si risente e ritrova un po’ ovunque passando per le sale dell’esposizione nelle forme palesemente organiche delle sue opere che richiamano elementi di natura come spugne, alveoli, lamelle, ali di farfalla e anemoni, strani nidi o arborescenze, e che la riecheggiano fin nei titoli delle varie serie: Onde, Madrepore, Scritture… Dove gli anemoni sembrano fiori e il vegetale è anche animale, o viceversa, dove gli arbusti sembrano criptiche scritture e il crine di cavallo genera forme della mente, dove la natura si manifesta insomma nella sua continua varietà. Pochi i colori, soprattutto forme vaporose che danno il senso di un respiro lento ma sintonizzato sul passo di chi si muove senza fretta, come quello cadenzato e regolare delle onde. Lo ricorda anche il bel titolo della sua recente monografia edita dalle Edizioni Mercator lo scorso anno “(E)movoir sans bruit”: in bilico cioè tra un muoversi lento ma anche un commuoversi ed emozionarsi senza rumore, contemplando, scoprendo, sentendo la vita che pulsa e preme in ogni angolo di questo mondo, ma anche il suo mistero.

“Le piume mi affascinano perché sono indissociabili dall’aria e dalla luce, sono vive e leggere, fragili ma anche resistenti” ha scritto Carole Solvay. Le sue opere, leggere e sospese nel silenzio dello spazio espositivo, vivono tra luci e penombre, tra stasi e movimento, frutto di una manualità umile e paziente ma anche di una grande dedizione e capacità di resilienza. Dicono dell’inconsistenza fuggevole della materia, ma anche della poesia dello sguardo e delle piccole cose, del respiro del mondo tra nuvole in viaggio, sottili trasparenze e improvvise rivelazioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carol solvay fondazione ghisla
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved