irma-blank-scrivere-senza-parole
Eigenschriften, 1968
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
7 ore

Musica, è morto Franco Battiato

Il cantautore italiano era nato a Jonia nel 1945. Si è spento questa mattina nella sua residenza di Milo
Musica
10 ore

Coi tempi che tirano, bentornato Marco Zappa (& Friends)

Una nuova band, un live al Dimitri e un brano, ‘QuantaVogliaDiRipartire’, diventato ‘TorniamoACantare’, condiviso con colleghi artisti ansiosi di ricominciare.
Spettacoli
22 ore

Lars von Trier torna sul set per 'The Kingdom 3'

Il regista danese richiama il cast della serie cult ospedaliera per la terza e ultima stagione, che sarà girata fino alla fine dell'estate
Spettacoli
22 ore

Nicole & Martin a Verscio, ‘Wassilissa’ e tutto il resto

Il 20 maggio alla White Tent le date ticinesi del tour della compagnia teatrale indipendente fondata dai due attori Nicole Gubler Schranz e Martin Gubler
Spettacoli
1 gior

Al Teatro Foce, il ‘Diario di un pazzo’ di Gogol' per Santoro

Un viaggio nell'animo umano in scena i prossimi giovedì 20, venerdì 21 e sabato 22 maggio alle 20.30 a Lugano.
Culture
1 gior

Poetry Slam, Italia campione del mondo con Giuliano Logos

Il poeta performativo di origine pugliese vince la XV edizione di un format nato a Chicago nel 1987 e che ricorda le battle dei rapper
Spettacoli
1 gior

Un Pardo per Phil Tippett, maestro degli effetti visivi

Da Star Wars a Jurassic Park, il due volte premio Oscar riceverà il Vision Award Ticinomoda il 5 agosto in Piazza Grande
Culture
1 gior

Salvatore Vitale è il Premio Bally 2020, in mostra al Masi

Ha vinto per l'aderenza della sua opera al tema ‘Sloganismo e sloganismi’. L'esposizione ‘Displaying Security’ è a Palazzo Reali, dal 6 giugno al 18 luglio 2021.
Scienze
1 gior

Lavorare oltre 55 ore a settimana aumenta il rischio di morte

Lo rivela uno studio dell'Organizzazione mondiale della sanità e dell'Organizzazione internazionale del lavoro. Aumento del 35% del rischio di ictus
Spettacoli
1 gior

Leni Riefensthal, non solo l’occhio del Führer

Emiliano Poddi pubblica una biografia in forma romanzata della regista tedesca, per ricordare una grande artista al di là dei film di propaganda
Jazz
1 gior

'Spring Fest', il Jazz Cat torna tra Ascona e Bellinzona

Al via giovedì 20 maggio con Christian Willisohn. Poi Karima e Faraò al Sociale, e il duo Sherlock-Birath. A colloquio con Nicolas Gilliet, direttore artistico
Culture
2 gior

L’originale riscrittura di Mattia Insolia

Il deserto affettivo dei fratelli Acquicella, protagonisti del romanzo d’esordio di Insolia, e il modello di Niccolò Ammaniti
Culture
2 gior

Premio svizzero del libro per bambini a Martin Panchaud

L’illustratore e autore ginevrino ha vinto con il romanzo a fumetti ‘Il colore delle cose’
Arte
22.03.2021 - 19:260

Irma Blank, scrivere senza parole

Oltre i limiti del linguaggio, il museo di Villa dei Cedri di Bellinzona dedica una mostra all'artista tedesca

È possibile prendere la parola scritta, privarla di quel che contraddistingue la scrittura – l’essere un segno distinto che rimanda ad altro – e ottenere qualcosa che non solo riconosciamo come un testo scritto, ma che ne costituisce in qualche modo l’essenza? Irma Blank, artista tedesca vissuta in Italia – il particolare biografico non è un dettaglio, come si vedrà – fa esattamente questo: la sua opera, in mostra al museo Villa dei Cedri di Bellinzona, è una “scrittura senza parole”, come la definiscono le curatrici Johanna Carrier e Joana P. R. Neves, una riduzione del testo alle sue componenti spaziale e grafica che tendiamo a trascurare o comunque a considerare accessorie, abituati ad associare, a quei segni, suoni e significati.
Il testo ridotto a linea tracciata, arabesco, ghirigoro, a inchiostro su pagine di libro o giornale, a pennellata che respira su pagina e tela componendo onde o montagne, persino una lingua inventata, con un alfabeto composto di poche consonanti.
L’allestimento di Villa dei Cedri ruota intorno ai colori: il percorso è innanzitutto cromatico, partendo dal rosa e dal viola delle prime sale al piano terreno fino al blu che occupa praticamente tutto il secondo piano. Una scelta interessante, certamente più suggestiva di un allestimento prettamente cronologico o per nuclei tematici, anche se potenzialmente dispersivo quando più serie di opere si intersecano tra loro. La mostra è parte di un progetto di ricerca internazionale sull’opera di Irma Blank durato tre anni: Villa dei Cedri è una delle sette istituzioni che hanno collaborato alla realizzazione dell’approfondita monografia e che ospitano la mostra: Villa dei Cedri arriva dopo il Cultugest di Lisbona, il Mamco di Ginevra, il Capc di Bordeaux, il Cca di Tel Aviv e prima del Bombas di Valencia e dell’Ica di Milano.

Scrittura asemantica

Si era accennato alla vita di Irma Blank: nata in Germania, in Bassa Sassonia, nel 1934, a metà degli anni Cinquanta ha seguito quello che poi sarebbe diventato suo marito a Siracusa. Scontato parlare di shock culturale, di disorientamento per il nuovo contesto geografico e sociale. Ma per la giovane Irma Blank la solitudine era soprattutto una questione di comunicazione: “Ero consapevole dei limiti del linguaggio, soffrivo per l’inadeguatezza delle parole nell’esprimete ciò che sentivo” ha spiegato nell’intervista di Hans Ulrich Obrist presente nel catalogo. “Mi ero resa conto che il linguaggio non può esprimere ciò che sentiamo veramente”.
Di nuovo, scontato parlare di incomunicabilità, dell’arte come linguaggio universale in grado di superare ogni divisione. Anche perché – come ci ha spiegato la direttrice di Villa dei Cedri Carole Haensler durante una visita alla mostra – il lavoro di Irma Blank è prevalentemente intimo, parte sempre da una ricerca personale, non da una critica sociale. La mostra a Villa dei Cedri la possiamo inserire in un percorso di valorizzazione di figure artistiche femminili magari trascurate, ma anche qui senza volerci leggere rivendicazioni sullo status della donna.
Punto di accesso per comprendere l’opera di Irma Blank è quindi il suo interesse, la sua passione per la letteratura e in generale per le varie forme del testo. Questa centralità la si vede molto bene nel passaggio dalla serie delle ‘Eigenschriften’ – che potremmo tradurre come “scritture del sé” –, le prime opere in cui la scrittura è quasi un diario in un alfabeto immaginario, alle successive ‘Trascrizioni’ nelle quali, influenzata anche dal nuovo ambiente milanese, viene riprodotta la tipografia di romanzi, poesie, giornali. Ancora più indicativa la serie, iniziata nel Duemila, dei ‘Global writings’ fondata su un alfabeto ridotto a otto consonanti (c, d, h, j, l, m, r, t) che fa da punto di partenza per nuovi testi che ritroviamo stampati su tela, specchi di acciaio o anche, con tanto di correzioni a mano, su fogli di carta.
Una menzione la meritano anche le serie ‘Hyper-Text e ‘Avant-testo’: apparentemente lontane ma che l’artista ha considerato legate. Nella prima abbiamo, sovrapposte fino a diventare quasi completamente irriconoscibili, “normali” parole in italiano, tedesco e inglese; nella seconda il testo sparisce del tutto, ridotto a gesto di tracciare un segno che arriva a coprire l’intero spazio e anzi a fuoriuscirne, diventando quasi performance – e a Villa dei Cedri troviamo un filmato realizzato nella tappa di Bordeaux dell’esposizione che mostra che cosa si intende.
L’esposizione ‘Blank’ rimarrà aperta a Villa dei Cedri fino ad agosto; appena possibile saranno organizzate le visite guidate.

© Regiopress, All rights reserved