irma-blank-scrivere-senza-parole
Eigenschriften, 1968
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 74
1 ora

Il cinema torna in piazza

Bollettini MeteoSvizzera e dati sui contagi alla mano, il rito collettivo si è ripetuto, per riaffermare con forza il valore collettivo dell’arte cinematografica
Locarno 74
1 ora

Alberto Lattuada, l'amante del cinema

La Retrospettiva torna ad esplorare la storia del cinema italiano attraverso Alberto Lattuada, fine artigiano, sopravvalutato o sottovalutato, dalla 40ennale carriera
Panorama Suisse
2 ore

‘Atlas’ di Niccolò Castelli al Fevi

Il film con Matilda De Angelis inaugurerà la sezione Panorama Suisse al Locarno film festival giovedì
Locarno 74
3 ore

In Piazza Grande, cinquant'anni dopo

Era il 1971 quando il Festival, dopo gli anni del Grand Hôtel, approdava con il progetto di Livio Vacchini in quello che adesso è il suo simbolo e immagine
Scienze
5 ore

I Neanderthaliani, popolo di antichi pittori

Sono loro attribuite pitture di 65mila anni fa trovate nel sud della Spagna: la conferma da un nuovo studio
Musica
5 ore

Tony Bennett, fresco 95enne, torna in studio con Lady Gaga

'Love For Sale' è il nuovo album di duetti atteso per il primo ottobre 2021. Malgrado l'Alzheimer, il mitico crooner continua a tenere concerti.
Culture
18 ore

Addio al 'fasciocomunista' Antonio Pennacchi

Lo scrittore si è spento nella sua casa di Latina. È ricordato, fra le altre cose, per aver vinto nel 2010 il Premio Strega con ‘Canale Mussolini’
Musica
19 ore

Giovanni Ferro e Giovanni Seneca, Mendrisio a sei corde

Mercoledì 11 Agosto alle 20, nel Chiostro dei Serviti, doppio concerto con due grandi nomi della chitarra
Scienze
21 ore

Cape Canaveral: rinviato il volo dello Starliner Boeing

Il problema è stato identificato dopo il check seguito ai fulmini abbattutisi sulla regione del Kennedy Space Center
Scienze
21 ore

Coronavirus: anticorpi al virus trovati anche nei cervi

Sono contenuti in almeno un terzo dei cervi dalla coda bianca (Odocoileus virginianus), i più comuni in Nordamerica, segno dell'avvenuto contagio
Arte
23 ore

Al Museo d'arte di Mendrisio la personale di Aoi Huber Kono

Il Mendrisiotto ha ispirato il suo lavoro di pittrice, acquafortista, illustratrice e di grafica. La mostra a lei dedicata è aperta fino al 5 settembre 2021.
Spettacoli
1 gior

Lucerne Festival all'insegna delle orchestre

Più di un centinaio di concerti sparsi fra il 10 agosto e il 12 settembre. Apre Riccardo Chailly con opere di Mozart e Schubert.
Arte
1 gior

Scoperte tracce della pittura dei Neanderthal in Spagna

Hanno utilizzato i pigmenti per colorare le caverne ben prima dell'arrivo dell'uomo moderno in Europa: lo dimostra una grotta in Andalusia
Arte
22.03.2021 - 19:260

Irma Blank, scrivere senza parole

Oltre i limiti del linguaggio, il museo di Villa dei Cedri di Bellinzona dedica una mostra all'artista tedesca

È possibile prendere la parola scritta, privarla di quel che contraddistingue la scrittura – l’essere un segno distinto che rimanda ad altro – e ottenere qualcosa che non solo riconosciamo come un testo scritto, ma che ne costituisce in qualche modo l’essenza? Irma Blank, artista tedesca vissuta in Italia – il particolare biografico non è un dettaglio, come si vedrà – fa esattamente questo: la sua opera, in mostra al museo Villa dei Cedri di Bellinzona, è una “scrittura senza parole”, come la definiscono le curatrici Johanna Carrier e Joana P. R. Neves, una riduzione del testo alle sue componenti spaziale e grafica che tendiamo a trascurare o comunque a considerare accessorie, abituati ad associare, a quei segni, suoni e significati.
Il testo ridotto a linea tracciata, arabesco, ghirigoro, a inchiostro su pagine di libro o giornale, a pennellata che respira su pagina e tela componendo onde o montagne, persino una lingua inventata, con un alfabeto composto di poche consonanti.
L’allestimento di Villa dei Cedri ruota intorno ai colori: il percorso è innanzitutto cromatico, partendo dal rosa e dal viola delle prime sale al piano terreno fino al blu che occupa praticamente tutto il secondo piano. Una scelta interessante, certamente più suggestiva di un allestimento prettamente cronologico o per nuclei tematici, anche se potenzialmente dispersivo quando più serie di opere si intersecano tra loro. La mostra è parte di un progetto di ricerca internazionale sull’opera di Irma Blank durato tre anni: Villa dei Cedri è una delle sette istituzioni che hanno collaborato alla realizzazione dell’approfondita monografia e che ospitano la mostra: Villa dei Cedri arriva dopo il Cultugest di Lisbona, il Mamco di Ginevra, il Capc di Bordeaux, il Cca di Tel Aviv e prima del Bombas di Valencia e dell’Ica di Milano.

Scrittura asemantica

Si era accennato alla vita di Irma Blank: nata in Germania, in Bassa Sassonia, nel 1934, a metà degli anni Cinquanta ha seguito quello che poi sarebbe diventato suo marito a Siracusa. Scontato parlare di shock culturale, di disorientamento per il nuovo contesto geografico e sociale. Ma per la giovane Irma Blank la solitudine era soprattutto una questione di comunicazione: “Ero consapevole dei limiti del linguaggio, soffrivo per l’inadeguatezza delle parole nell’esprimete ciò che sentivo” ha spiegato nell’intervista di Hans Ulrich Obrist presente nel catalogo. “Mi ero resa conto che il linguaggio non può esprimere ciò che sentiamo veramente”.
Di nuovo, scontato parlare di incomunicabilità, dell’arte come linguaggio universale in grado di superare ogni divisione. Anche perché – come ci ha spiegato la direttrice di Villa dei Cedri Carole Haensler durante una visita alla mostra – il lavoro di Irma Blank è prevalentemente intimo, parte sempre da una ricerca personale, non da una critica sociale. La mostra a Villa dei Cedri la possiamo inserire in un percorso di valorizzazione di figure artistiche femminili magari trascurate, ma anche qui senza volerci leggere rivendicazioni sullo status della donna.
Punto di accesso per comprendere l’opera di Irma Blank è quindi il suo interesse, la sua passione per la letteratura e in generale per le varie forme del testo. Questa centralità la si vede molto bene nel passaggio dalla serie delle ‘Eigenschriften’ – che potremmo tradurre come “scritture del sé” –, le prime opere in cui la scrittura è quasi un diario in un alfabeto immaginario, alle successive ‘Trascrizioni’ nelle quali, influenzata anche dal nuovo ambiente milanese, viene riprodotta la tipografia di romanzi, poesie, giornali. Ancora più indicativa la serie, iniziata nel Duemila, dei ‘Global writings’ fondata su un alfabeto ridotto a otto consonanti (c, d, h, j, l, m, r, t) che fa da punto di partenza per nuovi testi che ritroviamo stampati su tela, specchi di acciaio o anche, con tanto di correzioni a mano, su fogli di carta.
Una menzione la meritano anche le serie ‘Hyper-Text e ‘Avant-testo’: apparentemente lontane ma che l’artista ha considerato legate. Nella prima abbiamo, sovrapposte fino a diventare quasi completamente irriconoscibili, “normali” parole in italiano, tedesco e inglese; nella seconda il testo sparisce del tutto, ridotto a gesto di tracciare un segno che arriva a coprire l’intero spazio e anzi a fuoriuscirne, diventando quasi performance – e a Villa dei Cedri troviamo un filmato realizzato nella tappa di Bordeaux dell’esposizione che mostra che cosa si intende.
L’esposizione ‘Blank’ rimarrà aperta a Villa dei Cedri fino ad agosto; appena possibile saranno organizzate le visite guidate.

© Regiopress, All rights reserved