i-miss-you-quattro-passi-nella-videoarte
Esercizi di resistenza poetica
15.02.2021 - 18:46
Aggiornamento : 16.02.2021 - 16:35

'I miss you', quattro passi nella videoarte

Camminando intorno alla Domus Poetica di Bellinzona, per l'inaugurazione della rassegna 2021 denominata ‘Il giardino segreto’

Il Circolo di Cultura di Bellinzona perpetua la tradizione d'iniziare l'annuale rassegna con una mostra d'arte contemporanea, anche malgrado il momento pandemico. La rassegna 2021 è denominata ‘Il giardino segreto’ e prende il via il prossimo 20 febbraio (per chiudersi in 30 marzo 2021) con il primo di tre eventi fruibili in sicurezza, passeggiando attorno allo stabile della Domus Poetica dove, in collaborazione con Galerie la C di Neuchâtel – cui da cinque anni a questa parte viene chiesta un'installazione artistica in linea con il tema scelto per l'anno solare – saranno visibili tre opere di videoart dell'artista svizzero Peter Aerschmann, in proiezione notturna dalle 20 alle 6 sulle finestre ‘animate’ di via A. di Sacco 4. Le opere di Aerschmann – nato nel 1969 a Friburgo, vive a Berna – s'intitolano ‘I miss you’, ‘Elevation’ e ‘Pendule 2’. La prima, ‘Miss you’ (2020), che inaugura le proiezioni (in poesia e musica con Marko Miladinovic e al pianoforte Alessandro Chiappini), tratta del tema della sovrabbondanza di luoghi e attività virtuali del XXI secolo. ‘Elevation’ (2012) tratta, in un registro profano e atemporale, il tema dell’attesa, della liberazione e del legame tra cielo e terra. La terza, Pendule_2 (2019), è la ‘composizione’ della nostra vita appesa a un filo (www.domuspoetica.ch).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
domus poetica miss you videoarte
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved