NAS Predators
5
WIN Jets
2
fine
(3-0 : 1-1 : 1-1)
EDM Oilers
0
FLO Panthers
5
3. tempo
(0-0 : 0-2 : 0-3)
LA Kings
1
COL Avalanche
2
2. tempo
(0-1 : 1-1)
Seattle Kraken
2
SJ Sharks
1
2. tempo
(0-1 : 2-0)
VEGAS Knights
2
MON Canadiens
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
ischgl-and-more-il-masi-riparte-dal-trash
Lois Hechenkblaikner Ischgl
+3
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
4 ore

Addio a Elza Soares, cantante brasiliana del millennio

Così la definì la Bbc nel 1999. Per il Rolling Stone, fu tra le cento più grandi voci della storia della musica brasiliana.
Festival di Sanremo
7 ore

Sanremo: i duetti del venerdì, da De André a... Britney Spears

In un range che va da ‘Nella mia ora di libertà’ (ospite Capossela) a ‘Baby One More Time’ (sic), a tema ’60, ’70, ’80 e ’90
Culture
9 ore

A ‘Storie’ le ragioni del respingimento di Liliana Segre

La vicenda è al centro del documentario di Ruben Rossello prodotto dalla Rsi, in programma domenica 23 gennaio
Culture
10 ore

Referendum Lex Netflix, ‘una pugnalata alle spalle’

Lo sostiene cinésuisse, secondo cui combattere la revisione della legge sul cinema è un attacco alla cultura e all’economia della Svizzera
Cinema
12 ore

Addio Camillo Milli, presidente della Longobarda e Megadirettore

Formatosi con Strehler, poi a fianco di Fo, è stato uno dei protagonisti della commedia italiana. Recitò ne ‘Il marchese del Grillo’ di Monicelli
Culture
12 ore

La cultura ticinese nel cinema svizzero ha un nuovo alleato

Presentato alle Giornate di Soletta un fondo nazionale per sostenere i film legati al Sud delle Alpi. Ne abbiamo parlato col regista Niccolò Castelli.
Locarno Film Festival
17 ore

Locarno75, la Retrospettiva è dedicata a Douglas Sirk

Una rilettura del regista tedesco a 35 anni dalla sua scomparsa avvenuta in Ticino. A colloquio con Roberto Turigliatto, co-curatore della retrospettiva
Scienze
20 ore

La resistenza agli antibiotici uccide 1,2 mln di persone l’anno

Il rapporto è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet
Culture
21 ore

Usi, una storia lunga tre secoli

Intervista a Pietro Montorfani, autore con Mauro Baranzini di un libro sulla storia dell’Università della Svizzera italiana
Teatro Sociale
22 ore

‘Volar cantando’, Rossana Taddei alle radici del suo folklore

Sabato 22 gennaio il nuovo spettacolo, celebrazione dei 15 anni di sodalizio con Gustavo Etchenique e momento di riscoperta di nuovi classici
Spettacoli
22 ore

La Santippe di Lella Costa, una santa vedova Socrate

Al Teatro Sociale l’attrice italiana ha ripreso il monologo di Franca Valeri dedicato “alla moglie più insopportabile dell’Antichità”
Spettacoli
1 gior

Sfogliando ‘Se questo è un uomo’ a teatro

Magnifica prova di Valter Malosti, martedì scorso al Lac, nel portare in scena il testo di Primo Levi
Spettacoli
1 gior

L’attore francese Gaspard Ulliel è morto in un incidente di sci

Aveva 37 anni. Noto per aver interpretato Yves Saint Laurent e lo psichiatra cannibale di ‘ Hannibal Lecter - Le origini del male’ e
Società
1 gior

Addio a André Leon Talley, gigante nero della moda

A lungo direttore creativo di ‘Vogue’, Leon Talley aveva 73 anni. Suo il servizio che reinterpretava Via col vento con Naomi Campbell
Conservatorio
1 gior

Scuola di Musica del Csi, Concerto di Gala è in presenza

Nell’Aula Magna del Conservatorio della Svizzera italiana venerdì 28 gennaio alle 19, anche in streaming
27.06.2020 - 11:200
Aggiornamento : 07.09.2020 - 14:25

Ischgl and more: il Masi riparte dal trash

Esposizione pop-up per la riapertura della sede del Lac del Museo d'arte della Svizzera italiana, con le moraleggianti fotografie di Hechenblaikner

“Ischgl and more”.
Ischgl è una località sciistica del Tirolo: 1’377 metri sul livello del mare, 1’593 abitanti, 1,4 milioni di pernottamenti all’anno. E questi numeri sono già un indizio di cosa ci sia, in quel “and more” che troviamo nel titolo nell’esposizione che riapre la sede del Lac del Museo d’arte della Svizzera italiana dopo la chiusura forzata per la pandemia, e dopo l’annullamento o il rinvio di alcuni progetti.
Mostra improvvisa – che è diverso da improvvisata –, realizzata prendendo alcuni degli scatti realizzati negli anni dal fotografo austriaco Lois Hechenblaikner, immagini recentemente raccolte in un libro e che raccontano, o meglio mostrano, il turismo di massa di Ischgl, fatto non tanto di neve e di sci, ma di feste, alcol, eccessi. Immagini che, con congruente sottofondo musicale, troviamo proiettate a coppie sulle pareti della sala; un allestimento significativo nella sua essenzialità ma tutto sommato marginale, rispetto alle immagini stesse e ai sentimenti che suscitano in chi le vede (come si può giudicare direttamente dagli esempi qui riprodotti e che non sono neanche tra i più “estremi”, per quanto alla fine abbastanza tipiche di certe mete turistiche o situazioni come i carnevali nostrani).

Ecco, quali sentimenti suscitano queste foto? Iniziamo col dire che non troviamo solo immagini di persone ubriache che festeggiano senza troppe inibizioni, anche se certamente queste sono le foto che più restano impresse. E del resto Hechenblaikner non ha fotografato solo Ischgl, ma anche di altre località turistiche del Tirolo, ma diciamo meno mondane – ma queste immagini, curiosamente, le troviamo proiettate in uno spazio separato.
Insomma, l’impressione è che si voglia turbare e scandalizzare lo spettatore. In realtà «ci sono persone che si sentono attratte, da queste foto; altre invece respinte» ci spiega il fotografo quando, conclusa la conferenza stampa, gli rivolgiamo qualche domanda. Perché – e questo è stato anche sottolineato dalla curatrice del progetto al Masi Francesca Benini – il lavoro di Lois Hechenblaikner vuole essere una documentazione, un resoconto a suo modo neutrale di una realtà esistente, senza giudizi o pregiudizi. «Sono come un contatore Geiger che registra gli estremi: a Ischgl non c’è solo questo, ma io voglio far vedere fino dove arriva questa idea di turismo, qual è il livello massimo raggiunto».

L’intento quindi è far riflettere: se poi si arriva a una condanna o a un rifiuto, non sono la condanna o il rifiuto di Hechenblaikner ma di chi guarda il suo lavoro. E questo è forse l’aspetto più interessante della mostra: questo suo apparente basarsi su un’idea incredibilmente ingenua della fotografia concepita come semplice riproduzione della realtà, senza filtri né distorsioni. Ma ovviamente Hechenblaikner non è ingenuo e si rende certamente conto che già solo il fatto di aver preso quelle fotografie e di averle prima raccolte in un libro e poi proiettate in un museo è un gesto che ha un significato che va ben la di là del semplice “registrare gli estremi come un contatore Geiger”.

L’obiettivo di Hechenblaikner non è semplicemente invitarci a riflettere su certi temi – il turismo di massa, la trasformazione del territorio che esso porta, la ricerca degli eccessi, il rapporto tra divertimento, piacere e dolore – ma anche indicarci come dobbiamo riflettere su questi temi. Ed è una riflessione essenzialmente basata sulla contrapposizione tra ciò che è originario e autentico e ciò che è corrotto e artificioso. Il che spiega l’utilizzo, in alcuni immagini, di un’estetica pornografica e voyeuristica: cosa di meglio per dare forma visibile alla corruzione? Hechenblaikner è nato e cresciuto in Tirolo, è evidentemente attaccato alla sua terra e forse si porta dietro quel rapporto di odio-amore verso gli stranieri (in questo caso tedeschi) tipico di molte regioni turistiche; comprensibile quindi che il suo approccio sia quello.

Ma si tratta di un approccio limitato, incapace di pensare al futuro perché si arena nella nostalgia per un passato che in realtà non è mai esistito, dall’idea di un paradiso perduto dal quale siamo stati scacciati e al quale sarebbe bello tornare.

Proprio la pandemia di Covid-19 esemplifica il limite di questo approccio: Ischgl è stato uno dei principali focolai della malattia, registrando il valore più alto al mondo di contagiati tra la popolazione – il 42,4% in base ai test sierologici presentati giusto ieri. Ora, come dobbiamo leggere questa informazione? Possiamo chiederci se ci sarà ancora posto, nella società post Covid-19, per un turismo non solo di massa, ma di ammassamento, pensando a possibili alternative. Oppure possiamo pensare al focolaio come una punizione divina per aver trasformato l’Eden in Sodoma. Inutile dire quale dei due fosse il sottotesto, quando durante la conferenza stampa si è accennato al focolaio.

L’esposizione si intitola “Ischgl and more”, perché si vuole andare oltre Ischgl e i suoi turisti. Ed è proprio lì il problema.

Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved