DJOKOVIC N. (SRB)
1
CARRENO BUSTA P. (ESP)
1
3 set
(4-6 : 7-6 : 0-2)
museo-d-arte-mendrisio-da-ieri-a-oggi-linee-del-ritorno
Cesare Lucchini, Senza titolo (2008, olio su tela Museo d’arte Mendrisio)
+1
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
18 ore

L’Arco di Trionfo come immaginato da Christo e Jeanne-Claude

Iniziati i lavori di impacchettamento secondo le indicazioni lasciate dalla coppia di artisti. L’opera sarà visibile dal 18 settembre al 3 ottobre
Spettacoli
19 ore

Shakira rischia il processo per frode fiscale

La somma contestata alla cantante sarebbe stata evasa tra il 2012 e il 2014 quando secondo le autorità l'artista aveva già fissato la residenza fiscale in Spagna
Culture
1 gior

Roberto Calasso, l'editoria come passione

Le sue narrazioni concepite come un ciclo, le scelte editoriali esclusive e grandi: un ricordo dell'editore di Adelphi, scomparso a Milano all'età di 80 anni.
Musica
1 gior

Gli ZZ Top perdono il bassista Dusty Hill, morto a 72 anni

L'ultimo saluto della band sui social: 'Saremo per sempre legati a quel Blues Shuffle in C. Ci mancherai moltissimo, amigo'
Teatro
1 gior

Lazzi di Luzzo 'à la carte' e in tour

La colonia teatrale per adolescenti ha prodotto il suo lavoro per la 31esima edizione, incentrato sull'accoglienza e sull'incontro. Tutte le date.
Cinema
1 gior

'Caves', documentario sulla Svizzera centrale a Venezia 78

Il filmato di 19 minuti sulla speleologa e alpinista nidvaldese Lea Odermatt è l'unica produzione svizzera selezionata per il Concorso VR Expanded.
Scienze
1 gior

Una nuova specie di muschio scoperta nei pressi del Martinsloch

La Schistidium foraminis-martini è di colore marrone e cresce soprattutto sulle rocce calcaree. Rintracciata in due soli altri luoghi, in Svizzera e in Austria
Arte
1 gior

Fiabe, leggende e racconti del Grigionitaliano in un calendario

È il ‘Calendario d’Artista 2022’, mostra che s'inaugura sabato 31 luglio alle 16 alla Galleria Spazio28 arte contemporanea di San Bernardino
Culture
1 gior

Fazioli e Bernasconi dietro le vetrine di Paradeplatz

Per un anno i due autori sono andati a Zurigo per raccontare di un luogo andando al di là della faccia abusata delle cose
Culture
1 gior

Addio a Roberto Calasso, l'editore di Adelphi

Nato a Firenze nel 1941, lo scrittore ed editore aveva da poco compiuto ottant'anni ed era malato da tempo
Società
2 gior

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
2 gior

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
2 gior

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Arte
09.06.2020 - 22:000

Museo d'arte Mendrisio: 'Da ieri a oggi', linee del ritorno

La storia del museo in un contemporaneo 'di lungo respiro' nelle parole del direttore Simone Soldini. Fino al 9 agosto, non più online (aspettando Derain)

Le sedie disposte in modo simmetrico nella sala che apre la mostra, vigilata dalla ‘Figura in piedi’ di Aldo Ferrario, formano una duplice trama: quella ideale di un racconto anche doloroso durato tre lunghi mesi e che ancora non ha titoli di coda, e la trama visiva che cattura l’occhio tra le ‘Linee del contemporaneo’ esposte al Museo d'arte Mendrisio, dov’è aperta – per restarlo sino al 9 agosto 2020 – ‘Da ieri a oggi’, mostra che segna la riapertura di un museo costretto a una quarantena online e oggi tornato tangibile. «Innanzitutto, era forte l’esigenza di riempire il vuoto. La cosa migliore era ribadire che il museo è un punto di riferimento per la regione, per riportare attenzione sulla stessa e sui nostri artisti». Questo il significato della mostra così come spiegato dal suo direttore Simone Soldini, in quello che pare un approfondito 'dove eravamo rimasti?' assai ticinese che in questo caso è «la storia del contemporaneo presente sino a oggi nelle nostre collezioni, un contemporaneo stimolato e arricchito dall’acquisto di nuove opere attingendo a parte dei contributi di pubblica utilità del Casinò».

'Un contemporaneo di più lungo respiro'

Dove inizia il contemporaneo a Mendrisio? «Dobrzanski o Max Huber fanno ancora parte del contemporaneo?» si chiede il direttore. E la risposta è «sì perché sono ancora vitali, perché non abbiamo voluto chiudere alla pura attualità, ma a un contemporaneo che ha un suo percorso, di più lungo respiro». Quanto all’Huber vitale, il suo ‘Nucleo bianco’ datato 1976 sta a un metro della videoarte dei giovani Gianmaria Zanda (‘Piano sequenza’, o un insieme di essi, della durata di un minuto e poco più), Vincenzo Meyer (‘Il Tempo’, che di minuti ne dura sei), l’animazione vettoriale di Timothy Hofmann e, giusto di fronte,  i primi piani di uomini e animali di Tommaso Donati, a fianco della Mendrisio urbana ritratta da Gian Paolo Minelli. «Ci è sembrato giusto – continua Soldini – immettere artisti molto giovani sui quali ancora non c’è una storia, e dei quali non sappiamo ancora se avranno una storia. Pensiamo che per il contemporaneo è spesso un discorso di azzardo, ma è importante far sentire la nostra presenza». Tutto questo nel sempre più moderato ‘sconcerto’ creato dal rapporto tra tela e chiavetta Usb, a collegare stili ed epoche.

In nome di un percorso concepito «per nuclei, cercando affinità tra le opere, non solo per stili e linguaggi e nemmeno in sequenza cronologica», stanno così i bronzi di Selim Abdullah con quelli di Paolo Selmoni, i ‘neri’ di Raggenbass e Dobrzanski distanti vent’anni, due recenti ‘Onde’ di Petra Weiss e tutto quanto va – in ordine alfabetico – da Sibilla Altepost (perché Abdullah l’abbiamo già citato) a Piera Zürcher, in una scelta generalmente ricaduta «sull’opera della maturità avanzata, a dire che spesso le opere di artisti che hanno fatto un percorso verso la maturità si liberano, soprendendo ancora».

Derain, finalmente 

Da Barbara Paltenghi Malacrida, storica d’arte e collaboratrice scientifica, il temporaneo bilancio sul museo rinato, stimolato dalla chiusura forzata a una profonda riflessione sulla propria multimedialità, materializzatasi nell’immediatezza dello stop nei cinquanta video da un minuto e mezzo ciascuno per altrettante opere, piccola ‘rassegna’ web iniziata lo scorso 12 maggio e conclusa ieri con gli ultimi due prodotti. «Un modo per illustrare anche lavori non visibili attualmente, ma custoditi nel deposito». La quarantena ha portato al potenziamento del sito, ora accessibile da tutti i supporti e arricchito in immagini e contenuto, con sezione dedicata a Casa Pessina. Forte anche dell’annunciata rete dei musei del Mendrisiotto, joint-venture artistica che sarà presentata «entro la metà di luglio» (cfr. laRegione dello scorso 6 giugno), tutto è nuovamente pronto per ospitare ‘André Derain. Sperimentatore controcorrente’, mostra sul grande del Novecento fermata in aprile dal virus e per la quale prestatori, collezionisti privati e musei hanno rinnovato la loro fiducia: «La mostra – conferma Paltenghi Malacrida – avrà luogo così come concepita in aprile». Ma dal 27 settembre al 31 gennaio 2020. Tutti i dettagli, a partire ‘Da ieri a oggi’, sul neonato www.museo.mendrisio.ch.

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved