vanmechelen-nel-teatro-opere-d-arte-nell-opera-d-arte
'Painting' (© Koen Vanmechelen)
+2
ULTIME NOTIZIE Culture
Video
Musica
2 ore

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito.
Culture
5 ore

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
14 ore

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
14 ore

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
19 ore

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
1 gior

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
1 gior

Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco

‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
2 gior

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
05.10.2019 - 14:45
Aggiornamento: 16:32

Vanmechelen nel 'Teatro', opere d'arte nell'opera d'arte

A Mendrisio, sessantacinque lavori dell'artista fiammingo 'vivono' fino al 2 febbraio 2020 nella struttura concepita da Mario Botta

«Tanto nell’arte e nella poesia quanto nella scienza cerchiamo la vita eterna, e pur usando strumenti differenti, alla fine ci uniamo nello stesso contenuto». Limburghese, originario di una regione legata ai nomi di Bruegel, Bosch e Rubens, Koen Vanmechelen così riassume alla ‘Regione’ il suo contaminare arte e scienza, culture e natura. Lo scultore, pittore, performer, studioso e attivista dei diritti umani ‘vive’ nel Teatro dell’Architettura di Mendrisio – fino a domenica 2 febbraio 2020 – con sessantacinque dei suoi lavori (galline comprese, in cui l’artista vede il simbolo dell’evoluzione bioculturale) realizzati tra l’82 e il 2019, un ventaglio di sculture, dipinti, neon, fotografie e installazioni, fuori e dentro i tre piani del teatro concepito da Mario Botta, legato a Vanmechelen da lunga amicizia.

«L’incontro nasce una decina d’anni fa – spiega l’architetto – attraverso un mio lavoro nella città di Genk, in un edificio all’interno del quale era situata la galleria d'arte nella quale Koen stava esponendo. Mi è subito sembrato interessante, inteso come forma di espressione artistica, il suo rincorrere le condizioni originarie del vivere, il lavorare sulla fertilità. Da lì è nato un rapporto anche di lavoro, perché sempre a Genk ho costruito il suo atelier, una grande fabbrica in un parco in cui la città gli ha concesso la possibilità di avere molti animali». ‘Fertility’, non a caso, era il titolo inizialmente pensato per una mostra che è ora identificata con ‘The Worth of life’, il valore della vita. L’incubatrice a inizio esposizione, molto dice in questo senso, e così Vanmechelen, affascinato all’età di cinque anni dallo schiudersi delle uova all’interno di quel dispositivo: «Oggi rivivo quella stessa sensazione, perché mi trovo in un ambiente che è un’incubatrice, in cui tutto deve essere qui perché possa nascere».

Didi Bozzini, curatore della mostra, parla di «opere d’arte dentro l’opera d’arte, uno sposalizio difficile ma eccitante», nel senso che «l’architettura di Botta è opera d’arte a pieno titolo e questo vale anche per Vanmechelen. Ho cercato di evitare conflitti, o di rendere fruibile l’eventuale conflitto, cosa permessa dall’amicizia umana e artistica tra i due». Spiegato alla sala, durante la conferenza di presentazione: «Mario ha realizzato voliere a Edimburgo che sono capolavori architettonici; ho immaginato che il teatro fosse una di quelle voliere, con dentro gli uccelli esotici di Koen». Chiudendo con Botta: «Portare Koen in questa sede è dare forza al nostro teatro, che vuol essere strumento di riflessione e conoscenza anche delle attività collaterali all’architettura, che sempre più diventano parte centrale del vivere quotidiano e dell’impegno dello studente».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved