ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
5 ore

A Carlo, il Conservatorio in Festival

È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
6 ore

Ulisse Artico solo fra i ghiacci

Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista.
Musica
9 ore

Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’

Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
Spettacoli
9 ore

Ornella Vanoni ha la febbre, salta il concerto di Lugano

Attesa il 3 febbraio al Palacongressi, la tappa luganese del tour ‘Le Donne e la musica 2023’ non ci sarà. I biglietti saranno rimborsati.
Spettacoli
9 ore

Israel Galván, il flamenco dell’Età dell’Oro

‘La Edad de Oro’ sabato 11 febbraio alle 20.30 al Lac, il grande bailador nel recupero di un’arte nel pieno del suo fulgore, qui infusa di modernità
Arte
10 ore

Gran Premio svizzero d’arte/Prix Meret Oppenheim, i vincitori

Premiati l’artista Uriel Orlow, il collettivo di architetti Parity Group e lo storico d’arte ed esperto di architettura Stanislaus von Moos
Spettacoli
11 ore

Locarno chiama, Peter Maffay risponde presente

Al rocker tedesco l’onore (e l’onere) di aprire l’edizione 2023 di Moon&Stars. Salirà sul palco di Piazza Grande giovedì 13 luglio
Musica
12 ore

Piotr Nikiforoff nuovo direttore dell’Orchestra Arcadia

Nato a Mosca nel 1978, risiede in Ticino dal 1995. Nel 2009 è entrato nell’Osi, con la quale continuerà la sua attività concertistica
L’intervista
18 ore

Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo

Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
20 ore

Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire

Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile
Distopie
22 ore

‘Il mondo nuovo’ di Huxley, che fece letteratura con la scienza

Esiste un romanzo distopico di soli personaggi negativi, senza uno scettico o una ribelle, e il bene che provi a contrastare il male?
Sanremo
1 gior

I Depeche Mode ospiti alla serata finale di Sanremo

Il gruppo britannico, per la terza volta al festival, ha in uscita il nuovo album ‘Memento Mori’. A giugno l’unico concerto in Svizzera del tour mondiale.
Culture
1 gior

Alla scoperta de ‘Il capitale’ in compagnia di Paolo Favilli

A Mendrisio, il 5 febbraio, lo storico toscano discuterà della sua ultima opera ‘A proposito de Il capitale’ con Virginio Pedroni e Christian Marazzi
Spettacoli
1 gior

Niente tour europeo per Ozzy Osbourne

Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
1 gior

Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici

È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
1 gior

Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’

Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
Culture
2 gior

Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto

Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Spettacoli
2 gior

Raffaella Carrà diventa un’opera lirica

Debutterà al teatro Donizetti di Bergamo il prossimo settembre, nell’ambito delle iniziative per Brescia Bergamo capitale italiana della Cultura
Culture
2 gior

Nuova nomina per Franco Gervasoni

Il direttore generale della Supsi è stato nominato presidente della Camera delle scuole universitarie professionali di swissuniversities
15.12.2018 - 06:20

Con l'arte mi diverto tutti i giorni

Presentato ieri alle scuole medie di Caslano 'Il Bestiario' di Pierre Casè. L'autore ce lo racconta.

di Clara Storti
con-l-arte-mi-diverto-tutti-i-giorni
Pierre Casè a Caslano (foto: Ti-Press)

Tavola 1: “Il Bestiario”. Gli occhi corrono sulla superficie rugosa; di primo acchito sembra una tavola d’atlante zoologico. A ben guardare, le figurine zoomorfe “crocifisse” con chiodi descrivono un mondo vicino geograficamente ma lontano nel tempo: sono «quelle bestie di cui avevamo bisogno e che hanno avuto bisogno di noi». L’opera è dell’artista locarnese Pierre Casè. Si tratta di una scultura, un bassorilievo su lastra di metallo ossidato, con una composizione apparentemente lineare. Sui nove registri incontriamo ovini, suini, equini, ma anche animali selvatici come cervi, caprioli e stambecchi, ma anche lupi (che si accompagnano a domesticissimi bassotti), intagliati anche loro in lamine arrugginite. A colpire, sono soprattutto i colori rugginosi dei vari elementi che si confondono o contrastano fra loro. L’ossidazione del metallo crea una paletta molto variata di tonalità e sfumature terrose, arricchita dalle lievi increspature che il tempo scalfisce sul metallo, «un materiale che vive», chiarisce Casè. La descrizione dell’opera non ha nessuna presunzione di completezza né, tantomeno, di didascalica interpretazione. Ma perché ci interessiamo a questo lavoro di medio-grande formato?

Tavola 2: un pugno in pancia

«Un’opera in mezzo ai giovani», ha esclamato Pierre Casè in occasione della presentazione di ieri del suo “Bestiario”, collocato nella biblioteca delle scuole medie di Caslano e facente parte della collezione d’arte cantonale. La scelta dell’ubicazione non è affatto casuale, come è stato spiegato. La biblioteca non è luogo di passaggio, ma spazio di stasi e riflessione, dove i ragazzi – fra una lettura e un ripasso – possono osservare l’opera con calma e leggerla con i propri occhi, dandone ogni volta una chiave interpretativa diversa e personale. Nel raccontare l’opera esposta, Casè spiega che ha sempre lavorato per temi – quello affisso alla parete dell’istituto è l’atto conclusivo di un ciclo (2014-2015) presentato alcuni anni fa ai Magazzini del sale di Venezia – e «ogni opera è un tassello di ciò che ho vissuto e vivo». Ma, soprattutto, è emerso dal suo discorso – anzi no, lo ha esplicitato – di essere contento, da 60 anni a questa parte, di «aver scelto un mestiere creativo: tutti i giorni mi diverto, perché sono confrontato con l’invenzione». E poi chiosa: «Potrei stare qui ore a raccontare, a giustificare il mio dire artistico. Sono sempre più convinto, però, che di fronte a un’opera, tutto è molto soggettivo. Se vi dà un pugno in pancia, vuol dire che ha trasmesso qualcosa».

Tavola 3: intervista blitz

Dopo il suo intervento, prendiamo Casè in ostaggio per tre minuti per porgli un paio di domande: ne esce una “Blitzinterview”, rapidissima e illuminante.

Dal 2001, Pierre Casè ha deciso di dedicare tutto il suo tempo all’arte, «il mio vero mestiere e non me ne sono mai pentito». Una decisione, racconta, maturata dopo un ictus. Precedentemente, le attività svolte in parallelo alla creazione artistica sono state diverse, fra cui l’insegnamento allo Csia e la direzione artistica alla Pinacoteca Casa Rusca di Locarno. «Pur vivendo nel Bengodi, come si dice, conosco pochissimi colleghi che hanno potuto vivere solo del nostro mestiere. Quindi ho sempre dovuto fare due professioni» (chiedendoci di non ridere, svela che le prime due sono state il gelataio e il marronaio).

Con il suo lavoro, l’artista mira a «testimoniare il mio vissuto: dove abito, il mio paesaggio, la mia gente e il mio vivere in valle [la Vallemaggia, ndr]». E lo fa usando materiali naturali raccolti nei suoi luoghi: in tanti anni di lavoro, «non ho mai comperato un tubo di colore già fatto», racconta. I materiali delle sue opere sono «legati soprattutto alla mia infanzia, che raccontano il mio vissuto». Una produzione definita “materica”, partendo proprio dai mezzi usati e i luoghi che racconta sono fatti propri anche dalla manualità del gesto, che lo carica ulteriormente di senso.

Tavola 4: Pierre Casè

Laconicamente, poiché lo spazio è esiguo. Pierre Casè nasce a Locarno nel febbraio del 1944. Da tempo, vive e lavora a Maggia (dai luoghi di valle e dalla sua storia trae ispirazione). Dal 2001 – dopo numerose attività svolte in parallelo –, l’artista decide di rivolgere la sua attenzione alla sola produzione artistica. Consigliamo di spulciare il suo sito: www.pierrecase.ch.

Arte in luogo pubblico: animare e aprire la mente

È scritto nella legge. O quanto meno auspicato dalla legge sulla cultura, documento in cui si ritrova l’obbligo per lo Stato di destinare spazio all’arte in luoghi pubblici, come ci ha spiegato ieri, a margine della presentazione, Raffaella Castagnola Rossini, direttrice della Divisione della cultura e degli studi universitari (Dcsu), presente a Caslano insieme al consigliere di Stato Emanuele Bertoli, nonché direttore del Decs. Con loro, ha partecipato anche la direttrice dell’Ufficio dell’insegnamento medio, Tiziana Zaninelli.

A ogni edificio un’opera d’arte

Lo si è scritto poche righe sopra, ma ribadiamo ancora quanto spiegatoci dalla direttrice della Dcsu, cui abbiamo chiesto dove nascesse l’iniziativa di esporre opere d’arte in luoghi pubblici: «Di per sé è nella legge. Quando un nuovo edificio pubblico viene costruito, bisognerebbe già pensare a un’opera d’arte da inserire in quello spazio (una realizzazione ex novo). In questo caso abbiamo lavorato diversamente»: nella nuova costruzione pubblica si è collocata un’opera di un artista locale, appartenente alla collezione dello Stato, valorizzandoli. La collezione d’arte cantonale, lo ricordiamo, periodicamente è ampliata grazie ad acquisizioni e donazioni. Nel caso in cui le opere non siano realizzate ex novo, il corpus da cui si attinge è proprio la suddetta collezione. I criteri per la selezione sono vari e dipendono dal luogo in cui verranno allestite, così come dai fruitori. Ad esempio, nel caso della biblioteca della scuola media di Caslano, “Il Bestiario” di Pierre Casè risponde a criteri spaziali (quindi le dimensioni) e di idoneità: pensando al contesto scolastico e agli allievi.

L’arricchimento degli spazi pubblici con opere d’arte, quindi non solo degli istituti scolastici, è volto altresì a scoccare la scintilla della «riflessione sulla creatività. Lo spazio pubblico non è solo un luogo di transito. Può essere anche un luogo dove ci si sofferma a riflettere [come nel caso della biblioteca di Caslano, ndr]. A fare andare la mente altrove...». Per la direttrice significative sono quelle opere che danno spazio alla discussione, fanno viaggiare la mente e chissà magari aprire porte al futuro.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved