ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
31 min

Lite fra due persone in corso San Gottardo: c’è un arresto

L’alterco è scoppiato alle prime ore del giorno. In manette è finito un 21enne del Mendrisiotto
Luganese
55 min

Reati finanziari ‘atipici’, chiesti 12 mesi per Davide Enderlin

Il 51enne imprenditore ed e consigliere comunale del Plr di Lugano deve rispondere di amministrazione infedele e falsità in documenti
Ticino
57 min

Nuova condanna per Scimonelli, il mafioso nato a Locarno

L’uomo ‘bancomat’ di Matteo Messina Denaro, in carcere dal 2015, è stato riconosciuto colpevole anche di numerosi attentati incendiari
Ticino
57 min

Il primo secolo delle Colonie dei sindacati e un 2023 di eventi

L‘associazione festeggia i 100 anni dalla prima ‘vacanza’ estiva. Nava: ’Tempo fa aiutavamo i giovani per salute e cibo, oggi insegnandogli la comunità’
Bellinzonese
1 ora

Ex direttore Stalvedro, pena ridotta ma carcere confermato

Ricorso in Appello parzialmente accolto. L’uomo è stato condannato a 27 mesi, di cui 3 da espiare e non 6 come deciso in prima istanza
Bellinzonese
2 ore

Capanna Cremorasco pronta per la primavera

I lavori di ammodernamento dello stabile del patriziato di Camorino sono quasi terminati. Inaugurazione prevista il 4 giugno
Mendrisiotto
4 ore

Ricercato, viaggiava su un treno proveniente dalla Svizzera

L’uomo è stato fermato dai finanzieri alla stazione di Como. Su di lui pendeva una condanna per vari reati legati a droga, ricettazione e furto
Ticino
7 ore

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
8 ore

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
14 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
15 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
16 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
18 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
20 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
21 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
21 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
23 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
1 gior

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
1 gior

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
laR
 
29.11.2022 - 05:10
Aggiornamento: 15:43

Salario minimo non adeguato all’inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’

salario-minimo-non-adeguato-all-inflazione-durisch-contesto
Ti-Press
Il dibattito continua

«È inaccettabile, non sta né in cielo né in Terra». E ancora: «La scelta di non adeguare le soglie di applicazione del salario minimo all’inflazione è una scelta che rappresenterà un problema per le aziende, e un pretesto che la maggioranza di destra del parlamento potrebbe usare per non adeguare nemmeno la soglia finale: 19,75/20,25 franchi orari all’inflazione, nonostante sia previsto dalla Legge».

‘L’articolo costituzionale parla chiaro’

È una contestazione totale quella che il capogruppo del Partito socialista Ivo Durisch fa alla decisione del Consiglio di Stato di bocciare la sua mozione che chiedeva, appunto, di adeguare il salario minimo legale, compreso le soglie delle tappe di avvicinamento, all’inflazione. Se il governo ritiene, in base all’articolo 4 della Legge sul salario minimo, che sia il montante finale a contare nel discorso e le soglie di avvicinamento no (forchette definite dall’articolo 11 della stessa legge), di diverso avviso è Durisch: «Sempre in quell’articolo c’è scritto che il salario minimo viene aggiornato annualmente secondo l’indice nazionale dei prezzi al consumo».

‘Come fanno ad aspettare il 2025 senza tener conto dell’inflazione?’

La sua, rimarca, «è un’interpretazione di buon senso. Si deve applicare anche alle fasi di avvicinamento». Così non sarà, visto che il Consiglio di Stato la decisione l’ha già presa a settembre, e per Durisch l’indirizzo è chiaro: «Mi sembra che il governo sia orientato ad arrivare al 2025 con un salario minimo fissato nel 2019, senza tener conto di quello che nel frattempo è successo, ossia senza curarsi minimamente del fatto che l’inflazione è tornata, né delle conseguenze che porta con sé». Di più. Per il capogruppo socialista «questo è un tentativo di aggirare la legge, con lo scopo di abbassare il salario minimo reale finale: se aumenta l’inflazione e non viene adeguato, la traduzione è che viene abbassato».

‘Nel 2025 diranno che l’adeguamento è troppo ampio e non lo faranno’

E se fosse semplicemente un’interpretazione diversa? «Dalla padella alla brace», commenta caustico Durisch. Perché «se quanto detto non fosse vero, se non è un aggiramento della legge sarebbe un errore macroscopico». Il motivo è presto detto: «Le fasi di avvicinamento, come scrive il governo nel rapporto sulla mia mozione, erano pensate perché non ci fosse un impatto improvviso sulle aziende. Se l’intenzione è adeguare all’inflazione il salario minimo nel 2025, la conseguenza sarà che alla fine del 2024 si sarà troppo lontani dalla forchetta finale e quindi l’adeguamento porrà sì, lui, dei problemi alle aziende». A meno che, sospetta Durisch, «l’obiettivo non sia quello di negare alla fine del 2024 l’adeguamento all’inflazione dicendo che è un salto troppo grande. Ma questo problema non ci sarebbe se le soglie venissero adeguate gradualmente come da noi richiesto».

Un adeguamento che, in botta unica, non sarà leggero. «Da quando è entrato in vigore il salario minimo l’inflazione è aumentata del 3% nel 2022, l’anno prossimo si stima un +2,3%, mentre possiamo immaginare un altro 2% nel 2024: totale, oltre il 7%. Che diventerà un problema enorme. Ritengo davvero poco trasparente quanto deciso, e il Consiglio di Stato disattende i doveri che gli sono stati conferiti dalla legge».

E non è finita qui, perché il deputato del Ps contesta al governo anche le tempistiche: «Hanno risposto in ritardo e su sollecitazione della Commissione della gestione e delle finanze, di fatto dopo aver già pubblicato il non adeguamento sul Bollettino ufficiale di settembre, non permettendo una discussione nei tempi adeguati né in commissione né in parlamento. Dal mio punto di vista scavalcando entrambi».

Gianella (Plr) ribatte: ‘Dal governo una decisione lineare e ben motivata’

Di parere opposto è la capogruppo del Plr Alessandra Gianella: «La decisione del Consiglio di Stato è lineare, ben motivata dal Governo che ha applicato quanto uscito dal dibattito parlamentare», commenta infatti da noi raggiunta la deputata liberale radicale. E un elemento in più a sostegno della sua tesi si trova nel fatto che «quando è stata pubblicata questa decisione non c’è stato alcun ricorso. In questi casi, la prima cosa che mi verrebbe da dire è che se non concordano propongano una modifica legislativa, con un’iniziativa parlamentare».

Per Gianella però «c’è un altro problema», e non da poco. Nel senso che «in questa fase di attuazione sappiamo che non ci sarà una vera e propria discussione in parlamento, perché nonostante noi avessimo proposto una prima verifica già nel 2023, il plenum dibatterà e si esprimerà solo tra tre anni quando in discussione ci saranno le soglie definitive sulle quali si potrà discutere e dibattere». Perché potrà esserci una discussione sulla mozione di Durisch, «ma mancherà il necessario sguardo di insieme. Ribadisco che per noi sarebbe stato molto più logico analizzare ogni passaggio di forchetta, per vedere se si registravano effetti positivi o negativi, se si sono create distorsioni…».

‘E ci saranno comunque degli adeguamenti’

Sia come sia, al Plr più passa il tempo meno questo salario minimo convince. È solo una sensazione o corrisponde al vero? «Sappiamo tutti benissimo che la maggior parte delle persone cui si rivolge il salario minimo sono frontalieri – risponde Gianella –, che già con il cambio tra franco ed euro hanno visto la loro situazione migliorare. In più, vi è annualmente un adeguamento in base all’evoluzione della mediana salariale svizzera. Per il 2023 questi adeguamenti portano già a degli aumenti». Insomma, il problema è nel manico: «Abbiamo detto fin dall’inizio che questa non era la soluzione per i problemi del mercato del lavoro, e si sapeva benissimo che sarebbe andato soprattutto a beneficio del frontalierato. Passerà altro tempo e verranno altri nodi al pettine, e il peccato è che dovremo aspettare ancora anni per fare un dibattito globale e serio».

Leggi anche:

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved