ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 sec

Quale futuro per l’aeroporto di Agno?

Organizzata una serata informativa per discutere del futuro dello scalo. Presenti il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Luganese
1 min

Giovane arrestato mentre trasportava eroina

Il fermo è avvenuto agli inizi di questa settimana, l’ipotesi di reato è d’infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacienti
Mendrisiotto
2 ore

È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito

Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
Locarnese
3 ore

La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale

Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fa felici i vicini di Maggia e Gordola, chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
6 ore

La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa

La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
6 ore

‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’

Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Bellinzonese
11 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
13 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
14 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
15 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
15 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
16 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
16 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
16 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
13.10.2022 - 20:29
Aggiornamento: 20:50

Lettera all’Ipct: ‘Riduzione delle rendite da congelare’

Statali, la richiesta della Rete per la difesa delle pensioni alla Cassa:‘Senza adeguate misure di compensazione, quella decisione va sospesa’

lettera-all-ipct-riduzione-delle-rendite-da-congelare
La manifestazione del 28 settembre. Mobilitazione bis il 14 dicembre (Ti-Press)

«Il percorso che abbiamo intrapreso è tutt’altro che concluso», dice Enrico Quaresmini, docente e portavoce della Rete per la difesa delle pensioni, il movimento che si batte contro la prospettata riduzione delle rendite dei dipendenti pubblici. La ErreDiPi dunque non demorde e, incontrando oggi poco dopo mezzogiorno a Bellinzona la stampa davanti all’entrata di Palazzo delle Orsoline, il palazzo della politica cantonale, annuncia i «prossimi passi». Che sono principalmente due. Il primo: l’organizzazione per «mercoledì 14 dicembre» di un’altra manifestazione di protesta, dopo quella del 28 settembre («3’500/4’000 persone in piazza non è un numero che può essere ignorato», sottolinea Quaresmini). Il secondo: la richiesta ai vertici dell’Ipct, l’Istituto di previdenza del Cantone Ticino (quasi diciassettemila assicurati attivi), di «congelare» la decisione di abbassare dal 6,17 al 5 per cento il tasso di conversione, in base al quale viene stabilito l’importo delle rendite pensionistiche: una riduzione graduale, su più anni, a partire dal gennaio 2024, come indicato a suo tempo dallo stesso istituto. L’ErreDiPi chiede di spedire nel freezer quanto statuito dalla cassa pensioni degli statali "fino a quando il Gran Consiglio non avrà varato adeguate misure di compensazione e le stesse saranno entrate in vigore".

L’ErreDiPi sollecita un incontro con i rappresentanti del personale nel Cda dell’Istituto di previdenza

Per questo la Rete per la difesa delle pensioni ha appena scritto ai rappresentanti del personale nel Consiglio di amministrazione dell’Istituto di previdenza, sollecitando un incontro "affinché si facciano promotori, in seno al Cda, della nostra richiesta di congelare la decisione di diminuire il tasso di conversione". Due le date proposte dall’ErreDiPi per il ‘rendez-vous’: venerdì 22 ottobre oppure giovedì 10 novembre. Nella lettera ai rappresentanti del personale, spiega la Rete per la difesa delle pensioni, "anticipiamo due nostre forti perplessità". Ovvero: "Ci è parso alquanto ardito accettare un taglio che porta con sé una discesa a picco delle pensioni prima che il Gran Consiglio vari un pacchetto di misure che compensino pienamente questo taglio. Si tratta di un taglio massiccio (meno 40% dal 2012), indiscriminato (tocca tutte le pensioni Ipct, da quelle medie a quelle più modeste), ingiusto (la cassa pensioni è fragile perché il nostro datore di lavoro non ha versato sufficienti capitali: noi abbiamo fatto il nostro dovere)". E ancora: "Ci è parso discutibile decidere questo taglio senza coinvolgere attivamente, in una discussione preventiva, l’insieme degli assicurati e delle assicurate. Il meno che si possa dire è che questo non rientra nella ‘ordinaria amministrazione’ ".

Ricorda Quaresmini: nel 2012/2013 con il passaggio dal primato delle prestazioni a quello dei contributi, «c’è stato un taglio del venti per cento delle rendite pensionistiche, ora si rischia di subirne un altro della stessa entità con la prevista riduzione del tasso di conversione. È inaccettabile». Da qui la richiesta di adeguate misure di compensazione. «Abbiamo bisogno di risposte», sostiene a sua volta Samanta Cudazzo, dipendente dell’Amministrazione cantonale. «La nostra preoccupazione è che si voglia fare melina e allora noi andremo avanti sino a quando su questo dossier la politica giocherà a nascondino», le fa eco Michel Petrocchi, educatore (Osc), anch’egli aderente alla ErreDiPi. «Come ho già dichiarato pubblicamente, il Consiglio di Stato – afferma il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta, da noi contattato – è disponibile a discutere eventuali misure di compensazione, che dovranno comunque essere esaminate e votate dal Gran Consiglio». Contro le quali la Lega ha già minacciato il lancio di un referendum. Senza adeguate misure di compensazione «si finirebbe per impoverire una fetta importante della società ticinese senza migliorare le condizioni degli altri cittadini», osserva Quaresmini, rispondendo alle domande dei giornalisti. E aggiunge: «Alcuni partiti vogliono mettere in contrapposizione chi lavora nel pubblico e chi lavora nel privato. Si è sempre detto che lo Stato deve fungere da esempio: ebbene, se nel settore pubblico si introducono dei peggioramenti, questi interesseranno prima o poi anche il privato».

La manifestazione bis programmata per il 14 dicembre

L’ErreDiPi guarda anche alla "nuova giornata di mobilitazione" agendata per il 14 dicembre. «Siamo un movimento sempre più radicato sul territorio», assicura Alessandro Frigeri, docente. Movimento che intende coinvolgere maggiormente la politica locale. "Prepareremo una bozza di risoluzione da proporre ai diversi consigli comunali", scrive l’ErreDiPi, ispirandosi alla recente decisione del legislativo di Bellinzona "che ha espressamente sostenuto la nostra mobilitazione e la nostra battaglia". Approvando a larga maggioranza una risoluzione del gruppo Verdi-Forum alternativo-Movimento per il socialismo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved