04.10.2022 - 18:30
Aggiornamento: 19:07

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’

le-idee-dei-sindaci-dei-centri-urbani-per-risparmiare-energia
Ti-Press

Sei proposte per risparmiare energia. Sono quelle che i sindaci dei cinque principali centri urbani del Canton Ticino (Bellinzona, Chiasso, Locarno, Lugano e Mendrisio) hanno deciso di sottoporre in particolare ai propri Municipi con l’intento di contribuire alle azioni in corso volte al risparmio energetico e di mandare segnali di attenzione alla collettività per evitare possibili scenari di razionamento.

Le hanno stabilite nell’ultimo dei periodici incontri volti al confronto e alla condivisione dei temi di interesse comune tenutosi il 30 settembre a Monte Carasso. Si parte dalla "rinuncia o significativa riduzione dell’illuminazione notturna di edifici e monumenti storici", passando per la "riduzione dell’intensità dell’illuminazione pubblica, laddove non già in atto"; la "limitazione della temperatura negli edifici pubblici comunali"; la "rinuncia o riduzione importante dell’illuminazione natalizia". C’è poi la "raccomandazione a commercianti di spegnimento delle vetrine a partire dalle ore 22", per arrivare all’"individuazione di misure volte al contenimento dei consumi nell’allestimento di villaggi natalizi, laddove previsti con o senza piste di ghiaccio".

I sindaci ritengono "auspicabile che le Città adottino linee guida comuni, pur nelle differenze locali, che permettano da un lato di mettere in atto concrete misure di riduzione dei consumi e dall’altro anche di non pregiudicare per i commerci già duramente provati dal periodo pandemico, un clima di avvicinamento al Natale". Il gremio si dice poi convinto che le Città e i Comuni ticinesi sapranno fare anche in questa emergenza "la propria parte contribuendo a prendere, rispettivamente sensibilizzando la popolazione ad adottare, misure e comportamenti sostenibili e sopportabili, comunque suscettibili di evitare scenari peggiori".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved