ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
7 min

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
3 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
3 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
3 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
12 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
12 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
13 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
13 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
13 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
13 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
14 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
14 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
30.09.2022 - 12:25
Aggiornamento: 14:19

Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo

L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro

ticino-manufacturing-lascia-tisin-e-si-adegua-al-salario-minimo
Ti-Press

Ticino Manufacturing si sgancia dal Sindacato Libero della Svizzera italiana (già noto come TiSin) e applicherà il salario minimo. Lo comunica la stessa associazione annunciando la risoluzione del contratto collettivo di lavoro con il sindacato e il ritiro del ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro che riteneva tale Ccl non applicabile chiedendo l’adeguamento al salario minimo.

L’associazione ricorda che il Ccl stipulato con il Sindacato Libero della Svizzera italiana (ex TiSin) aveva l’obiettivo di "cercare un compromesso realistico che permettesse di tutelare il destino di aziende e collaboratori, in un contesto già molto difficile per l’attività imprenditoriale". Tuttavia, le aziende associate hanno deciso a partire da settembre 2022, di adeguarsi alla legge sul salario minimo, procedere con il pagamento degli arretrati, e risolvere il suddetto contratto collettivo in vigore in quanto "le tempistiche giudiziarie e l’incertezza sono state giudicati fattori non sostenibili per l’attività imprenditoriale".

La decisione di adeguamento, precisa Ticino Manufacturing, va a toccare una percentuale minore degli oltre 700 collaboratori delle aziende rappresentate. In particolare, i salari previsti dal Ccl sotto la soglia dello stipendio minimo interessano alcuni processi cosiddetti "ad alta incidenza di manodopera non qualificata", difficili da sostenere in Ticino con i costi previsti dalla nuova legge sul salario minimo.

Il presidente di Ticino Manufacturing, Costantino Delogu, chiarisce che: "Il Ccl stipulato con l’allora TiSin aveva l’obiettivo di trovare un compromesso che permettesse di arrivare, nell’arco di qualche anno, alle soglie indicate dalla nuova legge, dando alle aziende associate il tempo necessario per adeguarsi e non essere costrette a prendere decisioni che danneggiassero loro stesse, i collaboratori e la piazza economica ticinese". Tutti i membri di Ticino Manufacturing operano infatti a livello internazionale, competendo con Paesi, come l’Est Europa e la Germania, dove il costo del lavoro è significativamente più basso, in un contesto complessivo reso già molto complicato dal cambio Franco/Euro e dai costi dell’energia. A causa dell’adeguamento, alcune delle aziende hanno già messo in atto – o dovranno valutare – misure quali la riduzione o la delocalizzazione di quei processi direttamente interessati dalle nuove condizioni. Molte delle aziende di Ticino Manufacturing hanno una lunga storia di radicamento in Ticino e "faranno tutto il possibile per minimizzare l’impatto negativo delle decisioni future sul nostro cantone".

Ticino Manufacturing riconosce che" l’introduzione della legge sul salario minimo è una scelta politica legittima, ma che di fatto spinge le aziende a rinunciare al mantenimento di determinati posti di lavoro in Ticino. In tal senso, bisogna essere consapevoli che certe lavorazioni industriali, seppur meno complesse, sono funzionali ad altre a più alto valore aggiunto, remunerate con salari in linea o superiori a quello minimo. Sopprimere le prime rischia di danneggiare l’intera attività aziendale e l’indotto connesso".

L’Slsi per l’associazione di aziende "è stato un partner costruttivo con cui si è cercato di trovare una soluzione realistica a una situazione oggettivamente difficile" per le aziende associate. L’esistenza di un Ccl in deroga al minimo salariale era infatti un’alternativa prevista dalla legge e già adottata in diversi settori, con il benestare della controparte sindacale. Ticino Manufacturing ha dunque appreso "con sorpresa" che il Ccl stipulato non sia stato ritenuto applicabile. "Purtroppo, la nostra scelta, fatta nella convinzione di agire in un perimetro di legittimità e legalità, è stata strumentalizzata, arrecando danno alla reputazione delle aziende coinvolte", recita il comunicato.

"Il mancato riconoscimento del Ccl da parte dell’Ispettorato del lavoro ci porta verso la conclusione, di comune accordo, della relazione con l’Slsi e ci ha messo nelle condizioni di dover percorrere in autonomia una strada che possa garantire la sopravvivenza alle nostre aziende" conclude Delogu.

Leggi anche:

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

Salario minimo: ‘Quello è un Ccl salva industrie’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved