ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 min

Tre settimane di cantiere a Massagno

Traffico limitato lungo via San Gottardo per i lavori alle sottostrutture e la sistemazione dell’incrocio Arizona
Chiasso
2 ore

Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino

Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
2 ore

È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale

Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
3 ore

Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio

Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
3 ore

Il Carnevaa di Goss di Sant’Antonino compie 50 anni

La manifestazione si terrà dal 16 al 19 febbraio nel capannone ex pista di ghiaccio
Bellinzonese
4 ore

La sezione La Turrita del Centro si riunisce a Bellinzona

Appuntamento per lunedì 6 febbraio alle 20 al Ristorante Unione
Bellinzonese
4 ore

Pomeriggio di ballo liscio in compagnia dell’Atte Leventina

Appuntamento in programma giovedì 2 febbraio dalle 14 presso il ristorante Alla Botte di Pollegio
Bellinzonese
4 ore

Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’

Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
4 ore

Incontro di meditazione a Pambio Noranco

L’appuntamento è lunedì 6 febbraio alle 20.30 presso il centro Serrafiorita
Bellinzonese
4 ore

Cresciano, inaugurazione della sala multiuso e tombola

Appuntamento in programma domenica 5 febbraio presso il campo sportivo in compagnia di... Yor Milano
Bellinzonese
4 ore

I numeri vincenti della lotteria del Carnevale di Cadenazzo

I cinque fortunati possono scrivere a carnevale.cadenazzo@gmail.com per ritirare il loro premio
Luganese
4 ore

Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti

In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
6 ore

Sei itinerari tematici per i parchi insubrici

Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
9 ore

Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado

Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Locarnese
9 ore

Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’

Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
Mendrisiotto
15 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
16 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
16 ore

Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio

Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Ticino
17 ore

Rielezione toghe, correttivi per scongiurare un nuovo 2020

La commissione firma il rapporto stilato da Pagani: ‘Il Consiglio della magistratura si doti di un regolamento ed espliciti il diritto di essere sentito’
Mendrisiotto
18 ore

Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone

Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
18 ore

La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti

Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
18 ore

Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri

Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Luganese
19 ore

Christian Vitta e Raffaele De Rosa a confronto a Massagno

I due consiglieri di Stato parleranno delle sfide dei rispettivi Dipartimenti. L’evento è in agenda il 5 febbraio al Cinema Lux e al Salone Cosmo
Luganese
20 ore

Caslano incontra i propri 18enni

Ventidue i giovani nati nel 2005 che hanno partecipato all’evento organizzato con l’autorità comunale
Mendrisiotto
20 ore

Parco Villa Argentina, un gruppo di lavoro per la riqualifica

Lo fa sapere il Municipio rispondendo a un’interrogazione di Tiziano Fontana, precisando che l’Ufficio dei beni culturali attende un progetto definitivo
Ticino
20 ore

Al via il programma cantonale di screening colorettale

Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
20 ore

Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps

Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
21 ore

Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità

Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Bellinzonese
21 ore

Ad Arbedo-Castione 90 abitanti in più

Il dato della popolazione conferma la tendenza di una crescita costante
Luganese
21 ore

Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi

Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
21 ore

In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino

In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
Bellinzonese
21 ore

Professioni tecniche: a Bodio tre giorni per scoprirle

Da giovedì 2 a sabato 4 febbraio il Campus formativo apre le proprie porte ai ragazzi di terza e quarta media e ai loro genitori
Bellinzonese
21 ore

Festival ticinese del film non commerciale: il concorso

Appuntamento il 26 marzo a Bellinzona: il termine per l’invio dei filmati scade mercoledì 15 febbraio
Luganese
22 ore

Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl

Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del Cda Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
22 ore

Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento

Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente
laR
 
28.09.2022 - 17:54
Aggiornamento: 19:06

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi

il-preventivo-di-oggi-le-lacrime-e-sangue-di-domani
Ti-Press
Il futuro è preoccupante

«Viviamo tempi difficili e andiamo verso tempi difficili. Siamo riusciti a contenere il deficit per il prossimo anno a 80 milioni di franchi (79,5 milioni, per la precisione), rispettando le scadenze che ci eravamo prefissati per il rientro. Non è però da escludere che in futuro si dovrà concepire una manovra di rientro, vista la tendenza all’aumento della spesa e una tendenza politica in atto che vuole ridurre le entrate nelle casse cantonali. Questo non può essere senza conseguenze. Una diminuzione accentuata delle entrate avrà necessariamente in futuro delle ripercussioni, come la diminuzione del sostegno alle fasce più deboli della popolazione». Così Claudio Zali, presidente del Consiglio di Stato, alla presentazione del messaggio sul preventivo 2023. «Tra le nubi più scure all’orizzonte c’è la situazione della Banca nazionale svizzera, che in passato ci ha sempre garantito grandi entrate. In futuro potrebbe non essere più così». Una preoccupazione condivisa dal direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe) Christian Vitta: «Ci sono degli elementi d’incertezza che potremo misurare solo in sede di consuntivo». Su tutti, appunto, la distribuzione degli utili della Bns ai Cantoni. «Se questa voce venisse a mancare il risultato peggiorerebbe di 137 milioni di franchi e il deficit supererebbe quindi gli oltre 200 milioni. È lo scenario più drastico, ma non possiamo escluderlo visti i risultati intermedi della Banca nazionale di fine giugno che evidenziano una perdita ingente». Una possibilità che lo studio pubblicato proprio oggi dall’Ubs ha definito come "la più probabile". Questo perché "la perdita di 95 miliardi accumulata dalla Bns nel primo semestre sarà molto difficile da riassorbire". Questo perché fra luglio e metà settembre si sarebbe aggiunta un’ulteriore perdita di 50 miliardi.

Oltre venti milioni per adeguare gli stipendi degli statali al rincaro

Tra gli elementi più significativi del preventivo c’è l’inserimento di un importo preventivo di 20,5 milioni di franchi per l’adeguamento dei salari dei dipendenti cantonali al rincaro. «L’entità dovrebbe essere del 2,4-2,5%. Ma l’adeguamento definitivo verrà quando sarà pubblicato il tasso di rincaro relativo al mese di novembre, come prescrive la Legge sugli stipendi. Se l’importo non dovesse essere sufficiente valuteremo un adeguamento differenziato» ha spiegato Vitta, precisando che «per gli onorari dei consiglieri di Stato non è previsto nessun rincaro». Si immagina quindi un aumento della spesa di 66,1 milioni di franchi (+1,6%) dovuta – oltre che alle maggiori spese per il personale – a maggiori uscite per i costi di trasferimento e per le spese di beni e servizi. «Gli investimenti netti restano su un buon livello, a 293,6 milioni di franchi. La nota dolente riguarda invece l’aumento del capitale proprio che, tenendo conto dei dati del preconsuntivo 2022, potrebbe raggiungere la cifra negativa di 243 milioni di franchi», ha dichiarato il direttore del Dfe. In cifre positive invece l’autofinanziamento, che si attesta a 129,2 milioni di franchi con un grado del 44%.

Vitta: ‘Per i prossimi anni servirà un grande sforzo’

A preoccupare è però il quadro all’interno del quale ci si troverà a operare in futuro, ritenuto dal Consiglio di Stato "caratterizzato da una forte incertezza". «Il nuovo governo dovrà mettersi subito al lavoro per il preventivo 2024» ha proseguito Vitta illustrando il Piano finanziario (Pf) 2024-26. Questo perché «con le attuali previsioni i vincoli di bilancio non sarebbero rispettati. Servirà trovare misure ancora più incisive per raggiungere l’equilibrio finanziario». Parlando in cifre: il Pf parla di un risultato d’esercizio negativo di 135,1 milioni di franchi, destinato a salire a 143,6 milioni nel 2025 e a 165 milioni nel 2026. Questo calcolando i contributi della Banca nazionale. Campa cavallo.

LE REAZIONI

Speziali (Plr): ‘Occorre rigore, ottimizzare senza accetta’

Il preventivo 2023 pubblicato oggi dal Cantone viene accolto tiepidamente, per usare un eufemismo, dalla politica. Chi prova a essere un minimo costruttivo è il presidente liberale radicale Alessandro Speziali, che premette come «serva un’inevitabile dose di realismo per capire che la situazione è seria, che le nostre finanze non siano protette ‘sine die’ dai problemi che il direttore del Dfe Vitta solleva da tempo come ad esempio le entrate ballerine della Bns». Ciò detto, Speziali annota che «non si può cadere dal mirtillo», perché già nel dibattito sul decreto sul contenimento della spesa «abbiamo più volte detto che il Cantone deve avere una certa postura che dia solidità alle finanze nel tempo». Quindi, proprio perché questo decreto è stato votato e il popolo è stato chiaro, «occorre rigore nelle finanze». La questione aperta è sul come e dove. «Siamo a pochi mesi dalle elezioni ed è il momento peggiore per affrontare una situazione simile – risponde Speziali –. Però è il momento in cui possiamo darci delle priorità serie: se devo scegliere tra un docente in più e un poliziotto in più, scelgo il docente. Se devo scegliere tra una nuova ala in un asilo o un credito per l’asfalto fonoassorbente, scelgo la nuova ala di un asilo: questo perché la scuola e la formazione professionale sono il vero cantiere da affrontare». Non tagli quindi, «ma ottimizzare quanto si fa. Se tutto diventa intoccabile, significa che ancora una volta faremo debito pubblico ipotecando le nuove generazioni».

Nessun rischio che si vada nel sociale con l’accetta? «No – risponde Speziali –. In queste situazioni lo scopo non è usare l’accetta, ma prendere un cacciavite e ottimizzare, vedere dove sono le sacche di inefficienza o i meccanismi a innaffiatoio che non servono a niente e agire con intelligenza, non con irruenza». Anche perché, dice ancora il presidente del Plr, «uscita dalla pandemia la gente era stanca, ora con l’inflazione e il carovita è stanca, nervosa e sconfortata. Non è l’ora dei proclami e delle accette, ma dell’intelligenza politica e ci vuole, in parlamento, una maggioranza che sostenga il governo negli sforzi di tenere ferma la barra».

Durisch (Ps): ‘Pura cosmesi con cifre non reali’

Chi non farà parte di questa maggioranza è quasi pacifico sarà il Ps. «L’impressione è che questo preventivo sia un’operazione di cosmesi che non tiene conto delle cifre reali», attacca infatti il capogruppo in Gran Consiglio Ivo Durisch. «Ci spieghino come è possibile frenare la spesa a fronte del tasso di inflazione e dell’aumento dei premi di cassa malati senza tagli dolorosi alle prestazioni?», chiede Durisch. Definendo «un fantasma che aleggia», quello dei tagli. Ma, riprende, «con che coraggio si parla di tagli quando si sono svuotate le casse del Cantone con sgravi ad aziende internazionali e a contribuenti facoltosi? Con che coraggio si parla di tagli quando si ha in mente un’ennesima riforma fiscale che ridurrà ulteriormente le già poche risorse?». Insomma, questo preventivo per il Ps «non risponde ai bisogni della popolazione, e per le uscite non viene sufficientemente considerato il rincaro dovuto all’inevitabile aumento dei sussidi di cassa malati, mentre sul fronte delle entrate si sovrastimano i proventi dagli utili della Bns». Vengono salutati positivamente i 20,5 milioni dedicati all’adeguamento dei salari dei dipendenti pubblici al caro vita, «ma bisognerà vedere se l’importo sarà sufficiente. E lo Stato dovrà impegnarsi affinché pure nel settore privato siano adeguati i salari dei dipendenti e con i salari minimi adeguati». Sul tema cassa malati la copresidente socialista Laura Riget aggiunge: «Dopo l’incomprensibile voltafaccia del Centro che al Consiglio degli Stati ha rimandato in commissione la richiesta di Marina Carobbio di aumentare del 30% i contributi federali ai Cantoni per far fronte ai costi per i sussidi, occorre far qualcosa. Vallese, Zurigo e Basilea Città stanno già facendo qualcosa, e pure il Ticino deve: aumentando i sussidi e allargando al ceto medio la cerchia dei beneficiari».

Dadò (Centro): ‘Il nostro sì solo con un’analisi esterna sulla spesa dello Stato’

Tornando al preventivo, è lancia in resta anche il presidente del Centro Fiorenzo Dadò: «Guardando le cifre sembra evidente che ci sia qualcosa che non quadra, con una spesa che aumenta solo di 5 milioni per nuovi compiti… senza dimenticare che 20 milioni son solo per i dipendenti pubblici. E anche gli aumenti per i sussidi di cassa malati, con un’impennata del 9,2% dei premi, mi paiono davvero sottostimati». L’impressione, graffia ancora Dadò, «è che non si voglia assolutamente mettere mano alla spesa, e per cercare di far quadrare i conti e avere un deficit accettabile si son cambiate le cifre. Non si registra la volontà di affrontare il problema in maniera strutturale». Come il Centro chiede da tempo: «Sono mesi che siamo estremamente chiari – riprende il deputato e presidente della Gestione –. Potremo essere anche disposti ad aderire in linea di massima al preventivo, con un parlamento che intende lavarsene le mani e pensare alla prossima legislatura. Ma la nostra adesione è assolutamente vincolata al dare un mandato chiaro al governo di affidare un’analisi esterna per una revisione seria della spesa e di tutta la macchina statale. Non parlo di qualche auspicio, ma di una maggioranza parlamentare che approvi un atto prima del preventivo in cui dia un preciso incarico. Sennò il Centro non darà il proprio consenso».

Guerra (Lega): ‘Cammino impervio, ma necessario raggiungere la meta’

Il leghista Michele Guerra dichiara che «la nostra Sottocommissione finanze sta monitorando la situazione finanziaria dall’esplosione della pandemia a oggi, con la preoccupante situazione finanziaria. Con il governo è stato di principio concordato un cammino di rientro. Un cammino che con l’avallo del popolo dovrebbe essere primariamente basato sulla riduzione degli eccessi di spesa ed evitando aumenti di imposte. Questo cammino – continua Guerra – prevede tre tappe per raggiungere l’azzeramento del deficit annuo. 80 milioni nel ’23, 40 nel ’24 e zero nel ’25. Evidentemente il carico di viaggio si è ulteriormente appesantito a causa della situazione concernente la Bns, e a causa di fattori macroeconomici globali in essere». Quindi, «dovremo continuare a monitorare la situazione pronti a interventi puntuali. La strada è in salita, e negli ultimi mesi la pendenza è ulteriormente aumentata. Ma sono convinto che con una buona concertazione riusciremo a raggiungere la meta. Fallire significherebbe scaricare sulle future generazioni un’ipoteca pesante».

Morisoli (Udc): ‘Lo Stato non ha fatto i conti’

Tranchant come d’abitudine è il capogruppo Udc Sergio Morisoli: «È un preventivo rinunciatario e spaventevole per tutto il lavoro che non è stato fatto in funzione dell’obiettivo del pareggio di bilancio. È un governo che tira i remi in barca pensando che in aprile ci son le elezioni, tentando di mascherare debiti e disastri finanziari con un’elezione… non si intravede da questi dati niente per il contenimento della spesa, che evolve esattamente come nel Piano finanziario di uno o due anni fa: i compiti non sono stati fatti». Se si vanno a vedere gli indicatori della situazione finanziaria, «che sono la risonanza magnetica, la tac e l’analisi del sangue assieme per il paziente Cantone». Ebbene, «il paziente è grave e morente» tuona Morisoli: «Otto o nove sono molto negativi da quattro anni, e nei prossimi tre peggioreranno».

I Verdi, con una nota, pur salutando "l’ottima notizia della tenuta dell’economia e delle entrate", rilevano "l’incertezza legata alla Bns" e stigmatizzano il fatto che "proprio mentre il governo è impegnato a portare equilibrio nei conti, i partiti di centro e destra continuano con richieste che mirano a togliere risorse allo Stato. E Zali su questo è stato chiaro".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved