ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
10 min

Con l’Atte alla scoperta della Stabio romana e longobarda

La sezione del Mendrisiotto ripropone la passeggiata storica dopo il grande successo della prima uscita
Lavizzara
16 min

Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’

Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Mendrisiotto
38 min

L’ultimo libro di Andrea Netzer a LaFilanda

Il volume, ‘Camminare oltre, una vita’, sarà presentato domenica al Centro culturale di Mendrisio
Luganese
49 min

Tre settimane di cantiere a Massagno

Traffico limitato lungo via San Gottardo per i lavori alle sottostrutture e la sistemazione dell’incrocio Arizona
Chiasso
3 ore

Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino

Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
3 ore

È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale

Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
4 ore

Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio

Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
4 ore

Il Carnevaa di Goss di Sant’Antonino compie 50 anni

La manifestazione si terrà dal 16 al 19 febbraio nel capannone ex pista di ghiaccio
Bellinzonese
4 ore

La sezione La Turrita del Centro si riunisce a Bellinzona

Appuntamento per lunedì 6 febbraio alle 20 al Ristorante Unione
Bellinzonese
5 ore

Pomeriggio di ballo liscio in compagnia dell’Atte Leventina

Appuntamento in programma giovedì 2 febbraio dalle 14 presso il ristorante Alla Botte di Pollegio
Bellinzonese
5 ore

Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’

Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
5 ore

Incontro di meditazione a Pambio Noranco

L’appuntamento è lunedì 6 febbraio alle 20.30 presso il centro Serrafiorita
Bellinzonese
5 ore

Cresciano, inaugurazione della sala multiuso e tombola

Appuntamento in programma domenica 5 febbraio presso il campo sportivo in compagnia di... Yor Milano
Bellinzonese
5 ore

I numeri vincenti della lotteria del Carnevale di Cadenazzo

I cinque fortunati possono scrivere a carnevale.cadenazzo@gmail.com per ritirare il loro premio
Luganese
5 ore

Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti

In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
6 ore

Sei itinerari tematici per i parchi insubrici

Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
10 ore

Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado

Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Locarnese
10 ore

Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’

Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
Mendrisiotto
16 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
16 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
17 ore

Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio

Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Ticino
18 ore

Rielezione toghe, correttivi per scongiurare un nuovo 2020

La commissione firma il rapporto stilato da Pagani: ‘Il Consiglio della magistratura si doti di un regolamento ed espliciti il diritto di essere sentito’
Mendrisiotto
19 ore

Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone

Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
laR
 
30.08.2022 - 19:38
Aggiornamento: 31.08.2022 - 11:29

Targhe, gli iniziativisti contestano l’opuscolo: ‘Noi travisati’

Imposte di circolazione, l‘avvocato Padlina a nome del primo firmatario Passalia inoltra reclamo al governo per le modifiche proposte: ’La moratoria c’è’

targhe-gli-iniziativisti-contestano-l-opuscolo-noi-travisati
Ti-Press
Campagna elettorale già rovente

"La Cancelleria dello Stato ha illecitamente proceduto a modificare il testo dell’opuscolo informativo elaborato dai promotori dell’iniziativa". E ancora: "Le modifiche operate dalla Cancelleria dello Stato sul testo proposto dagli iniziativisti sono estremamente gravi e pure oggettivamente oltremodo preoccupanti in uno Stato di diritto". È un reclamo di fuoco quello inoltrato ieri via raccomandata al Consiglio di Stato da parte dei proponenti dell’iniziativa popolare del Centro (Ppd) ‘Per un’imposta di circolazione più giusta’. Diciassette pagine, redatte dall’avvocato Gianluca Padlina, che contestano con veemenza l’opuscolo informativo in vista della votazione popolare del 30 ottobre e chiedono al governo che sia "immediatamente corretto, in modo da evitare che la votazione possa essere irrimediabilmente falsata". Oggetto della discordia, la questione della moratoria per le auto immatricolate prima del 2009.

Con ordine. Era il 22 giugno quando il Gran Consiglio ha respinto il rapporto di maggioranza (Centro/Ppd, Lega e Udc) che aderiva all’iniziativa e chiedeva che la nuova imposta di circolazione per le auto immatricolate a partire dal 1° gennaio 2009 (con la moratoria di un anno per le auto immatricolate prima di questa data) fosse fissata unicamente in base alle emissioni di Co2 fatta salva una piccola tassa base, che ne fossero referendabili le eventuali modifiche e che il ricavo non superasse gli 80 milioni di franchi. Saliti per il governo prima a 91,5 milioni, poi scesi al totale definitivo di 85,2 milioni con la moratoria di cui prima. Il parlamento ha invece dato via libera al controprogetto del rapporto di minoranza firmato da Ps e Verdi: incasso massimo di 96 milioni, di cui 85 da dedicare al ‘conto strade’ e 11 alla promozione del trasporto pubblico con incentivi per gli abbonamenti Arcobaleno per il ceto medio. Morale della favola: iniziativa e controprogetto andranno al voto popolare previsto il 30 ottobre.

La ‘lacuna legislativa’ contestata

Il giorno dopo il voto del parlamento, si legge nel reclamo, "il direttore del Dipartimento istituzioni, il cancelliere e il responsabile del Servizio giuridico del Consiglio di Stato hanno convocato a una riunione una delegazione del Comitato d’iniziativa per comunicargli di ritenere l’esistenza di una possibile lacuna legislativa all’interno del testo conforme all’iniziativa popolare generica". Cioè nel testo del Centro/Ppd sostenuto da Lega e Udc. La lacuna in questione "avrebbe riguardato le modalità di calcolo dell’imposta di circolazione per il 2023 per le vetture immatricolate prima del 2009, soggette alla cosiddetta moratoria, e, a giudizio del governo, tale lacuna avrebbe dovuto essere colmata applicando a queste vetture il calcolo secondo il sistema bonus/malus, attualmente applicato alle vetture immatricolate dopo il 2009". Apriti cielo. Infatti, "il qui ricorrente (il primo firmatario Marco Passalia, ndr) ha avuto modo di chiarire, senza possibilità di dubbio alcuno, che il comitato d’iniziativa non condivideva in alcun modo questa tesi, ritenuto che durante il periodo della moratoria il calcolo dell’imposta per le vetture immatricolate prima del 2009 avrebbe dovuto continuare a essere quello attualmente in vigore e, dunque, non avvenire sulla base del sistema bonus/malus che l’iniziativa si prefigge appunto di abrogare definitivamente".

E siamo alla carne viva. Alla polemica. "Con una e-mail del 23 agosto", il Servizio diritti politici ha informato Passalia della volontà di modificare il testo da lui inviato per l’opuscolo. Adeguando "un passaggio relativo ai motivi per votare No al controprogetto, nel senso che la differenza tra iniziativa e controprogetto sarebbe stata indicata come ‘leggermente inferiore’ e non come di circa 10 milioni di franchi (derivante dalla differenza tra 85,2 milioni dell’iniziativa e i 96,3 del controprogetto". Il giorno dopo, la notizia che sarebbe stato modificato "anche un passaggio relativo ai motivi per votare Sì all’iniziativa, indicando che lo sgravio sarebbe stato quantificato in soli 15 milioni di franchi e non 25 milioni di franchi come indicato da parte degli iniziativisti (calcolati quale differenza tra i circa 110 milioni incassati negli ultimi anni e gli 85,2 milioni dell’iniziativa".

Da qui la protesta del granconsigliere del Centro/Ppd Passalia, che con due mail nel giro di due giorni ha chiesto lumi dal momento che "non si capisce come nell’opuscolo possano essere indicate cifre e considerazioni in contrasto con le indicazioni fornite dal Consiglio di Stato alla Commissione parlamentare della gestione".

Il 26 agosto, venerdì scorso, la risposta del governo con l’opuscolo informativo approvato: "Dallo stesso emerge che lo sgravio è stato quantificato in 91,5 milioni di franchi, ovvero come se non fosse operante la moratoria. In particolare, la riduzione del gettito per il 2023, rispetto alla situazione attuale, è stata stimata in 15 milioni di franchi". La questione è semplice ed è quella che ha portato al reclamo: nel testo degli iniziativisti figura la frase "i cittadini, già nel 2023, avranno in tasca circa 25 milioni di franchi in più" mentre nella modifica apportata dalla cancelleria si trova scritto che "i cittadini, già nel 2023, avranno in tasca circa 15 milioni di franchi in più". La seconda modifica importante, è che "con il controprogetto lo sgravio a favore della popolazione, per il 2023, sarebbe di oltre 10 milioni di franchi inferiore a quello previsto dall’iniziativa". Milioni che, con la modifica della cancelleria, scendono a 5.

Padlina: ‘Sembra una manovra per limitare l’impatto dell’iniziativa’

Nel reclamo si cita fra l’altro il capoverso 5 dell’articolo 10 del Redp, il Regolamento sull’esercizio dei diritti politici. Secondo il quale, ricordano i reclamanti, il Consiglio di Stato "coinvolge nella redazione del testo a sostegno della domanda di iniziativa (o di referendum) il comitato promotore della domanda". La norma, annotano, "stabilisce che, a tale scopo, la Cancelleria dello Stato fissa al Comitato d’iniziativa un termine di almeno dieci giorni per la consegna della proposta di testo" e "precisa che il governo cantonale possa modificare il testo proposto dal Comitato di iniziativa unicamente in tre casi". Ovvero in presenza di: testi o espressioni lesive dell’onore; testi o espressioni manifestamente contrari alla verità; testi o espressioni troppo lunghe". «Con riferimento al testo predisposto dagli iniziativisti nessuno di questi tre casi risulta, in tutta evidenza, realizzato – afferma l’avvocato Gianluca Padlina, interpellato dalla ‘Regione’ –. Il Consiglio di Stato tenta di mettere in bocca agli iniziativisti parole e concetti che non sono loro. Sostanzialmente cerca di lasciare intendere che gli iniziativisti condividano l’opinione del governo per cui ai veicoli immatricolati prima del 2009 debba trovare applicazione il sistema bonus/malus. Cosa che è del tutto illogica, visto che l’obiettivo dell’iniziativa è proprio quello di abrogare questo sistema». E poi l’affondo: «Probabilmente – continua il legale – il governo ha capito che questa iniziativa con grande probabilità verrà approvata dal popolo, dato che abbiamo una delle imposte di circolazione più care del Paese, e la manovra architettata sembra finalizzata a limitare l’impatto dell’iniziativa».

Osserva ancora Padlina: «In base alla giurisprudenza del Tribunale federale, che cito nel reclamo, la comunicazione delle autorità – dunque il contenuto dell’opuscolo informativo – deve essere neutrale e l’autorità è tenuta comunque a riportare in maniera fedele la posizione degli iniziativisti». Concetti esplicitati appunto nel reclamo. «Secondo la giurisprudenza – scrive Padlina – l’esito di una votazione è falsato qualora le autorità influenzino in maniera inammissibile gli aventi diritto di voto. Un condizionamento di questo genere può essere esercitato segnatamente per il tramite di informazioni ufficiali indirizzate dalle autorità ai cittadini". E ancora: «L’autorità non è tenuta a discutere ogni dettaglio del progetto, né a evocare ogni obiezione che potrebbe essere sollevata in merito: le è tuttavia vietato di passare sotto silenzio elementi importanti per la decisione dei cittadini o di riprodurre in maniera inesatta gli argomenti dei promotori o degli avversari dell’iniziativa».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved