ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
39 min

Val Calanca: centinaia di persone sempre isolate dal mondo

Nuove informazioni sono attese per oggi, lunedì. Nessuno fortunatamente è rimasto ferito nello scoscendimento che si è verificato domenica mattina.
Ticino
2 ore

Filippini: ‘La polizia unica non è mai stato un tema per noi’

Il coordinatore del gruppo designato dal governo: ‘Il focus sui compiti, per una loro chiara ripartizione fra Cantonale e polcom. Rapporto per fine anno’
Locarnese
3 ore

Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere

Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale

Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Luganese
3 ore

Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’

La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Mendrisiotto
10 ore

Brusino Arsizio si prepara all’avvento

Arte, musica, fiaccolata dei bambini e falò augurale caratterizzeranno l’avvicinarsi al Natale
Ticino
11 ore

E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge

Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
11 ore

Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti

Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
12 ore

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
30.08.2022 - 11:41
Aggiornamento: 16:04

Anche in Ticino c’è il virus della febbre del Nilo

La conferma arriva dall’Istituto di microbiologia della Supsi. Al momento non sono però noti casi di persone colpite dalla malattia

anche-in-ticino-c-e-il-virus-della-febbre-del-nilo
Presenza ravvisata sia nel Sottoceneri sia nel Sopraceneri

È arrivato anche in Ticino il virus della febbre del Nilo. La conferma arriva dall’Istituto di microbiologia della Supsi, che l’ha individuato negli scorsi giorni. Al momento non sono noti casi di persone colpite dalla malattia. L’Ufficio del medico cantonale del Dipartimento della sanità e della socialità, tempestivamente coinvolto, ha provveduto a sensibilizzare i medici.

La ricorrenza stagionale di alcuni virus trasmessi da animali come zanzare o zecche, ad esempio Zika, Dengue, Chikungunya e virus della Febbre del Nilo occidentale o West Nile virus, Wnv, ha da tempo portato anche in Ticino a prestare particolare attenzione al fenomeno.

L’Istituto di microbiologia della Supsi, su delega del Dipartimento della sanità e della socialità (Dss), che sostiene il progetto, garantisce un monitoraggio per sorvegliare la presenza di questi virus nelle zanzare. Questa attività è finanziata anche dall’Ufficio federale per la protezione della popolazione ed è portata avanti in stretta collaborazione con il Laboratorio di Biosicurezza di Spiez.

Una prima sul territorio cantonale

Finora la presenza di questi virus non era mai stata riscontrata sul nostro territorio. Nelle scorse settimane, nell’ambito dei regolari rilevamenti effettuati, si è però evidenziata la presenza del virus della febbre del Nilo occidentale nelle zanzare in Ticino, sia nel Sottoceneri sia nel Sopraceneri. La ripetizione dei test ha confermato la presenza.

Questo virus arriva mediante uccelli migratori e può essere trasmesso ad altri uccelli da alcune specie di zanzara; principalmente si tratta della Culex pipiens, ovvero la zanzara comune. Anche la zanzara tigre può trasmettere questo virus ma non è considerata il vettore principale. Il virus colpisce gli uccelli e solo saltuariamente può colpire l’uomo o il cavallo, che sono considerati ospiti terminali. Ospite terminale significa che dall’uomo o dal cavallo tale virus non può essere ulteriormente trasmesso (né alla zanzara, né ad altri esseri umani o animali).

Al momento attuale non risulta nessun caso accertato di infezione in esseri umani. L’Ufficio del medico cantonale, subito coinvolto, ha provveduto a informare le competenti autorità federali e i medici del territorio, sensibilizzandoli sui sintomi che il virus potrebbe causare qualora venisse trasmesso alle persone. In queste ultime, la maggior parte delle infezioni da Wnv (circa 80%) ha un decorso asintomatico. Nel 20% circa i sintomi sono essenzialmente di tipo influenzale. Complicazioni gravi o letali si possono avere con il coinvolgimento del sistema nervoso: encefaliti e meningiti, che insorgono in meno dell’1% delle persone infette, e colpiscono con maggior frequenza gli anziani e i pazienti immunodepressi.

I trattamenti contro la zanzara tigre in ambito urbano colpiscono anche la Culex pipiens. La misura preventiva più efficace è quella di evitare la puntura della zanzara, per esempio applicando dei repellenti all’imbrunire e indossando indumenti lunghi di colore chiaro, specialmente per le persone potenzialmente a rischio (immunodepressi o anziani).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved