ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
5 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio

Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Ticino
6 ore

Rielezione toghe, correttivi per scongiurare un nuovo 2020

La commissione firma il rapporto stilato da Pagani: ‘Il Consiglio della magistratura si doti di un regolamento ed espliciti il diritto di essere sentito’
Mendrisiotto
7 ore

Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone

Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
8 ore

La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti

Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
8 ore

Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri

Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Luganese
8 ore

Christian Vitta e Raffaele De Rosa a confronto a Massagno

I due consiglieri di Stato parleranno delle sfide dei rispettivi Dipartimenti. L’evento è in agenda il 5 febbraio al Cinema Lux e al Salone Cosmo
Luganese
9 ore

Caslano incontra i propri 18enni

Ventidue i giovani nati nel 2005 che hanno partecipato all’evento organizzato con l’autorità comunale
Mendrisiotto
9 ore

Parco Villa Argentina, un gruppo di lavoro per la riqualifica

Lo fa sapere il Municipio rispondendo a un’interrogazione di Tiziano Fontana, precisando che l’Ufficio dei beni culturali attende un progetto definitivo
Ticino
9 ore

Al via il programma cantonale di screening colorettale

Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
10 ore

Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps

Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
laR
 
05.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:59

Calo di persone attive: ‘Dove sono? Il governo approfondisca’

Lo chiede con una mozione il deputato socialista Ivo Durisch. ‘Bisogna leggere l’abbassamento della disoccupazione tenendo conto di questa diminuzione’

calo-di-persone-attive-dove-sono-il-governo-approfondisca
Ti-Press

"La sola diminuzione del tasso di disoccupazione, se contemporaneamente non c’è un riassorbimento nel mercato del lavoro, non è un dato sufficiente per dire che va tutto bene". Esordisce con questo assunto la mozione dal titolo ‘Tra disoccupati e dispersi’ con cui il capogruppo socialista Ivo Durisch chiede al Consiglio di Stato di dare un mandato per approfondire il tema del calo delle persone attive. Secondo il granconsigliere è necessario leggere e capire l’abbassamento della disoccupazione registrato tenendo conto del fatto che c’è stata una diminuzione degli attivi "particolarmente brusca in Ticino dove sono sparite ben 6’000 persone (dal 2017 al 2020, ndr) a fronte di una importante diminuzione della disoccupazione".

Il numero di persone attive è infatti un elemento decisivo nel calcolo del tasso di disoccupazione, che dalla Segreteria di Stato dell’economia (Seco) è definito come il rapporto tra queste persone – di 15 anni e più occupate o che si dichiarano disoccupate, indipendentemente dal fatto che siano o meno iscritte a un Ufficio regionale di collocamento (Urc) – e le persone iscritte agli Urc in cerca di impiego, indipendentemente dal fatto che beneficino delle prestazioni dell’Assicurazione contro la disoccupazione.

‘Spariti’ in particolare i giovani

Da quanto riportato nell’atto parlamentare, in Svizzera, se si prendono i dati di giugno 2021 e si considera la differenza del tasso di disoccupazione con le cifre relative al 2017 e al 2020, "vediamo che la popolazione di giovani attivi è diminuita del 15%". Una percentuale definita impressionante da Durisch, che si domanda dove questi ragazzi siano spariti e che per quanto concerne la situazione locale valuta: "Se in totale, secondo i dati ufficiali, in Ticino c’è stata una diminuzione di 6’000 persone attive, percentualmente molto superiore al resto della Svizzera e se questo dato dovesse riflettersi anche sui giovani, allora la diminuzione di persone attive giovani potrebbe essere addirittura attorno ai 2’500". A livello svizzero "e verosimilmente in maniera più acuta in Ticino molti giovani sfuggono alle statistiche sulle persone attive", considera dunque il deputato Ps, secondo cui è necessario fare delle ipotesi, da verificare, per capire se questo fenomeno sia contingente, ad esempio legato alla pandemia, o strutturale, ossia legato a cambiamenti in atto nella società o nel mondo del lavoro.

Varie ipotesi da sondare

"Guardando la stratificazione della popolazione, una parte di questa diminuzione potrebbe essere dovuta all’evoluzione demografica – ipotizza Durisch –. Infatti nel 2017 abbiamo una popolazione tra i 15 e 24 di 35’931 persone, mentre sono 34’998 nel 2021". Ma si tratta solo di "una diminuzione del 2,5%, rispetto a una diminuzione del numero di attivi sicuramente superiore al 16%". Una parte di questi giovani "potrebbe poi aver deciso di continuare gli studi dopo la scuola obbligatoria". I dati Rifos (Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera) "indicano un aumento dei giovani in formazione, ma solo per il 2020. Dato che si ritorna ai valori normali nel 2021". Quindi nemmeno questo dato spiega tutto.

Un’ulteriore ipotesi avanzata dal granconsigliere è che una parte "potrebbe semplicemente aver scelto altro, come ad esempio rimanere a casa dei propri genitori, senza un’attività, per motivi che potrebbero essere legati a un disagio giovanile, a una difficoltà di inserimento, a una difficoltà a trovare la propria strada rimandando la scelta". Per Durisch poi "altrettanto importanti sono le nuove forme di lavoro ("gratuito", ndr) che stanno prendendo piede soprattutto fra i giovani" le cui conseguenze sono "il precariato, nessun tipo di assicurazione sociale contro la disoccupazione, la malattia, gli infortuni e la vecchiaia e forse anche l’invisibilità statistica". Insomma, dietro a questi dati semplici "potrebbe nascondersi un universo interessante che val la pena conoscere", rimarca Durisch, riferendosi non solo ai giovani ma a un problema che in Ticino tocca "in maniera importante anche le persone adulte". Ecco quindi il senso della mozione che, oltre alla richiesta di approfondire la tematica, auspica anche "la riattivazione del gruppo disoccupazione dove Dfe-Dfp e Dss si trovavano regolarmente per monitorare i dati di: iscritti, Ilo, Rifos e persone al beneficio di assistenza".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved