ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
18 min

Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee

Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare.
Locarnese
31 min

Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’

Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Locarnese
54 min

Locarno on ice, dal 2 dicembre con... ice

Pronta per l’apertura la pista di ghiaccio. E continua il programma dei concerti
Luganese
1 ora

Villa Luganese, la lotteria di Casimiro Piazza

È stata organizzata per sottolineare il 17esimo anno di attività della Scuola. L’elenco dei 20 numeri vincenti
Bellinzonese
1 ora

Lodrino, castagnata con il Ps di Riviera

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 16 al Centro sportivo
Luganese
1 ora

La lingua lombardo-ticinese protagonista ad Arogno

Il Tepsi presenterà domenica 4 dicembre al Teatro ‘Scapa ti... che scapi anca mi’
Bellinzonese
1 ora

Riscaldamenti elettrici ‘energivori’, serata a Biasca

L’evento organizzato dalla Società elettrica sopracenerina si terrà lunedì 5 dicembre alle 20 nell’Auditorium Cavalier Pellanda
Luganese
1 ora

Le vacanze nel Luganese regalano una crociera

Lanciata la nuova campagna turistica di Lugano Region in vista delle vacanze invernali
Mendrisiotto
1 ora

Istanza aggregativa a Balerna, il parere del Municipio

L’esecutivo prende posizione: sottoscriverla sarà ‘una precisa manifestazione di volontà e un passo formale vincolante per l’attivazione della procedura’
22.08.2022 - 17:41
Aggiornamento: 18:11

Ipct, ‘inaccettabile la riduzione del tasso di conversione’

L’assemblea del personale prende posizione: ‘Serve una soluzione politica per garantire le coperture. Una riduzione del 40% in dieci anni mai successa’

ipct-inaccettabile-la-riduzione-del-tasso-di-conversione
Ti-Press

"Una riduzione del 40% in dieci anni non è mai successa. In nessun Paese". Non usa mezzi termini la Rete per la Difesa delle Pensioni (ErreDiPi) per opporsi "all’intenzione, prospettata dalla direzione dell’Istituto di previdenza del Canton Ticino, di ridurre il tasso di conversione a partire dal primo gennaio 2024". Contro questa decisione l’assemblea del personale ha indetto una prima giornata di mobilitazione mercoledì 28 settembre. "Le nostre condizioni salariali e previdenziali sono peggiorate nettamente e bruscamente negli ultimi due decenni, in particolare per le assicurate e gli assicurati nati a partire dal 1963. Questo degrado è stato determinato da una serie di misure che, a partire dalla fine degli anni 90, ha penalizzato il pubblico impiego", si legge nel comunicato.

‘Inaccettabile qualsiasi riduzione del tasso di conversione’

A essere indicato come uno dei provvedimenti più pesanti che hanno colpito il sistema pensionistico è stato "il passaggio, nel 2013, dal primato delle prestazioni al primato dei contributi, con una conseguente riduzione delle rendite pensionistiche stimata attorno al 20%". Anche per questo motivo, sostiene l’ErreDiPi, "la riduzione del tasso di conversione, decisa recentemente dal Consiglio di amministrazione dell’Istituto di previdenza del Canton Ticino (Ipct) per porre rimedio all’insufficiente grado di copertura della cassa, sancirebbe un’ulteriore contrazione delle rendite di cassa pensione stimabile attorno al 20-22% proprio per coloro che sono già stati pesantemente penalizzati nel 2013". La contrazione totale, indica l’ErreDiPi nel comunicato, sarebbe quindi del 40% in meno di 10 anni. "Riteniamo che qualsiasi riduzione del tasso di conversione, in un contesto in cui per tutta una generazione è già previsto un grave degrado delle condizioni pensionistiche, sia inaccettabile".

‘Serve una soluzione politica per garantire la copertura’

Per questo motivo l’assemblea del personale ha deciso "di respingere qualsiasi proposta di riduzione del tasso di conversione e di chiedere ai propri datori di lavoro, tramite il Consiglio di Stato, di trovare una soluzione politica per garantire la copertura e la stabilità dell’Ipct senza peggiorare ulteriormente le condizioni previdenziali degli assicurati e dei futuri pensionati". L’invito dell’ErreDiPi ai rappresentanti degli assicurati in seno all’Ipct è di "opporsi alla proposta concreta di diminuzione del tasso di conversione senza avere garanzie formali che le scelte non comportino (grazie a misure adeguate) diminuzioni delle rendite e dei salari".

‘Non si possono rescindere unilateralmente gli accordi presi’

Il richiamo che la rete fa è al rapporto tra datore di lavoro e dipendenti: "Il rispetto per il lavoro già prestato e il suo corretto riconoscimento sono la base fondamentale per una sana collaborazione tra un datore di lavoro e i suoi dipendenti. Le condizioni pattuite al momento della firma di un contratto di lavoro includono infatti un trattamento pensionistico che è inscindibile da quello salariale: una rescissione unilaterale da parte del datore di lavoro degli impegni presi vìola la dignità delle salariate e dei salariati e intacca le basi di uno Stato di diritto, a maggior ragione quando il datore di lavoro è lo Stato stesso".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved