ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 min

Riscaldamenti elettrici ‘energivori’, serata a Biasca

L’evento organizzato dalla Società elettrica sopracenerina si terrà lunedì 5 dicembre alle 20 nell’Auditorium Cavalier Pellanda
Luganese
18 min

Le vacanze nel Luganese regalano una crociera

Lanciata la nuova campagna turistica di Lugano Region in vista delle vacanze invernali
Mendrisiotto
33 min

Istanza aggregativa a Balerna, il parere del Municipio

L’esecutivo prende posizione: sottoscriverla sarà ‘una precisa manifestazione di volontà e un passo formale vincolante per l’attivazione della procedura’
Bellinzonese
37 min

La comunità curda in Ticino manifesta a Bellinzona

Sabato 3 dicembre alle 15, ritrovo sul Piazzale Stazione per dire ‘No all’aggressione turca al Rojava’
Luganese
53 min

Lugano, agevolazioni di parcheggio natalizie

In occasione delle aperture domenicali dell’11 e 18 dicembre, mezzi pubblici e prime due ore di posteggio gratuite
Luganese
58 min

Sul fiume Tresa arrivano le rampe dinamiche

In vista dei lavori che interesseranno Molinazzo, il 13 dicembre è previsto un incontro informativo online
Luganese
1 ora

Lugano, maratona Telethon in piazza Rezzonico

Molti gli eventi in programma venerdì 2 e sabato 3 dicembre in occasione della raccolta fondi nazionale
Luganese
1 ora

Melide festeggia i 100 anni di Elvina Spaccio

L’invidiabile traguardo è stato celebrato lo scorso 24 novembre alla presenza della famiglia e del sindaco Angelo Geninazzi
Grigioni
1 ora

Mesocco, sull’A13 pausa invernale dei lavori nel tunnel Gei 

Il cantiere riprenderà nel 2023. Scavata nel frattempo una nuova via di fuga
Locarnese
1 ora

Corale Verzaschese, 30 anni di passione e un Natale speciale

Con il concerto dell’8 dicembre andrà agli archivi un’annata densa di significati per i festeggiamenti dei tre decenni di attività
Ticino
1 ora

I formaggi ticinesi premiati in Svizzera e nel mondo

Il ‘Merlottino’ della Lati ha ottenuto la medaglia di bronzo ai ‘World Cheese Awards’. Diversi premi anche a livello nazionale
Bellinzonese
2 ore

Natale in compagnia a Bellinzona

Anche quest’anno la Città propone il tradizionale pranzo alla Casa del Popolo. Iscrizioni entro il 16 dicembre
Locarnese
2 ore

Musica di Minusio, concerto di gala

L’appuntamento con la filarmonica locale, diretta da Mattia Terzi, sarà aperto dalla Minibanda regionale
Bellinzonese
2 ore

Concorso a Bellinzona con 15mila franchi in buoni acquisto

In programma fino al 24 dicembre, l’iniziativa è promossa dalla Società dei commercianti per sostenere l’economia locale
Locarnese
2 ore

Semafori alla rotonda di Quartino, Marchesi interroga Berna

Domande al Consiglio federale sulla regolazione del traffico in determinati orari
Mendrisiotto
3 ore

Truffa sulle tessere bancomat, due arresti a Brogeda

Il raggiro in due fasi: prima l’appropriazione indebita delle tessere, poi l’inganno per carpire il Pin ed eseguire prelievi di denaro illegalmente
Grigioni
3 ore

A San Vittore la tassa rifiuti aumenta del 100%

L’assemblea comunale ha approvato la proposta del Municipio
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio, visita guidata gratuita al Teatro dell’architettura

L’appuntamento è per domenica 4 dicembre alle 11. Lunedì 5 sarà invece in scena la Compagnia Finzi Pasca
Locarnese
5 ore

Locarno, acqua fredda e luci più basse tra le misure energetiche

Il Municipio ha elencato la sua strategia per risparmiare energia durante l’inverno, con provvedimenti che toccano amministrazione e associazioni
Locarnese
5 ore

Verzasca, mercatino natalizio rinviato

A causa delle previsioni meteorologiche poco favorevoli, l’evento previsto il 4 dicembre è rinviato alla domenica successiva, 11 dicembre
laR
 
26.07.2022 - 07:35
Aggiornamento: 15:38

Giovani e criptovalute, ‘ho perso migliaia di franchi’

Anche in Ticino, attirati da facili profitti, alcuni ragazzi investono i risparmi nelle monete virtuali. C’è chi avverte: ‘Simile al gioco d’azzardo’

giovani-e-criptovalute-ho-perso-migliaia-di-franchi
Ti-Press
Dario Gennari, esperto di prevenzione: ‘Serve maggiore consapevolezza’

La prospettiva di un comodo guadagno, magari anche sostanzioso, senza dover far nulla. Basta solo investire i propri risparmi in criptovalute. Un’idea decisamente accattivante – chi non vorrebbe veder lievitare il proprio conto in banca restando sdraiato sul divano? – che ha fatto presa soprattutto sui giovani. Quello che fino allo scorso anno poteva sembrare un Eldorado per arrotondare, si sta però ora rivelando un azzardo (il termine calza a pennello, lo capiremo più avanti) fallito. Il mondo delle cripto è infatti in crisi, con le diverse valute che negli ultimi mesi hanno perso buona parte del loro valore. Se ne stanno rendendo conto i tanti investitori, spesso persone senza una vera conoscenza del settore, che hanno visto svanire pian piano i propri soldi.

Anche in Ticino c’è chi ha perso migliaia di franchi

Il mercato cripto alle nostre latitudini, per ora, non ha preso piede come altrove. Questo nonostante i tentativi (pubblici e privati) di trasformare il Ticino nella "capitale europea delle criptovalute". Non mancano però gli esempi di chi anche nel nostro cantone, magari con un po’ di vergogna, ammette di aver perso qualche biglietto da mille dopo essere caduto nella tentazione d’investire i propri risparmi. Si tratta soprattutto di giovani, ingolositi da facili guadagni e da un’attività che, almeno fino a qualche tempo fa, era etichettata con uno dei più classici "va di moda".

‘Ho investito quello che sapevo di poter perdere’

«Avevo investito 10mila franchi, ora me ne restano circa 3mila. Gli altri sono andati persi» ci spiega Fulvio, 24 anni. «Le cose sono cominciate ad andare male a dicembre. Da lì è stata una perdita continua e ora sono arrivato al punto più basso». Il rischio, in un certo senso, era calcolato. «Sapevo che si tratta di un’operazione incerta, ma speravo in un esito diverso. In ogni caso sono partito con una cifra stabilita, quella che sapevo di poter perdere».

‘È come al casinò, non devi andare oltre il tuo budget’

Un ragionamento che solitamente si applica al gioco d’azzardo, ed è proprio Fulvio a fare l’esempio delle case da gioco: «È un po’ come quando vai al casinò. Entri con 100 o 200 franchi e sai che se li perdi non devi più aprire il portafogli. Altrimenti diventa un circolo vizioso e ti fai del male». La tentazione, però, c’è… «L’altra settimana il prezzo delle cripto era davvero ai minimi storici. Il momento migliore per comprare. Però non ho ceduto, visto che mi ero promesso di non investire oltre la cifra iniziale. Non penso lo farò nemmeno in futuro» afferma Fulvio, che nella vita lavora come operaio comunale. Ma come si avvicinano i giovani, magari anche senza una formazione nel settore, al mondo delle criptovalute? «Ho deciso d’investire in ottobre, dopo aver letto un po’ d’informazioni sul tema su internet e sui social network» dice Giovanni, 23enne di professione giardiniere. «Il periodo era positivo e allora mi sono lanciato. Un mio amico me ne parlava sempre bene. Una volta iniziato ho conosciuto in giro diverse persone che gia investivano, e da ognuno ho ‘rubato’ qualche spunto». Ma dove e come si investe? «È piuttosto semplice. Io mi sono affidato a una delle piattaforme più conosciute, che fa anche la pubblicità nella Formula Uno e quindi mi ispirava fiducia. Ho caricato i soldi e iniziato l’investimento». I risultati, però, non sono dei migliori. «Ho perso quasi 9mila franchi. Tornassi indietro non lo rifarei».

l’esperto

Chi conosce bene il mondo dei giovani e le problematiche legate al gioco d’azzardo è Dario Gennari, coordinatore dello Studio medico Rete Operativa e presidente del Gruppo Prevenzione gioco d’azzardo (Gatp).

Si può parlare di una similitudine tra i giovani che investono in criptovalute e i giocatori d’azzardo?

Non ci sono studi approfonditi sul legame tra criptovalute e gioco d’azzardo, alcuni elementi indicano però che ci sono delle connessioni molto strette. Taluni meccanismi sono davvero simili. Si parte dal presupposto, in parte errato, che non servono competenze, proprio come per la maggior parte dei giochi presenti all’interno dei casinò, che si basano sul principio della scommessa. Tutto avviene in maniera digitale spesso priva di un’attenta riflessione.

Proprio la mancanza di conoscenza della materia è un punto che deve far riflettere…

C’è un sistema che fa credere a questi ragazzi privi di particolari competenze di poter avere dei guadagni, magari anche importanti. È chiaro che ci troviamo di fronte a possibili fake news o comunque a delle informazioni perlomeno discutibili e fuorvianti. Una domanda anche molto banale e diretta che si può porre è: "Ma pensate che sono lì ad aspettare voi per farvi diventare ricchi?". È chiaro che ciò si scontra con l’illusione di un facile, importante guadagno. Vi è poi anche un discorso legato all’autostima.

In che senso?

Non è un caso che spesso molti ragazzi attivi in questo settore siano molto lontani professionalmente da un operatore di borsa o un professionista finanziario. Svolgono spesso lavori rispettabili ma erroneamente considerati come umili. Vedono quindi in quest’attività la possibilità di una sorta di rivalsa sociale in una società che pone il denaro al centro dell’interesse collettivo e individuale. C’è poi il tema dell’attenzione selettiva, dove si tende a vedere solo l’esempio positivo di chi ce l’ha fatta.

Le è capitato di seguire dei casi legati alle criptovalute all’interno della sua attività professionale come psicoterapeuta?

Un ragazzo che seguo un giorno si è presentato dicendo che i suoi amici investono in criptovalute. Ho notato in lui un certo interesse, nonostante abbia un lavoretto, oltre a essere uno studente, che gli garantisce delle entrate regolari. Alla domanda se i suoi amici avessero dei profitti da questa attività la risposta è stata negativa. Nessuno di loro era in positivo. Ho dovuto fare un discorso psicoeducativo, sottolineando che era lui il vincente in questa situazione. Alla fine si è convinto, ma ho dovuto insistere.

Quando si parla di criptovalute non si può non citare il discorso legato alla digitalizzazione e alle nuove tecnologie...

Oggi dieci franchi o 10mila vengono entrambi inviati con un click. In passato non era così, bisognava avere il contante in mano e recarsi sul posto. Non c’era l’immediatezza e si aveva quindi uno spazio maggiore di riflessione e consapevolezza.

Aumentano quindi i rischi?

Certo. Va anche detto che fa parte dell’adolescenza essere attratti dal rischio e da quello che non si conosce. Qui però c’è il pericolo che i rischi siano troppo grandi, che drammaticamente vengano generati debiti che poi ci si porta dietro per sempre, con un vissuto di fallimento e scarsa autostima.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved