ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri

Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
4 ore

Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’

Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
4 ore

Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino

Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
4 ore

Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo

Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
12 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
12 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
13 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
13 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
13 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
14 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
14 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
18.07.2022 - 17:45
Aggiornamento: 19:24

Pensioni del Cantone, ‘2021 positivo ma prospettive fosche’

Il rendimento netto nello scorso anno è stato di 276 milioni. Rotanzi: ‘La soluzione di risanamento votata dal Gran Consiglio ha dei rischi’.

pensioni-del-cantone-2021-positivo-ma-prospettive-fosche
Il grado di copertura è salito al 69,6%

Un bilancio positivo per quanto riguarda il 2021, in attesa di tracciare la rotta definitiva da seguire nei prossimi anni. È questo, in estrema sintesi, quanto emerge dal rapporto di gestione 2021 dell’Istituto previdenza del canton Ticino (Ipct). «Il 2021 si è chiuso positivamente. Sia rendimento che grado di copertura sono aumentati. Per il 2022 la situazione è molto diversa, visto che obbligazioni e azioni sono in netto calo. I bilanci verranno fatti alla fine dell’anno, ma al momento le prospettive sono fosche» spiega Daniele Rotanzi, direttore dell’Ipct. Parlando in cifre: il patrimonio ha generato un rendimento netto positivo del 5,2% (nel 2020 era del 4,6%). Questo corrisponde a complessivi 276 milioni di franchi. Il grado di copertura è così salito al 69,6% anche se, spiega l’Istituto nel rapporto, "permane lievemente inferiore a quello originariamente previsto dal piano di finanziamento (70,9%)".

‘Un risanamento senza costi non è un risanamento’

Ad aver fatto discutere nell’ultimo anno è stata soprattutto la vicenda legata al risanamento dell’Ipct, con il Gran Consiglio che ad aprile ha approvato l’investimento sul mercato di 700 milioni attraverso l’emissione di più tranche obbligazionarie. Un compromesso – il messaggio originale prevedeva infatti un versamento unico di 500 milioni di franchi – che non ha pienamente soddisfatto i vertici dell’Ipct: «Una soluzione di risanamento che non ha costi non è una vera soluzione di risanamento. La soluzione funziona in teoria sul lungo termine se le cose vanno bene, ma proprio il 2022 ci sta mostrando i rischi di questa operazione. Se a inizio anno avessimo investito del capitale in azioni ci troveremmo ora con il 15-20% in meno» afferma Rotanzi.

‘Tutti i rischi dal Cantone alla cassa pensioni’

«Di fatto la soluzione proposta ha trasferito tutti i rischi dal Cantone alla cassa pensioni. Va bene nella misura in cui tutto aiuta, ma non sarà certo questo che cambierà in modo sostanziale la situazione finanziaria dell’Ipct» sottolinea il direttore. La soluzione ideale indicata dall’Ipct era il versamento di 500 milioni a fondo perso. «Quello sarebbe stato il vero contributo di risanamento» ribadisce Rotanzi.

‘Riduzione dei tassi in vigore dal 2024’

Lo sguardo è comunque rivolto al futuro. L’Ipct, si legge nel rapporto, "tenuto conto della situazione finanziaria complessiva delle casse di previdenza e dell’attuale livello del tasso tecnico (1,50%), il Consiglio di amministrazione ha deliberato che il tasso di conversione sarà ridotto gradualmente, partendo dall’attuale tasso del 6,17% (a 65 anni), sino ad arrivare a un tasso che sarà prevedibilmente del 5%". Le riduzioni entreranno in vigore dal 2024 mentre sono ancora in corso le discussioni relative al percorso di adattamento scalare del livello dei tassi di conversione.

‘Aspettative di vita e rendimenti non sono più gli stessi’

«Le misure di compensazione sono legate alla riduzione dei tassi di conversione, che devono essere diminuiti in ogni caso. Lo si sta facendo ovunque in Svizzera» dice a ‘laRegione’ Rotanzi. Ma quali sono i motivi i questa misura? «Le aspettative di vita e in particolare i rendimenti attesi sui capitali non sono più gli stessi di 10 o 15 anni fa quando sono stati fissati». Quali sono quindi le misure di compensazione che si possono mettere in campo? «Tutti i grandi datori di lavoro – inclusi quelli sia pubblici che privati – quando c’è una riduzione del tasso di conversione la accompagnano con misure di compensazione. Per esempio un aumento dei contributi sia a carico del datore di lavoro che dei dipendenti oppure una remunerazione supplementare degli averi di vecchiaia se la situazione finanziaria della cassa lo permette».

Leggi anche:

Risanamento Ipct, maggioranza schiacciante per il compromesso

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved