ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
30 min

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
1 ora

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
2 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
2 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
3 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
3 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
4 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
4 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
5 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
5 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
5 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
5 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
5 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
6 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
6 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
6 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
Bellinzonese
6 ore

Domande e risposte sulla sessualità nei luoghi di cura

Giovedì 13 ottobre questa tematica delicata sarà al centro del convegno annuale della Fondazione Sasso Corbaro. Si rifletterà su limiti e approcci diversi
laR
 
15.07.2022 - 05:15
Aggiornamento: 15:40

Mozione in casa Ps: ‘Lista con i Verdi? Sì ma con 3 dei nostri’

Le richieste di Muschietti, Roncelli e Degiorgi. Ribatte Venuti: è il momento di compiere un passo storico senza troppi attaccamenti al passato

mozione-in-casa-ps-lista-con-i-verdi-si-ma-con-3-dei-nostri
Ti-Press

Nella lista rossoverde per il Consiglio di Stato "devono essere presenti almeno tre esponenti del Partito socialista". È il primo di sette punti contenuti in una mozione che da ieri sta circolando in rete. Firmata dai tre socialisti Matteo Muschietti, Evaristo Roncelli e Lauro Degiorgi, il testo chiede alla Conferenza cantonale del Ps di dare esplicito mandato alla Direzione per trattare su una lista unica da presentare per il governo alle prossime Cantonali "rispettando le condizioni minime esplicitate". Condizioni che però, perlopiù, cozzano con quelle poste a loro volta degli ecologisti, in primo luogo quella di correre alla pari. Tra le altre elencate dai tre mozionanti figurano: nessun vincolo esterno per scelta dei candidati Ps, decisi esclusivamente dal Congresso; nessuna ingerenza in merito alle risorse finanziarie da usare per la campagna; e che la lista porti in testa il nome del Ps.

«Abbiamo deciso di fare questa mozione dopo l’ultimo Comitato cantonale di giugno durante il quale Matteo Muschietti aveva presentato la richiesta, poi rifiutata dalla direzione, di organizzare una Conferenza cantonale a metà settembre, prima del Congresso programmato solo per novembre – motiva Evaristo Roncelli –. Un’esigenza che nel frattempo non è venuta meno in quanto, al di là delle dichiarazioni di intenti rispetto a una lista unica su cui nessuno è contrario a priori, una parte dei militanti sente la necessità di confrontarsi sui paletti minimi per le trattative. Per questo, come ci consentono di fare gli statuti, abbiamo rilanciato la proposta della Conferenza cantonale raccogliendo le firme con una mozione».

Il rischio, secondo Roncelli, è di arrivare a novembre con tutto già stabilito dai vertici «e non avere più tempo per rivedere la strategia in caso l’alleanza dovesse saltare». Per tale motivo «è meglio anticipare le discussioni sugli elementi concreti coinvolgendo fin da subito i militanti, onorando così anche la tradizione e le dinamiche democratiche del Partito socialista».

Nel merito delle sette condizioni avanzate, Roncelli sostiene che «nello scenario attuale in cui per ora si sta discutendo solo tra Ps e Verdi, dal nostro punto di vista invece di una composizione con 2 socialisti, 2 verdi e un rappresentante della società civile – come si prospetta –, il Ps dovrebbe avere almeno tre candidati». E ciò per una questione di forze: «È da 100 anni che siamo al governo, disponiamo di 13 parlamentari contro 6, e alle ultime Cantonali abbiamo ricevuto il 75% dei voti di area. Ci sembra quantomeno strano doverci azzoppare per permettere agli altri di correre alla pari».

«Lo scopo, però – attenua un po’ i toni della mozione Roncelli –, non è di imporre la nostra linea. Ci sono compagni favorevoli a un 2+2+1, altri a un 2+3. Le posizioni sono varie, e proprio per questo è giusto che ci si confronti per la prima volta in modo allargato su quello che potrebbe essere un passo epocale. Vincolanti non saranno dunque i nostri punti, su cui chiediamo di votare singolarmente, ma le decisioni prese a maggioranza dalla Conferenza». E sottolinea: «Perché è la direzione del partito a dover essere al servizio della base, non viceversa».

Il vicepresidente: la sede giusta per discuterne non è la Conferenza cantonale, ma il Congresso

«Quello che vuole la base lo si vede dai fatti – ribatte il vicepresidente del Ps Adriano Venuti –. E questi indicano che gran parte delle sezioni nei Comuni ha fatto delle liste uniche rosso-verdi. E soprattutto il Congresso, che è il nostro organo più importante, rappresenta tutta la base». Lì, replica alle accuse Venuti, «non si arriva con decisioni pronte, ma con delle proposte di decisioni da prendere. Sono gli iscritti ad avere l’ultima parola. È il Congresso il posto in cui la maggior partecipazione è garantita. La Conferenza cantonale può essere convocata per discutere temi rilevanti ma che non richiedono necessariamente un Congresso».

Rispetto ai paletti per la composizione della lista, Venuti, come già in occasione dell’ultimo Comitato cantonale, sostiene che «è ora il momento di fare un passo storico, senza troppi attaccamenti a quel passato spesso rievocato. Non dico di regalare il seggio ai Verdi, ma se vogliamo dare una nuova impronta al paese è necessario fare un passo che dia una prospettiva a medio termine. Non si può continuare a ragionare come si è sempre fatto se si vogliono cambiare le cose».

«Ribadisco pure io – dice dal canto suo il capogruppo in Gran Consiglio Ivo Durisch – quanto ho detto in occasione dell’ultimo Comitato cantonale: non è una questione di numeri, se crediamo nella lista socialista-Verdi dobbiamo farla con convinzione, con il cuore e con generosità. Solo così riusciremo a convincere i cittadini a votare la lista e a ottenere quindi un risultato importante».

Noi: guardiamo all’oggi, rappresentiamo una realtà importante dell’area progressista

«Gli aderenti al Ps sono ovviamente liberi di avanzare qualsiasi richiesta e ogni partito ha i suoi processi democratici interni. Ed è giusto che tutto ciò venga mantenuto. Detto questo – afferma il deputato e co-coordinatore dei Verdi Marco Noi – la nostra posizione è sempre stata chiara, fin dall’inizio: sì ad entrare nel merito di una lista unica partendo dal presupposto di un’equa ripartizione delle candidature: lo stesso numero per i due partiti». Due posti a testa in lista. In casa socialista non tutti però la pensano così... «Beh questo è un aspetto che deve chiarire il Ps al proprio interno – riprende Noi –. Capisco che ad alcuni socialisti il fatto di disporre dello stesso numero di candidature di quello dei Verdi sia indigesto, ma non si può sempre richiamare la storia a proprio favore, occorre vedere anche il presente. E il presente dice che i Verdi rappresentano una realtà importante dell’area progressista ed è quindi giusto che siano adeguatamente rappresentati in una lista unitaria». Secondo Noi, si tratta di «un’occasione importante: una collaborazione tra Verdi e Ps che auspico sia duratura, e non limitata alle elezioni cantonali».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved