naturale-ecologico-diciture-ingannevoli-da-regolare
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
8 min

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
6 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
6 ore

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
10 ore

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
11 ore

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
11 ore

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
11 ore

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
11 ore

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
05.07.2022 - 18:48
Aggiornamento: 19:06

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti

L’uso delle diciture ambientali che figurano sui prodotti va regolamentato. È quanto sostiene "la stragrande maggioranza" dei 3’500 consumatori provenienti da tutta la Svizzera che hanno partecipato a un sondaggio condotto dall’Alleanza delle organizzazioni dei consumatori, ovvero Konsumentenschutz, Frc, Associazione consumatori della Svizzera italiana (Acsi). Come informa una nota di quest’ultima, la maggior parte dei partecipanti ritiene che l’uso di affermazioni come "CO2 neutrale", "ecologico", "biodegradabile" debba essere regolato dalla legge, cosa che attualmente avviene solo "in piccolissima parte".

"Sebbene non rappresentativa – scrive l’Acsi –, questa indagine ha anche permesso di dimostrare l’innegabile influenza delle affermazioni ‘green’ sulla percezione dei prodotti, in particolare quando i consumatori si trovano a fare una scelta con poco tempo a disposizione". Per questo motivo, aggiungere un prato verde sull’imballaggio di un prodotto a base di pollo, dei fiori su una crema o una pigna su un prodotto per la pulizia del Wc "influenza la loro percezione e fa ritenere gli articoli in questione più ecologici di quanto non lo siano".

Lotta al ‘greenwashing’

Il sondaggio, secondo i promotori, ha anche permesso una migliore comprensione del peso dato dai consumatori ad alcune diciture ambientali. Ad esempio il termine "naturale" secondo il 39% dei partecipanti implica che un alimento non sia iper-lavorato. Il 25% ritiene anche che non contenga residui di pesticidi e che sia sano. "Nella realtà, nulla di tutto questo è garantito, in quanto l’uso del termine ‘naturale’ non ha alcun quadro legale". Ciò vale anche nel caso dei prodotti cosmetici o di pulizia dove circa un terzo dei partecipanti ritiene che i prodotti ‘naturali’ non contengano sostanze nocive per l’essere umano o l’ambiente. Tutto questo "dimostra la forza di queste diciture, in grado di influenzare i consumatori".

I risultati – si legge – rivelano anche che "i marchi ambientali sono poco conosciuti e spesso confusi con semplici loghi che non garantiscono il rispetto di esigenze precise e non sottostanno a controlli di organi indipendenti". Se messa a confronto con la realtà di questi loghi o altre diciture senza alcun fondamento, "la maggioranza degli interpellati si sente tratta in inganno da queste pratiche di ‘greenwashing’".

"Porteremo questa richiesta, perfettamente legittima, a Berna – sottolinea la segretaria generale Acsi Laura Regazzoni Meli –. Non vi è alcuna ragione per la quale i consumatori svizzeri debbano essere meno protetti rispetto agli altri consumatori europei". Nei Paesi vicini, aggiunge, "l’attuazione della Direttiva sulle pratiche commerciali sleali mette in primo piano la lotta contro il greenwashing. Paesi come Francia e Italia hanno adottato proprie linee guida per integrare queste disposizioni. La Svizzera farebbe bene a fare dei passi in questo senso".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
acsi diciture greenwashing
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved