ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
5 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
7 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
10 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
13 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
17 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
17 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 gior

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
1 gior

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
1 gior

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
1 gior

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
1 gior

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
05.07.2022 - 13:42
Aggiornamento: 19:29

Livelli nelle Medie, i perché degli ottomila ‘no’

Consegnate in Cancelleria di Stato le firme per chiederne l’abolizione. Gli iniziativisti mirano a ‘una scuola dell’obbligo con più giustizia sociale’

livelli-nelle-medie-i-perche-degli-ottomila-no
Ti-Press
La consegna delle firme

Ottomila firme per chiedere di abolire un sistema "discriminatorio". Sta in questo aggettivo la principale motivazione che ha portato un buon numero di cittadini a sottoscrivere l’iniziativa popolare "Basta livelli nella scuola media" lanciata dal sindacato Vpod e sostenuta dalla maggior parte dei partiti di sinistra e da alcuni rappresentanti della società civile. Grande la soddisfazione del comitato promotore per la riuscita dell’iniziativa, che stamattina ha riunito in piazza alcuni suoi membri in occasione della consegna delle firme – mille in più di quelle necessarie – alla Cancelleria dello Stato.

L’essenza della proposta di modifica legislativa riguarda la sostituzione della divisione degli allievi per livelli in tedesco e matematica, che avviene nel secondo biennio in base alle note, con un insegnamento fatto per gruppi eterogenei. L’obiettivo è di "creare più giustizia sociale e culturale nella scuola dell’obbligo ticinese, abolendo la separazione precoce degli allievi in terza e quarta media", si legge nel testo della raccolta firme, che spiega come i corsi B siano frequentati maggiormente da allievi di estrazione sociale medio-bassa. Una separazione definita "precoce", che "spesso blocca la crescita scolastica di ragazze e ragazzi in fase di maturazione, penalizzandoli nell’accesso alle scuole postobbligatorie e al mondo del lavoro". Con l’iniziativa si punta pertanto a "rafforzare l’istruzione di base in Ticino nell’interesse di tutta la società e dell’economia cantonale".

‘Un sistema che crea sofferenza’

«Abbiamo riscontrato l’importante partecipazione di una parte di genitori e di giovani che hanno vissuto molto male la questione dei livelli nella loro esperienza e che quindi erano molto interessati a firmare l’iniziativa – ha rilevato il segretario cantonale Vpod Raoul Ghisletta –. Sicuramente questo denota l’esistenza di un problema profondo che crea anche sofferenza. È importante che se ne parli e che si trovino delle alternative». Secondo Marcello Ostinelli del comitato direttivo della Società demopedeutica l’iniziativa ha già raggiunto un risultato importante che è quello di mettere sul piano del dibattito pubblico il tema dei livelli: «Sono state presentate anche altre proposte, tra cui qualcuna che dovrà essere meglio chiarita come quella del Plr, mentre altre arriveranno dal Centro e dei direttori di scuola media. Dopo l’estate sarà quindi il momento di iniziare a fare una discussione approfondita per cercare di trovare una soluzione confacente e accettabile da più parti».

Felice dell’esito anche il copresidente del Partito socialista Fabrizio Sirica: «La raccolta firme è andata molto bene specialmente fuori dalle scuole elementari, quindi con mamme e papà di bambini piccoli che sono forse la fascia più preoccupata per il futuro. Molti genitori hanno anche dato spontaneamente una mano auto-organizzandosi e raccogliendo un migliaio di sottoscrizioni». Contenta si è detta pure la compagna di partito e di Gran Consiglio Daniela Pugno Ghirlanda, presidente della Commissione formazione e cultura, «per aver potuto parlare con le persone che ritengono ingiusto il sistema dei livelli e per aver potuto spiegare loro che la scuola ha le possibilità per integrare tutti senza perdere nella qualità della formazione». E se si desidera una vera crescita di tutti, ha puntualizzato, «è fondamentale che ogni allievo sia stimolato dagli interventi degli altri». Il riferimento, insomma, è al concetto di eterogeneità.

‘Tema molto sentito dalla popolazione’

«C’è stata grande adesione anche da parte di persone di una certa età che ritengono che questa modalità d’insegnamento non funzioni più – ha dal canto suo evidenziato Maura Mossi-Nembrini, di Più Donne –. E questo è vero non solo all’interno della scuola media ma anche per le medie superiori, dove molti ragazzi che vi accedono grazie ai livelli A ad un certo punto non riescono a proseguire il percorso e rischiano di diventare concorrenziali nei posti di apprendistato con i giovani provenienti dai livelli B. È un paradosso. Quello che serve è una scuola media più forte per tutti». A sollevare un ulteriore aspetto legato al concetto di ingiustizia è stata l’altra granconsigliera di Più Donne Tamara Merlo: «Originariamente l’idea era che la maggior parte degli alunni frequentasse i livelli di base, mentre solo i più dotati i corsi attitudinali. Poi però la situazione si è ribaltata, e ora solo chi ha più difficoltà si trova segregato nei corsi B».

Concordi nelle valutazioni i tre rappresentanti più giovani del comitato iniziativista presenti alla consegna delle firme: «L’obiettivo dell’iniziativa è di abolire un sistema che va a ripercuotersi negativamente su tutto l’apparato studentesco – ha sostenuto Monica Müller, del Sindacato indipendente studenti e apprendisti (Sisa) –. È molto importante riuscire a superare i livelli e con loro la selezione sociale che alimentano». A ribadire il concetto Angelica Forni, della Gioventù comunista: «Ci siamo accorti che è un’iniziativa molto sentita dalla popolazione perché i livelli A e B rappresentano un ostacolo a una scuola che sia veramente equa e democratica. Si tratta di un sistema discriminatorio perché favorisce la selezione sociale all’interno delle scuole, peraltro in età ancora non abbastanza mature». Sulla stessa lunghezza d’onda Niccolò Mazzi-Damotti, della Gioventù socialista: «Nonostante i diversi temi rilevanti attualmente al centro dell’attenzione, quello dei livelli è risultato comunque molto sentito dalla popolazione. Si è capita l’importanza di abolirli per garantire un futuro ai giovani che intraprendono una formazione dopo la scuola media, spesso pregiudicata dall’attuale sistema». Sostegno alla raccolta firme è stato dato anche dal Forum alternativo e dal Partito operaio e popolare.

Leggi anche:

‘Basta livelli alle medie’. Partita la caccia a 7’000 firme

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved