ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
47 sec

Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni

Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
27 min

A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo

Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Grigioni
35 min

Augio, presentazione di un libro fotografico sulla Val Calanca

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 20 al ristorante La Cascata, in presenza dell’autore Sergio Luban
Bellinzonese
1 ora

Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’

È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Luganese
1 ora

Il centro di Lugano si veste d’autunno

Nel solco della tradizione la Città propone momenti enogastronomici, bancarelle, musiche e giochi per tutti
Luganese
1 ora

La Città si mette il... ‘Cinema in Tasca’

Torna la rassegna che propone grandi film a prezzi popolari. Si parte con la stagione autunnale il 12 ottobre
Mendrisiotto
1 ora

‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié

La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Locarnese
1 ora

Sviluppo del comparto del Lido, perché il Municipio ‘tentenna’?

Lo chiede tramite un’interpellanza all’esecutivo di Locarno il consigliere comunale Udc Bruno Baeriswyl
Mendrisiotto
1 ora

Da Morbio Inferiore un viaggio nel tempo in due incontri

In programma due conferenze storiche: la prima sulla Belle Époque, la seconda sul contrabbando
Locarnese
2 ore

Russo, le pannocchie attendono di essere esposte al sole

L’Associazione farina bona organizza il 4 ottobre una giornata di raccolta del mais. Si cercano volontari
Gallery
Locarnese
2 ore

Ad Avegno l’Accademia Dimitri ha trovato la sede aggiunta

Da settembre è attiva al Centro Punto Valle la nuova casa destinata alle mutate offerte formative degli allievi. Ospita sale, biblioteca e atelier
Luganese
2 ore

Massagno in piazza per il terzo food festival

Specialità gastronomiche, musica e calciobalilla sabato per la manifestazione nata dal Progetto giovani
Bellinzonese
2 ore

Violino, violoncello e piano per chiudere il SobrioFestival

Ultimo appuntamento nella località leventinese domenica 2 ottobre con tre giovani musicisti
Bellinzonese
2 ore

Spirometria gratuita a Biasca

Offerta per la popolazione lunedì 3 ottobre nell’ambito del mercato mensile in Piazza Centrale
Bellinzonese
3 ore

Torna il Mercalibro in piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 5 ottobre dalle 11 alle 17
Luganese
3 ore

Gli scacchisti si sfidano all’Open internazionale di Lugano

Da venerdì a domenica a contendersi il titolo della quindicesima edizione saranno giocatori ticinesi, svizzeri e da altre sei nazioni
laR
 
05.07.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:27

Benzina scontata se paghi in euro, ‘un margine per ridurre c’è’

In alcuni distributori sul confine il prezzo è tornato sotto i 2 franchi al litro, ma bisogna pagare in euro e in contanti. ‘Sleale e insostenibile’

benzina-scontata-se-paghi-in-euro-un-margine-per-ridurre-c-e
Ti-Press
‘I benzinai non sono dei benefattori’

Il prezzo della benzina ha cominciato a scendere? È quanto si stanno chiedendo molti automobilisti che, percorrendo le strade del Cantone, scrutano con attenzione le cifre esposte all’esterno dei distributori. In alcuni benzinai sulla fascia di confine, infatti, il carburante è tornato sotto i 2 franchi al litro.

Ci sono però rigide condizioni per poter accedere a queste tariffe così vantaggiose rispetto a quelle degli ultimi mesi: il pagamento deve avvenire in euro e in contanti. Un adeguamento, voluto soprattutto per far tornare i clienti italiani, che diversi automobilisti hanno accolto senza troppi problemi: «Arrivo a risparmiare oltre 20 franchi a ogni pieno. Costa anche meno che andare in Italia», ci spiega un utente mentre fa rifornimento a un distributore di Stabio. Qui il prezzo è di 1,96 euro al litro per la benzina e di 2,08 per il diesel.

Lo stesso carburante, alla stessa pompa, costa rispettivamente 2,31 (benzina) e 2,44 (diesel) franchi al litro. Una differenza di prezzo che difficilmente si spiega, visto l’attuale cambio che ha in sostanza parificato franco ed euro. «La compagnia ha fatto una promozione, scendendo con il cambio cassa», ci spiegano all’interno del distributore. «Possiamo fare questi prezzi perché siamo anche ufficio cambi», afferma un altro benzinaio, poco distante, che ha tariffe simili. Ad aver scelto questa politica dei prezzi sono stati diversi punti di riferimento. A Stabio, percorrendo la strada cantonale che porta al valico del Gaggiolo, circa la metà dei distributori espone cifre simili. La situazione cambia allontanandosi dalla fascia di confine. A Bellinzona, ad esempio, la benzina costa al litro 2,25 franchi e 2,17 euro.

‘I benzinai non sono benefattori’

Ma come si spiega quindi una differenza così marcata, sia a livello regionale che di valuta con la quale si paga la benzina? «Sono diversi i fattori che giocano nella determinazione del prezzo. Il costo d’acquisto all’ingrosso e il trasporto, ad esempio. Ci sono poi anche dinamiche concorrenziali, se due concorrenti sono vicini sarà più facile che il prezzo scenda» risponde interpellata da ‘laRegione’ Barbara Antonioli Mantegazzini, professoressa alla facoltà di scienze economiche dell’Usi, dove è anche vicedirettrice dell’Ire, e ricercatrice Supsi. «Si deve poi considerare che il greggio è commerciato in dollari. Va valutata anche l’influenza del suo tasso di cambio». Il sospetto, osservando le tariffe citate in precedenza, è però che la possibilità di abbassare il costo al litro ci sarebbe. «Un margine per ridurre c’è sicuramente, ma va ricordato che i distributori non sono benefattori. Domandare loro di non guadagnare o di ribassare il loro guadagno esula dal tipo di richieste che possiamo fare» prosegue Antonioli Mantegazzini. «Diversamente, il problema si pone in caso di dinamiche non concorrenziali come quelle dei cartelli. Stiamo comunque parlando di un dato piuttosto variabile. In alcuni periodi la percentuale di guadagno dei distributori può essere più alta e in altri più basso». Fissa, invece, è la quota riscossa dallo Stato. La Confederazione ha però ribadito a più riprese che uno ‘sconto’ in questo ambito è da escludere.

‘La domanda è molto rigida. A rimetterci sono i consumatori’

«Anche per noi osservatori non è facile capire tutti gli andamenti, ad esempio il prezzo del petrolio non sempre si rispecchia in quello della benzina. O per lo meno non immediatamente» spiega la professoressa. Quello che è certo, invece, è su chi viene riversato l’aumento dei costi. «In prima battuta i consumatori sopportano gran parte del rincaro dei costi del carburante». Come mai? «La benzina ha una domanda piuttosto rigida, poco reattiva alle variazioni di prezzo. Anche se quest’ultimo aumenta, la domanda non si ridurrà in maniera sensibile. Questo perché non sempre ci sono alternative immediate come mezzi pubblici in grado di coprire le stesse tratte o perché nel breve periodo è difficile cambiare le proprie abitudini di consumo». Un esempio è quello della distanza dal benzinaio più economico. «Le persone non possono spostarsi molto per seguire la tariffa più vantaggiosa. Lo spostamento è un costo e oltre certi limiti potrebbe ridurre o annullare il risparmio dovuto alla differenza di prezzo».

‘Questi prezzi sono sleali per chi ha un contratto di fornitura’

Questa riduzione dei prezzi suscita però qualche malumore tra i vari proprietari di stazioni di benzina. «Ci sono i distributori liberi, che vanno a comprare la benzina dal miglior offerente, e ci sono realtà legate a un contratto di fornitura come noi» dichiara Emanuele Rusconi, titolare di una stazione a San Pietro di Stabio. «Il nostro margine è limitato. Non riusciamo quindi a rendere il prezzo più vantaggioso di così». Secondo Rusconi sarebbero stati proprio questi ‘distributori liberi’ a cambiare le regole del gioco. «Loro hanno un margine di 30-35 centesimi, tuttavia per non intaccare le grandi compagnie svizzere vendono in franchi a un prezzo normale e speculano sul prezzo in euro per renderlo più conveniente». Una scelta che ha spinto alcune grandi compagnie a seguire questa politica di prezzi. «Per noi si tratta di un atteggiamento scorretto e sleale, sia per le aziende legate a un contratto di fornitura sia per gli stessi clienti che pagano in franchi o con la carta. Non è normale che in Svizzera per risparmiare si deve pagare in euro». A non convincere Rusconi è anche il prezzo finale proposto: «Il loro cambio poi è molto più alto di quello attuale, non è una tariffa sostenibile».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved