passate-le-nubi-nere-della-pandemia-arcobaleno-torna-a-crescere
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

Un sabato al Mercato artigianale a Canobbio

La manifestazione metterà in luce anche i prodotti locali. Appuntamento in piazza per il 27 agosto
Locarnese
4 min

Cugnasco Gerra e Lavertezzo, lavori stradali

Interventi notturni su più punti della cantonale nel comprensorio
Bellinzonese
39 min

Sbanda con l’auto, che si rovescia: donna ferita in modo serio

L’incidente si è verificato attorno alle 13 sulla strada cantonale a Lodrino. Sul posto anche un elicottero della Rega
Locarnese
43 min

Da Locarno a Berlino puntando tutto sulle proprie gambe

L’impresa di tre giovani locarnesi che in 35 giorni sono giunti a piedi nella capitale tedesca. Un viaggio anche introspettivo e di crescita personale
Luganese
1 ora

A casa di amici approfittò di una ragazza semi-incosciente

Tre anni e mezzo di cui sei mesi da espiare per un giovane giudicato colpevole di atti sessuali con persone inette a resistere o incapaci di discernimento
Luganese
2 ore

Depuratore di Bioggio, si potenziano gli impianti

Si parte con la progettazione esecutiva delle opere che prevedono di inserire anche la fase sui microinquinanti
Bellinzonese
2 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Margherita Coldesina e Raissa Aviles si esibiranno mercoledì 17 agosto a partire dalle 20 sul palco dello Snack bar Camping Bellinzona
Luganese
2 ore

Dialogo tra due artiste a Paradiso

Antonietta Airoldi e Carolina Maria Nazar sono protagoniste di una esposizione tra opere tessute, pittura e incisioni
Locarnese
2 ore

Una spazzatrice ‘verde’ e silenziosa per la Città di Locarno

Da mercoledì 10 agosto a pulire strade, ambienti esterni e interni e il centro storico (ma non solo) una macchina ad azionamento completamente elettrico.
Luganese
2 ore

‘Quinta Svizzera’ da venerdì in riva al Ceresio

Lugano si prepara al 98esimo Congresso degli Svizzeri all’estero. Si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione
Luganese
3 ore

Lugano, all’università parte un’altra formazione religiosa

La Facoltà di teologia propone un corso destinato a chi si occupa dell’insegnamento a scuola e non solo. Intervista a Don Emanuele Di Marco
Locarnese
3 ore

Ponte Brolla, ultimi tiri obbligatori

Sabato e mercoledì per i militi ritardatari vi sarà la possibilità di sparare al poligono
Locarnese
4 ore

Mosogno, vi sono ancora alcuni roghi nel perimetro bruciato

Sotto osservazione l’incendio boschivo ai piedi del Pizzo della Croce. Previsti ulteriori lanci d’acqua con l’elicottero per scongiurare rischi
Locarnese
4 ore

Pedemonte, niente luci sulle strade tra le due e le cinque

La richiesta al Municipio, quale misura di risparmio energetico, è contenuta in una mozione inoltrata da Paolo Monotti
Mendrisiotto
7 ore

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
Ticino
9 ore

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
01.07.2022 - 19:06
Aggiornamento: 20:16

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci

Sono dati incoraggianti per il trasporto pubblico, quelli presentati oggi in occasione dei festeggiamenti per il 25esimo anno di età dalla Comunità tariffale Arcobaleno (Cta). Dopo la brusca battuta di arresto del 2020 dovuta alla pandemia, nel 2021 la vendita di biglietti e abbonamenti ha registrato una ripresa, e in particolare nei primi cinque mesi di quest’anno gli introiti complessivi hanno raggiunto una cifra record rispetto allo stesso arco di tempo degli anni precedenti. Si è dunque tornati in carreggiata, sulla via della crescita imboccata un quarto di secolo fa.

Risultati positivi ottenuti anche grazie alla collaborazione con il Cantone, che «da anni ormai punta sulla mobilità pubblica non più come un servizio di base per la popolazione ma quale vera alternativa alla maggior parte degli spostamenti con l’automobile», ha evidenziato Martino Colombo, direttore della Divisione dello sviluppo territoriale e della mobilità, che nel suo intervento ha passato in rassegna i tre ambiti che hanno conosciuto le più grandi evoluzioni. Innanzitutto l’offerta, «con corse e collegamenti in aumento, fortemente potenziati di recente grazie l’apertura della galleria del Ceneri, non solo sulla ferrovia ma su tutta la rete, i cui frutti si potranno cogliere appieno nei prossimi anni». In secondo luogo le infrastrutture, con «stazioni e fermate, nodi di interscambio e mezzi di trasporto sempre più moderni».

‘Tariffe minori comporterebbero tagli alle prestazioni’

Terzo pilastro, la tariffa, sinonimo di «convenienza, semplicità di acquisto e flessibilità». E proprio sulla questione dei prezzi Colombo ha voluto puntualizzare: «Abbiamo delle tariffe che sono più basse che nel resto della Svizzera. Gli enti pubblici, compresa la Confederazione, coprono più di due terzi della spesa totale del trasporto pubblico, mentre l’utente il 30%». Trenta per cento in cui, ha precisato Colombo, sono compresi gli introiti di Arcobaleno. «Si tratta di una somma importante ma che non corrisponde a quella che le imprese di trasporto incasserebbero se non ci fosse la Comunità tariffale». Una differenza di circa 10 milioni, coperta annualmente da Cantone e Comuni. «Questo significa che tariffe inferiori rispetto a quelle attuali porterebbero a un grado di copertura dei costi pericolosamente basso con il rischio di dover intervenire sulle prestazioni. Sarebbe inutile avere un biglietto che costa meno ma che ad esempio non permette di arrivare a casa all’orario necessario. Inoltre spesso – ha aggiunto il capodivisione – le discussioni attorno al livello tariffale si basano non sulla tariffa reale, ma su quella "percepita", senza poi fare i conti fino in fondo nei confronti con l’automobile».

‘A maggio raggiunte, e in parte superate, le cifre del 2019’

«La maggior età l’abbiamo raggiunta da un pezzo, ma il 25esimo anno coincide con una maturità più consapevole – ha dal canto suo detto Roberta Cattaneo, presidente della Commissione della Gestione della Cta –. Dalla sua nascita, nel lontano 1997, Arcobaleno di diplomi ne ha raggiunti parecchi, adeguando sempre i suoi prodotti alle necessità degli utenti». Pure Cattaneo ha insistito sui vantaggi dal punto di vista dei costi: «Chi dice che l’abbonamento annuale è troppo caro non tiene conto che un adulto per 12 mesi ne paga 9 effettivi, mentre un giovane solo 7».

Nell’illustrare le cifre di bilancio, la presidente della gestione della Cta ha informato che nel 2021 i ricavi hanno superato i 63milioni di franchi con un incremento del 31,5% rispetto al 2020. Aumento che si registra, come detto, sia nelle vendite di biglietti (+56,8%), sia in quella degli abbonamenti (+13,8%). «E il 2022 è iniziato sotto i migliori auspici. A fine maggio si sono raggiunte e in parte superate le cifre del 2019, anno di riferimento pre-pandemia»: +4,9% nella vendita di abbonamenti annuali e +8% in quella dei biglietti.

‘Nessuno sapeva se nel cantone avrebbe funzionato’

«Un quarto di secolo fa alla conferenza stampa di inaugurazione ero presente», ha rilevato Walter Finkbohner, membro fondatore della Cta, in un personale amarcord. «Quando abbiamo messo sul mercato questo prodotto nessuno sapeva se nel cantone avrebbe funzionato». E il percorso per arrivarci non era stato facile: «Avevamo dovuto fare un lavoro da certosini, cercare di convincere consiglieri comunali e municipali ad aderire a un nuovo sistema, peraltro in un momento in cui i discorsi sul clima erano lontani da venire. Ma ce l’abbiamo fatta».

Da allora il modo di vivere il territorio è molto cambiato: «È nato Tilo, senza cui il Ticino sarebbe diverso. Sono stati costruiti la Lugano-Varese-Malpensa, il nuovo traforo del Gottardo, la galleria del Ceneri. Ora c’è chi non va più in macchina da Locarno a Lugano perché ha scoperto la comodità del treno. E poi è un servizio che funziona molto bene anche a livello di marketing turistico». Una storia di successo, insomma, «che è importante e che vogliamo festeggiare».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arcobaleno comunità tariffale martino colombo roberta cattaneo trasporto pubblico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved