quarta-dose-per-viaggiare-disponibile-a-pagamento
Ti-Press
Il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds), Lukas Engelberger auspica un secondo richiamo per tutti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
2 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
3 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
3 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
3 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
4 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
4 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
4 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
4 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
4 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
5 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
5 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
02.07.2022 - 05:30
Aggiornamento: 10:03

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.

L’arrivo della bella stagione e l’inizio delle vacanze hanno segnato la ripresa dei viaggi che, dopo due anni di pandemia, sono tornati anche a toccare mete lontane. C’è però una domanda che preoccupa chi, carte d’imbarco alla mano, è pronto a volare verso località esotiche: "Il mio certificato Covid è valido?". Non tutti i Paesi hanno infatti lasciato cadere completamente le restrizioni, come fatto dalla Svizzera e dalla maggior parte degli stati europei. Trovare le informazioni necessarie può rivelarsi un’operazione complicata, come hanno scoperto diversi ticinesi che proprio in questi giorni stanno prenotando le vacanze dei prossimi mesi. A preoccupare è soprattutto la scadenza dei certificati Covid elvetici, con molti cittadini che hanno fatti la terza dose (il famoso ‘booster’) ormai quasi sei mesi fa. Cosa fare quindi? Va infatti ricordato che la quarta dose non è né approvata ufficialmente da Swissmedic, l’autorità di regolamentazione degli agenti terapeutici, né raccomandata dalla Commissione federale per le vaccinazioni per il pubblico in generale. A rispondere è direttamente la Confederazione: "È possibile che per un viaggio all’estero sia comunque necessario sottoporsi a un’ulteriore vaccinazione di richiamo, che è disponibile in strutture di vaccinazione designate dai cantoni". La possibilità esiste dal 10 giugno, quando il Consiglio federale "ha acconsentito l’accesso a una vaccinazione di richiamo anche per scopi non medici. Si tratta principalmente di vaccinazioni per viaggiare".

Spese e responsabilità... a carico del viaggiatore

La quarta dose, quindi, è disponibile se si ha la necessità di prolungare il proprio certificato. Ma al di fuori dell’omologazione di Swissmedic e senza la raccomandazione dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). "A eccezione delle persone con un sistema immunitario fortemente indebolito, attualmente da un punto di vista medico ed epidemiologico non è necessaria un’ulteriore vaccinazione di richiamo. Anche per le persone particolarmente a rischio è più opportuno effettuarla soltanto quando il numero d’infezioni tornerà a salire, poiché la protezione vaccinale è massima nelle settimane e mesi subito dopo la vaccinazione", spiega l’Ufsp. A carico del viaggiatore è anche il costo dell’iniezione. Il prezzo è fissato dai singoli cantoni e si aggiro intorno ai 60 franchi. Ma come deve leggere il cittadino la possibilità di ottenere una quarta dose ma la mancanza (per ora) dell’omologazione da parte di Swissmedic? Ieri non siamo riusciti a ottenere una risposta da parte dell’Ufficio del medico cantonale, che ha rinviato all’inizio di settimana per ulteriori aggiornamenti.

Meno problematico è invece il rientro in Svizzera. Al momento nessuna nazione o regione figura nell’elenco dei paesi o delle regioni che presentano una variante preoccupante del virus. Sul sito dell’Ufficio federale della sanità è inoltre possibile trovare una serie d’informazioni e raccomandazioni. Il consiglio delle autorità è quello di documentarsi bene su quelle che sono le regole d’accesso nei paesi di destinazioni. Discorso analogo anche per quanto riguarda i mezzi di trasporto.

La richiesta: ‘Un altro booster è da consigliare a tutti’

La situazione potrebbe però presto cambiare. Il presidente della conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds), Lukas Engelberger, ritiene infatti che si debba al più presto raccomandare una seconda dose di richiamo contro il Covid. Il basilese, in un’intervista pubblicata ieri dalla ‘Basler Zeitung’, ha ricordato che la protezione contro il virus diminuisce con il passare del tempo. "È importante che la quarta vaccinazione possa essere offerta molto rapidamente", ha sostenuto Engelberger, ricordando che "a Basilea Città aspettiamo solo la raccomandazione della Confederazione per iniziare il prima possibile con le inoculazioni". Per il medico cantonale basilese "il Covid non va preso alla leggera, nonostante la pandemia sia in corso da oltre due anni. È una malattia contagiosa che può essere molto pericolosa per alcune persone".

Leggi anche:

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lukas engelberger medico cantonale quarta dose swissmedic ufsp
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved