ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
51 min

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
1 ora

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
2 ore

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
2 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
2 ore

‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’

Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Luganese
3 ore

Pregassona, riproposto il Natale insieme

Aperte le iscrizioni per il pranzo in compagnia organizzato al capannone dal Kiwanis Club Lugano, dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia
Luganese
3 ore

Lugano celebra i suoi volontari

In occasione della Giornata internazionale del volontariato indetta dalle Nazioni Unite, il Municipio ha ringraziato i settecento presenti
Bellinzonese
4 ore

Bella prova degli schermidori turriti in quel di Küssnacht

Associazione Bellinzona scherma soddisfatta dei propri atleti che hanno partecipato alla prima gara a livello nazionale dopo il lungo stop dovuto al Covid
Luganese
4 ore

Cureglia, dopo due anni torna il pranzo per le persone in Avs

Al tradizionale appuntamento hanno partecipato centinaia di cittadini e il Municipio al completo guidato dalla sindaca Tessa Gambazzi Pagnamenta
Locarnese
4 ore

La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’

Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Bellinzonese
4 ore

Riduzione della sofferenza psicofisica o stress con l’Atte

Il corso di Mindfulness (otto incontri e una giornata intensiva) si terrà a partire dal 18 gennaio al Centro diurno a Bellinzona
Mendrisiotto
4 ore

Lanciata la petizione contro il postribolo a Balerna

Nelle scorse settimane era stata depositata la richiesta per il cambio di destinazione d’uso di un edificio che attualmente ospita un’officina
Bellinzonese
5 ore

A Bellinzona torna la notte di musica live nei bar

Mercoledì 7 dicembre, dalle 19 a mezzanotte in centro città, si terranno 9 concerti in 7 locali
Locarnese
5 ore

Concerto d’Avvento giovedì a Verscio

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, la Chiesa di San Fedele si appresta ad accogliere il tradizionale appuntamento musicale prenatalizio
Locarnese
5 ore

Mercato di Natale in Città Vecchia a Locarno

Dopo due anni condizionati dalla pandemia, si rinnova il tradizionale appuntamento del cuore storico cittadino; 230 le bancarelle allestite
25.06.2022 - 20:00

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’

covid-e-vacanze-all-estero-paese-che-vai-regole-che-trovi
Ti-Press
I vacanzieri sperano di riuscire a spiccare il volo

Bagagli in spalla e carte d’imbarco in mano. È questo il quadro che molti ticinesi si sono fatti qualche mese fa, immaginando la loro estate da vacanzieri. Dopo due anni di pandemia e restrizioni, lo segnala da tempo chi lavora nel settore turistico, era forte la voglia di tornare a trascorrere le vacanze all’estero tra mare e paesaggi esotici. Ma se dai noi certificati e mascherine sono da tempo solo un ricordo, così non è in altri paesi. Specialmente fuori dal continente. Il risultato? "Paese che vai, regole che trovi" verrebbe da dire. Non molto diversa è quanto indica la Confederazione sul proprio sito: "informatevi prima di qualsiasi viaggio all’estero sul sito web delle autorità competenti del vostro paese di transito o di destinazione", si legge. Più utile è il portale dell’Unione europea, che attraverso una cartina indica le regole d’ingresso per ogni singolo stato. La mappa è però limitata all’Europa, dove le misure restrittive sono ormai cadute praticamente ovunque. L’operazione resta decisamente più complicata si è diretti verso una meta lontana. Ne sa qualcosa Hotelplan. «Da diverso tempo siamo confrontati con clienti che chiedono informazioni sulle regole covid che ci sono nei paesi dove vogliono trascorrere le vacanze. Il sito della Confederazione non aiuta molto in questo aspetto, si occupa più che altro d’informare per quanto riguarda il rientro a casa o lo stato di salute in generale», spiega il portavoce Davide Nettuno. «Noi quindi ci occupiamo di raccogliere informazioni attraverso altri canali, per poter fornire una spiegazione completa».

‘La gente non si fida di fare da sola questa burocrazia’

Ma quali sono i paesi che hanno ancora rigide regole d’ingresso? Ci aiuta a fornire qualche esempio viaggiaresicuri.it, il sito del Ministero italiano degli affari esteri, che fornisce un quadro piuttosto dettagliato. In Marocco serve presentare un certificato che attesta tre dosi (o solo due, ma l’ultima entro i 4 mesi) o un tampone Pcr negativo. Situazione simile in Paraguay, dove però il tempo massimo dall’ultima dose è di 6 mesi (o 3, se si ha ricevuto una sola inoculazione). Insomma, scegliere dove andare può essere davvero complicato. «Non esiste un motore di ricerca dove si inseriscono i dati di una persona, il paese di destinazione e si riceve come risultato se si è a posto o meno» afferma Nettuno. Il risultato sono lunghe pagine da leggere per orientarsi e formulari da compilare. «Tanti viaggiatori si rivolgono a noi proprio per questo genere di consulenze, non si fidano ad aver a che fare da soli con questo tipo di burocrazia. È un servizio che abbiamo dovuto sviluppare per via della pandemia».

‘Non serve andare lontano per trovare situazioni complicate’

Ma dove stanno andando in vacanza i ticinesi? «È tornata la richiesta per l’estero, in modo importante. Più di quanto ci si potesse aspettare, anche se non siamo ancora a dei livelli pre pandemici» afferma Nettuno. Progressivo è stato anche l’allargamento degli orizzonti. «Il primo è stato un approccio di prossimità, visto che comunque il bacino del Mediterraneo è da sempre la meta principale e non ci sono più restrizioni stringenti. Ora c’è l’apertura degli Stati Uniti, che a lungo non permettevano arrivi per le vacanze, e si sta tornando anche a guardare verso l’Asia». Non è invece mai mancata la richiesta, fa sapere il portavoce di Hotelplan, per Maldive ed Emirati Arabi. «Anche nei periodi di maggiore crisi pandemica». Per trovare situazioni complesse da gestire non bisogna però andare forzatamente dall’altra parte del mondo: «oltre alle regole d’ingresso ci sono altri aspetti ai quali bisogna fare attenzione. Un esempio? Mascherine in locali e mezzi di trasporto, o certificati per entrare in musei e parchi divertimento».

Voli cancellati: ‘il rimborso è raro’

A tenere banco in questi giorni è però soprattutto il problema legato ai voli aerei. Per questo fine settimana è annunciato un grande sciopero a livello europeo, che coinvolgerà i lavoratori di diverse compagnie. Un’altra grande difficoltà, è notizia delle ultime settimane, è legata alla carenza di personale. Swiss ha annunciato che, proprio per questo motivo, ha dovuto annullare diversi voli. Uno provvedimento che interessa il 2% di tutti i passeggeri. «Solo pochi giorni fa ci sono arrivate delle cancellazioni per voli del fine settimana. Sono situazioni davvero spiacevoli», sottolinea Nettuno. Oltre alla necessità di trovare subito una soluzione, il fastidio maggiore è legato al rimborso. «Spesso non c’è. Cause di forza maggiore o scioperi non vengono riconosciuti come motivi di annullamento, salvo rare eccezioni». A rimanere fregati sono quei vacanzieri che, per risparmiare qualcosa, hanno acquistato i biglietti con mesi di anticipo. «Il numero di cancellazioni è comunque basso se si guarda il volume totale». E non manca in ogni caso la voglia di andare in vacanza. «Ci sono già le prime prenotazioni per l’inverno. Una notizia che fa ben sperare». Pandemia permettendo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved