ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
20 min

Scambio di auguri con la sezione Plr di Riviera

Appuntamento in programma mercoledì 7 dicembre alle 18 presso il ristorante Eurobar di Lodrino
Locarnese
59 min

Sbanda e centra la Giudicatura di pace

Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
1 ora

Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’

La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
2 ore

Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri

Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
5 ore

Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’

Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
5 ore

Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino

Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
5 ore

Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo

Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
13 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
13 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
14 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
14 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
14 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
28.06.2022 - 11:57
Aggiornamento: 15:36

‘Maltempo, passato il primo fronte. Ma l’allerta non finisce’

Nel pomeriggio previste nuove precipitazioni, anche abbondanti. E tra giovedì e venerdì in arrivo un’altra grossa perturbazione

maltempo-passato-il-primo-fronte-ma-l-allerta-non-finisce
Rescue Media
Mattinata imbiancata...

È un martedì mattino, vigilia di festa dei Santi Pietro e Paolo, particolarmente bagnato quello che ha caratterizzato un po’ tutto il cantone. Con tanto di forte grandinata in alcune regioni del Locarnese, del Bellinzonese e della Mesolcina.

Un fronte di maltempo peraltro preannunciato e previsto da MeteoSvizzera, che proprio in previsione di questo fenomeno negli scorsi giorni aveva diramato un’allerta meteo.

Disagi e allagamenti si sono puntualmente verificati un po’ in tutto il cantone, con cadute di alberi e allagamenti (in particolare di sottopassaggi) che hanno costretto alla chiusura di più tratti stradali, creando non pochi disagi a una circolazione già rallentata proprio a causa delle abbondanti precipitazioni.

Che, avvertono ancora da Locarno Monti, non sono tuttavia finite, sebbene dopo la burrasca si è entrati in una sorta di fase di tregua...

«La preallerta per forti temporali resta infatti ancora in vigore, e lo resterà fino alle 20 di questa sera – sottolinea Lorenzo Di Marco –. Questo primo passaggio di una cellula abbastanza potente che ha interessato praticamente quasi l’intero cantone e il Moesano ora ce la siamo lasciato alle spalle, ma dietro, dalla Pianura Padana, continua l’afflusso di aria instabile da sud-ovest. Non a caso si delinea già l’arrivo di un’ulteriore linea temporalesca, ragion per cui non è escluso (e anzi anche probabile) che anche nel corso del pomeriggio si possano verificare altri fenomeni di una certa intensità».

Per certa intensità è da intendere della portata delle precipitazioni (con grandine) di stamane? «Ora come ora è difficile da dire. A livello di previsione si può ipotizzare che il pericolo maggiore dell’evento che ci attendiamo nel pomeriggio possa derivare dall’accumulo di precipitazioni anziché dalla grandine, visto che quest’ultima era legata alla cellula molto importante che ora è appunto passata».

E sui quantitativi di acqua caduti dal cielo stamattina, cosa si può dire? «Essendo l’evento ancora parzialmente in corso, possiamo fare solo una stima di massima, ma stiamo comunque parlando di un quantitativo di precipitazioni di tutto rispetto».

Sufficienti per placare la ‘sete’ di laghi, fiumi e, in generale, dell‘agricolutura dovuta al perdurare della siccità di quest’inverno e di buona parte della primavera? «Le precipitazioni cadute nel corso della mattinata sono sì state importanti, ma sono di quelle classiche da ‘sbarramento’, capaci di procurare dai 100-150 millimetri di acqua su un territorio esteso. Più che altro si è trattato di picchi, anche fino ai 100 millimetri, ma di carattere locale. In parole povere, eventi di questa portata aiutano la vegetazione a sopravvivere piuttosto che a compensare il deficit idrico accumulato negli scorsi mesi. L’acqua, per dirla in altri termini, ci serve, ma non in questo modo, e non così, tutta assieme... Anche perché poi ci sono i fenomeni indesiderati, come la grandine, o gli ’effetti collaterali’, quali gli smottamenti».

E per i prossimi giorni, cosa ci si deve attendere? «Domani prevediamo una temporanea ristabilizzazione della meteo: una giornata probabilmente abbastanza soleggiata, con solo una tendenza a rovesci temporali pomeridiani sulle Alpi».

Da giovedì il barometro tornerà a segnare brutto tempo: «Tra giovedì e venerdì sulla nostra regione dovrebbe transitare un’altra perturbazione. che potrebbe anche essere analoga a quella che ha interessato Ticino e Mesolcina nella mattinata odierna. La tempistica e la distribuzione spaziale delle precipitazioni è ancora da definire con chiarezza, ma per ordine di grandezza potrebbe anche essere simile all’evento di oggi».

Meglio dovrebbe andare nel weekend: «Premesso che il quadro può ancora evolvere, ma al momento attuale per il weekend le previsioni parlano di tempo ben soleggiato e temperature in aumento, con le massime che dovrebbero oltrepassare i 30 gradi. E dunque tornerà d’attualità anche il discorso delle ondate di caldo».

Ma per il momento e prima di allora, dunque, dal cielo dovrebbe cadere ancora diversa acqua...

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved