commesse-pubbliche-progetto-pilota-sulla-parita-salariale
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
44 min

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
49 min

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
54 min

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
7 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
7 ore

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
11 ore

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
12 ore

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
12 ore

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
12 ore

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
27.06.2022 - 16:57

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori

Da venerdì 1° luglio in Canton Ticino prenderà avvio un progetto pilota volto a introdurre i controlli della parità salariale nel settore delle commesse pubbliche. La sintesi è del Consiglio di Stato, che informa come in soldoni "le aziende che nel corso dell’ultimo anno si sono aggiudicate una commessa pubblica da parte del Cantone potranno pertanto essere sottoposte a un controllo da parte di un organo esterno composto da esperti/e certificati/e dalla Confederazione".

In vigore la direttiva governativa

Il 1° luglio, infatti, entrerà in vigore la direttiva del governo sui controlli della parità salariale nell’ambito delle commesse pubbliche. Direttiva che stabilisce le modalità per lo svolgimento dei controlli: "La fase pilota – prevista per il 2022 e il 2023 – è stata avviata con il sostegno finanziario dell’Ufficio federale per l’uguaglianza tra donna e uomo e consentirà una prima valutazione per stabilire futuri sviluppi".

Passando alle verifiche, esse "saranno eseguite da un organo di controllo esterno che seguirà la procedura standard stabilita dalla Confederazione". Durante la fase pilota, "saranno selezionate almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori che nel corso dell’ultimo anno si sono aggiudicate una commessa pubblica da parte del Cantone. Il progetto è coordinato dal Servizio per le pari opportunità e coinvolge il Centro di competenza in materia di commesse pubbliche e l’Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche".

‘Concretizzati gli impegni’

Attraverso l’introduzione di questi controlli, il Consiglio di Stato rimarca che "vengono concretizzati gli impegni dichiarati all’interno della Carta per la parità salariale nel settore pubblico – ratificata nel 2016 – e si unisce all’azione congiunta di Confederazione, Cantoni e Comuni per rafforzare ulteriormente il ruolo del settore pubblico nel promuovere la parità salariale e attuare su larga scala il principio costituzionale del salario uguale per un lavoro di uguale valore".

Le leggi non mancano. Nell’ambito delle commesse pubbliche, "diversi articoli di legge prevedono infatti la necessità di rispettare e garantire la parità salariale" ricorda il governo. In particolare, "già da gennaio 2020 alle aziende viene richiesta l’autocertificazione dell’offerente della parità di trattamento tra uomo e donna". Il Canton Ticino "può assegnare gli incarchi solo agli offerenti che garantiscono il rispetto della parità salariale. Un committente subordinato alla Legge sulle commesse pubbliche deve pertanto garantire che nessun appalto pubblico sia assegnato a un offerente che non rispetta tale principio".

Un principio costituzionale

Da non dimenticare nemmeno che c’è un cappello ancora più ampio, a livello normativo: la Costituzione federale, "che sancisce il diritto di donna e uomo a un salario uguale per un lavoro di uguale valore (articolo 8, capoverso 3). Questo diritto viene concretizzato nella legge federale sulla parità dei sessi, la quale vieta esplicitamente la discriminazione salariale (articolo 3, capoverso 2). Questo significa che tutti/e i datori e le datrici di lavoro sono tenuti/e a rispettare il principio della parità salariale".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commesse pubbliche parità salariale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved