ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
32 min

Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza

Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
32 min

Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore

L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
32 min

A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese

Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
3 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
3 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Bellinzonese
3 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
10 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
12 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
13 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
13 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
13 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
13 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
14 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
14 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
23.06.2022 - 17:31
Aggiornamento: 18:37

‘La sberla educativa non esiste. Ascoltiamo i giovani’

Il Cantone lancia un programma di ‘prevenzione delle violenze e promozione dei diritti’. De Rosa: ‘Restiamo al passo con i tempi’

la-sberla-educativa-non-esiste-ascoltiamo-i-giovani
Ti-Press
Il programma avrà la durata di 4 anni

«I genitori di oggi sono più fragili di quelli di una volta, per diverse cause. Il nostro lavoro è aiutarli a prendere le decisioni giuste per i loro figli». Per questo motivo è stato lanciato il ‘Programma cantonale di promozione dei diritti, di prevenzione della violenza e di protezione dei bambini e giovani (0-25 anni)’. «Nel nostro paese i diritti vengono a volte dati per scontato, ma si può sempre fare meglio», ha spiegato il direttore del Dipartimento sanità e socialità (Dss) Raffaele De Rosa. Una necessità data anche dai cambiamenti sociali che la società sta vivendo. «Come autorità dobbiamo adattarci. Siamo passati da interventi puntuali a un vero e proprio programma cantonale». Prevenzione che dovrà passare giocoforza dal dialogo con giovani e famiglie. «È proprio da qui che siamo partiti – precisa De Rosa –. Ancora troppo spesso il bambino è considerato un oggetto da poter manipolare. Noi siamo partiti dall’ascolto, cercando di capire le loro idee». Sono stati 270 i bambini e i giovani, di età compresa tra i 3 e i 22 anni, a essere stati coinvolti nella raccolta d’informazioni, «da tutte le regioni del cantone, anche quelle periferiche» ha precisato il direttore del Dss. A loro si sono aggiunti oltre 250 professionisti del settore. Il progetto è programmato su 4 anni e avrà a disposizione un budget complessivo di 1,8 milioni di franchi.

Berger (Decs): la scuola è in prima linea in questa battaglia

Ma come si agirà nel concreto? Sono diversi gli ambiti, per un programma che si è voluto «fortemente interdipartimentale», ha sottolineato De Rosa. Verranno toccati: la famiglia, lo spazio sociale, il socio-sanitario, l’amministrativo e giudiziario e la scuola e formazione. Proprio le ore passate tra i banchi rappresentano un momento molto importante per i ragazzi. «La scuola è in prima linea in questo ambito di prevenzione ed educazione» ha affermato il direttore della divisione della scuola Emanuele Berger. Tra i maggiori pericoli c’è sempre quello rappresentato da internet e la tecnologia. «I giovani di oggi sono quelli che chiamiamo ‘nativi digitali’. Questo però non vuol dire che sono in grado di fare un uso sicuro degli oggetti che hanno tra le mani. L’antidoto a questo problema è uno: la consapevolezza». A questo discorso si aggiunge anche il tema legato alla sfera sessuale che «bisogna poter vivere in serenità e sicurezza come area del potenziale umano».

‘La punizione corporale è stata superata’

A seguire il progetto, ha spiegato De Rosa, sarà una «direzione strategica» di «professionisti attivi in vari ambiti composta da nove persone». Il ruolo di presidente di questo ‘pool di esperti’, tra i quali figura anche il procuratore generale Andrea Pagani, sarà ricoperto dal magistrato dei minorenni Reto Medici. «La considerazione per la figura del bambino è sicuramente cambiata nel tempo. Non è però cambiata la ricetta per crescere i propri figli: amore e affetto. Il che non vuol dire assecondare tutte le richieste dei bambini. Regole e limiti sono necessari per insegnare a vivere all’interno di una società. Il nostro programma va in questa direzione e si rivolge a giovani fino ai 25 anni, quindi anche maggiorenni». Tra gli strumenti per una sana educazione, spiega il magistrato, «non c’è più spazio per le punizioni corporali. Quella della ‘sberla educativa’ è un’idea che c’è ancora nella società e va corretta». Uno strumento concreto per aiutare la crescita dei giovani, secondo Medici, sono i centri giovanili sparsi sul territorio «che per me andrebbero aumentati» ha affermato. Un altro aspetto che non si può trascurare è la prevenzione dall’abuso di sostanze stupefacenti. «Nella mia carriera ho notato che, quasi sempre, quando ci troviamo davanti un caso di violenza in un modo o nell’altro c’entra un uso di sostanze, alcolici o droghe».

‘La violenza non è solo fisica, ma anche psicologica’

A dare un quadro della situazione, durante l’incontro di oggi con i media, è stata la direttrice della divisione giustizia del Dipartimento delle istituzioni Frida Andreotti. «Ogni anno sono circa 100mila i giovani coinvolti in procedimenti, penali o amministrativi. In questo numero ci sono i figli di coppie che si separano, vittime di abusi o autori di reati. È un campo piuttosto vasto, ma dà l’idea di come anche i ragazzi siano coinvolti nel ‘mondo dei grandi’». Ai casi che finiscono nei registri e nelle statistiche si aggiunge però anche «una parte silente, che bisogna sapere far emergere. La violenza non è solo fisica, ma anche psicologica», ha concluso De Rosa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved