la-sberla-educativa-non-esiste-ascoltiamo-i-giovani
Ti-Press
Il programma avrà la durata di 4 anni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
34 min

Serata osservativa alla Capanna Gorda

Sabato 2 luglio si potranno osservare nebulose, ammassi e altri oggetti celesti. Con Francesco Fumagalli dell’Associazione astronomica astrocalina
Grigioni
1 ora

25 first responder plus operativi in Mesolcina e Calanca

Soccorritori con una formazione aggiuntiva, entreranno in servizio a partire dal 1° luglio
Luganese
2 ore

Sul lago di Lugano sarà un’estate green

Dal 1° luglio al 28 agosto, dal venerdì alla domenica, ci sarà un E-Vedetta Tour a bordo dell’imbarcazione divenuta 100% elettrica nel 2016
Ticino
2 ore

Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni

Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
3 ore

‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina

Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Locarnese
3 ore

Losone, canto in cerchio Open Circlesongs

Spettacolo domani sera alla fabbrica. Anche il pubblico potrà unirsi a questa improvvisazione canora collettiva
Locarnese
3 ore

Le Fart inaugurano il nuovo ufficio accoglienza e biglietteria

Situato a Sant’Antonio, al pian terreno della sede principale, aprirà al pubblico mercoledì prossimo
Luganese
3 ore

Patriziato di Torricella-Taverne in festa

L’evento è in programma domenica 3 luglio alla Cappella delle Torrette. La barriera della strada dei monti rimarrà aperta.
Locarnese
3 ore

Bosco Bolla Grande, interventi forestali urgenti

Scattano lunedì i lavori selvicolturali necessari per garantire la sicurezza dell’area cittadina duramente toccata dal nubifragio del 5 giugno
Ticino
3 ore

Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio

Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
Ticino
3 ore

Da Auto Tognetti ‘scuse senza se e senza ma’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco per il cartello sulla vendita di vetture, il garage di Gordola scrive ai suoi clienti
Ticino
4 ore

Ukraine Recovery Conference, domani volano gli F/A-18

Giornata di ‘prove generali’ domani nell’ambito dei preparativi per la sorveglianza dello spazio aereo in vista dell’appuntamnto di Lugano
Mendrisiotto
4 ore

Una vecchia vasca del depuratore di Rancate diventa un biotopo

Il progetto è promosso dal Dipartimento del territorio e prevede di ricreare un microclima naturale in una costruzione in calcestruzzo
Ticino
5 ore

‘Noi liberi di vendere in tutto il Ticino e pure oltralpe’

Cartello delle auto, la Garage Nessi Sa si smarca e valuta un eventuale ricorso contro la sanzione della Comco nei suoi confronti
23.06.2022 - 17:31
Aggiornamento: 18:37

‘La sberla educativa non esiste. Ascoltiamo i giovani’

Il Cantone lancia un programma di ‘prevenzione delle violenze e promozione dei diritti’. De Rosa: ‘Restiamo al passo con i tempi’

«I genitori di oggi sono più fragili di quelli di una volta, per diverse cause. Il nostro lavoro è aiutarli a prendere le decisioni giuste per i loro figli». Per questo motivo è stato lanciato il ‘Programma cantonale di promozione dei diritti, di prevenzione della violenza e di protezione dei bambini e giovani (0-25 anni)’. «Nel nostro paese i diritti vengono a volte dati per scontato, ma si può sempre fare meglio», ha spiegato il direttore del Dipartimento sanità e socialità (Dss) Raffaele De Rosa. Una necessità data anche dai cambiamenti sociali che la società sta vivendo. «Come autorità dobbiamo adattarci. Siamo passati da interventi puntuali a un vero e proprio programma cantonale». Prevenzione che dovrà passare giocoforza dal dialogo con giovani e famiglie. «È proprio da qui che siamo partiti – precisa De Rosa –. Ancora troppo spesso il bambino è considerato un oggetto da poter manipolare. Noi siamo partiti dall’ascolto, cercando di capire le loro idee». Sono stati 270 i bambini e i giovani, di età compresa tra i 3 e i 22 anni, a essere stati coinvolti nella raccolta d’informazioni, «da tutte le regioni del cantone, anche quelle periferiche» ha precisato il direttore del Dss. A loro si sono aggiunti oltre 250 professionisti del settore. Il progetto è programmato su 4 anni e avrà a disposizione un budget complessivo di 1,8 milioni di franchi.

Berger (Decs): la scuola è in prima linea in questa battaglia

Ma come si agirà nel concreto? Sono diversi gli ambiti, per un programma che si è voluto «fortemente interdipartimentale», ha sottolineato De Rosa. Verranno toccati: la famiglia, lo spazio sociale, il socio-sanitario, l’amministrativo e giudiziario e la scuola e formazione. Proprio le ore passate tra i banchi rappresentano un momento molto importante per i ragazzi. «La scuola è in prima linea in questo ambito di prevenzione ed educazione» ha affermato il direttore della divisione della scuola Emanuele Berger. Tra i maggiori pericoli c’è sempre quello rappresentato da internet e la tecnologia. «I giovani di oggi sono quelli che chiamiamo ‘nativi digitali’. Questo però non vuol dire che sono in grado di fare un uso sicuro degli oggetti che hanno tra le mani. L’antidoto a questo problema è uno: la consapevolezza». A questo discorso si aggiunge anche il tema legato alla sfera sessuale che «bisogna poter vivere in serenità e sicurezza come area del potenziale umano».

‘La punizione corporale è stata superata’

A seguire il progetto, ha spiegato De Rosa, sarà una «direzione strategica» di «professionisti attivi in vari ambiti composta da nove persone». Il ruolo di presidente di questo ‘pool di esperti’, tra i quali figura anche il procuratore generale Andrea Pagani, sarà ricoperto dal magistrato dei minorenni Reto Medici. «La considerazione per la figura del bambino è sicuramente cambiata nel tempo. Non è però cambiata la ricetta per crescere i propri figli: amore e affetto. Il che non vuol dire assecondare tutte le richieste dei bambini. Regole e limiti sono necessari per insegnare a vivere all’interno di una società. Il nostro programma va in questa direzione e si rivolge a giovani fino ai 25 anni, quindi anche maggiorenni». Tra gli strumenti per una sana educazione, spiega il magistrato, «non c’è più spazio per le punizioni corporali. Quella della ‘sberla educativa’ è un’idea che c’è ancora nella società e va corretta». Uno strumento concreto per aiutare la crescita dei giovani, secondo Medici, sono i centri giovanili sparsi sul territorio «che per me andrebbero aumentati» ha affermato. Un altro aspetto che non si può trascurare è la prevenzione dall’abuso di sostanze stupefacenti. «Nella mia carriera ho notato che, quasi sempre, quando ci troviamo davanti un caso di violenza in un modo o nell’altro c’entra un uso di sostanze, alcolici o droghe».

‘La violenza non è solo fisica, ma anche psicologica’

A dare un quadro della situazione, durante l’incontro di oggi con i media, è stata la direttrice della divisione giustizia del Dipartimento delle istituzioni Frida Andreotti. «Ogni anno sono circa 100mila i giovani coinvolti in procedimenti, penali o amministrativi. In questo numero ci sono i figli di coppie che si separano, vittime di abusi o autori di reati. È un campo piuttosto vasto, ma dà l’idea di come anche i ragazzi siano coinvolti nel ‘mondo dei grandi’». Ai casi che finiscono nei registri e nelle statistiche si aggiunge però anche «una parte silente, che bisogna sapere far emergere. La violenza non è solo fisica, ma anche psicologica», ha concluso De Rosa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved