ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
13 sec

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
6 min

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
6 min

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
52 min

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
1 ora

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
2 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
2 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
3 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
3 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Ticino
3 ore

Il capo dell’esercito svizzero al Lac per parlare di sicurezza

Thomas Süssli sarà in Ticino il 18 ottobre in occasione della conferenza organizzata dall’Armsi e risponderà alle domande del pubblico
Bellinzonese
3 ore

Il gruppo blues-rock Fleurs Du Mal in concerto a Bellinzona

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 22 al Folk Bar. La band romana torna in Ticino dopo tre anni e presenterà il nuovo Cd ‘Gumbo’
Locarnese
4 ore

‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’

Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
22.06.2022 - 17:52
Aggiornamento: 18:54

Salario minimo, resta l’incognita TiSin

I risultati pubblicati dalla Tripartita circa le infrazioni alla nuova legge (solo una cinquantina) non diradano i dubbi dei sindacati Ocst e Unia

salario-minimo-resta-l-incognita-tisin
(Ti-Press)

D’accordo, ma con TiSin come la mettiamo? Si potrebbe sintetizzare così la reazione dei sindacati Ocst e Unia, dopo il rassicurante comunicato del Dipartimento delle finanze e dell’economia che martedì faceva il punto sul rispetto del nuovo salario minimo: solo una cinquantina le infrazioni su oltre 1’600 aziende controllate da inizio anno, un misero 3% “perlopiù da ricondurre a errori di calcolo” e tale che “la quasi totalità dei datori di lavoro ha reintegrato la differenza dovuta” ai suoi impiegati. Perché certo, «il numero basso di infrazioni riscontrate costituisce un risultato positivo, un buon segnale in merito al rispetto della legge da parte delle imprese», osserva Renato Ricciardi, segretario cantonale Ocst. Tuttavia «resta una forte preoccupazione circa quelle aziende che il salario minimo hanno attivamente cercato di aggirarlo, penso a quelle del Mendrisiotto che proprio a questo scopo hanno cercato di siglare un nuovo contratto collettivo di lavoro con TiSin».

Ovvero il sedicente sindacato che nel direttivo annoverava, accanto al sindacalista Nando Ceruso, anche i granconsiglieri leghisti Sabrina Aldi e Boris Bignasca. Un sindacato ormai defunto, o meglio, rifondato dopo la partenza dei due politici come Sindacato libero della Svizzera italiana. Insieme all’associazione padronale Ticino Manufacturing, aveva tentato di siglare un’intesa con retribuzioni inferiori alla soglia minima prescritta dalla legge, che d’altronde prevede esplicitamente un’eccezione proprio per le aziende sottoposte a contratto collettivo. Per Ricciardi «si è trattato di un chiaro ed esplicito tentativo di eludere il salario minimo, promuovendo nei fatti il dumping salariale e sociale. Sappiamo che tali aziende sono state oggetto di verifica da parte dell’Ispettorato del lavoro, ma non sappiamo se esse rientrino tra quelle sanzionate e se in tal caso abbiano opposto un ricorso».

Per il segretario cantonale Ocst «sanzionare condotte simili è importante non solo per dirimere la controversia specifica, ma anche per esprimere un chiaro giudizio di valore. Questo cantone, posto sotto la pressione tipica di un’economia di frontiera, non può permettersi ulteriori escamotages e speculazioni».

‘Comunicazione deludente’

D’animo analogo è il segretario regionale Unia Giangiorgio Gargantini. «Il fatto che si siano riscontrate poche infrazioni non mi stupisce, fin dall’inizio abbiamo sostenuto che un salario minimo peraltro così basso non avrebbe causato quegli stravolgimenti che invece altri paventavano», ma «è deludente notare come non vi sia stata una comunicazione pubblica più dettagliata sulle aziende presso le quali sono state riscontrate infrazioni. In particolare, sarebbe interessante capire se tra queste ci sono anche le società riunite in Ticino Manufacturing. Questo permetterebbe di precisare se e in che misura l’accordo in questione permetta di aggirare la legge sul salario minimo. Più in generale, occorre notare come a quasi un anno dallo scoppio del caso non vi sia ancora alcuna presa di posizione chiara da parte dell’autorità politica in merito»

Ricordiamo che la Commissione tripartita in materia di libera circolazione delle persone – l’organo che riunisce autorità cantonali, associazioni imprenditoriali e sindacati per prevenire e sanzionare abusi – martedì ha riferito di sole sette aziende multate per oltre 2mila franchi. Di norma, il datore di lavoro ritenuto in torto deve informare i lavoratori e corrispondere loro la differenza tra il salario percepito in precedenza e quello minimo stabilito dalla legge. Ricciardi ricorda che «l’applicazione delle misure di accompagnamento alla libera circolazione – i contratti normali di lavoro che impongono salari minimi in settori oggetto di dumping e i controlli dell’Ispettorato del lavoro – sono e restano imprescindibili per evitare derive».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved