ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
5 min

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
3 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
3 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
3 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
12 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
12 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
13 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
13 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
13 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
13 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
14 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
14 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
21.06.2022 - 21:29
Aggiornamento: 21:52

Preture di protezione, presto la parola al popolo

Tutele e curatele, il Gran Consiglio aderisce al rapporto parziale della commissione: sì al voto (preliminare) dei cittadini sulla modifica costituzionale

preture-di-protezione-presto-la-parola-al-popolo
Un ambito importante e delicato (Ti-Press)

«Una riforma necessaria per accrescere la tutela delle fasce più fragili della popolazione, che permette allo Stato di dare una risposta adeguata e al passo con i tempi». Le parole pronunciate in Gran Consiglio in apertura di dibattito dal deputato popolare democratico Luca Pagani, uno dei sei correlatori sull’importante e delicato dossier, riassumono l’obiettivo del passaggio in Ticino dal modello amministrativo a quello giudiziario nel settore delle tutele e delle curatele. Dalle attuali sedici Autorità regionali di protezione (Arp), che fanno capo ai Comuni, alle Preture di protezione. Quattro Preture ad hoc distribuite sul territorio, con conseguente ‘cantonalizzazione’ del sistema. Convince la riforma proposta dal Dipartimento istituzioni e tradotta in un corposo messaggio che il governo ha posto dapprima in consultazione e poi varato lo scorso dicembre all’indirizzo del parlamento, e meglio della commissione ‘Giustizia e diritti’. Commissione che accogliendo il suggerimento del socialista Nicola Corti ha ritenuto opportuno interpellare preliminarmente il popolo su quello che oggi in aula la leghista Sabrina Aldi ha definito «il principio della riforma», ovvero l’adozione del modello giudiziario. L’orientamento della ‘Giustizia e diritti’ è stato confermato poco fa dal plenum del Gran Consiglio praticamente all’unanimità dei presenti: 68 i favorevoli, nessun contrario, un astenuto.

I cittadini e le cittadini ticinesi saranno quindi chiamati a pronunciarsi su una modifica della Costituzione cantonale. Modifica volta ad ancorare alla Carta una nuova figura di magistrato – il Pretore di protezione – e l’autorità di nomina delle principali figure che comporranno le previste autorità giudiziarie. Le Preture di protezione, appunto. Secondo la riforma tratteggiata dal Consiglio di Stato, i Pretori di protezione, i Pretori di protezione aggiunti e i membri specialisti, che affiancheranno i magistrati nel decidere le misure di protezione (Codice civile) da implementare, verranno designati dal Gran Consiglio, che già ora elegge tutti gli altri giudici e i procuratori pubblici. La parola comunque al popolo, che dovrebbe essere chiamato alle urne a settembre o a novembre. Nella speranza, si sono augurati Aldi e altri deputati intervenuti nella discussione, che approvi la revisione costituzionale. «Avremmo così dai cittadini – ha evidenziato la parlamentare della Lega – un mandato chiaro e vincolante». Acquisito il modello giudiziario, si potrà allora continuare l’esame parlamentare della riforma, affrontando una serie di aspetti procedurali e organizzativi. Portandola in porto in tempi brevi dopo l’eventuale ok (preliminare) della popolazione alla modifica della Costituzione.

Gobbi: cambiamento epocale

Il Gran Consiglio ha dunque sottoscritto il rapporto parziale sul messaggio governativo del dicembre 2021, rapporto uscito dalla sottocommissione che in seno alla ‘Giustizia e diritti’ si sta occupando della riforma e che è composta, oltre che dai coordinatori Aldi e Pagani, da Giorgio Galusero (Plr), da Roberta Soldati (Udc), da Marco Noi (Verdi) e dal citato Corti. «Si vuole eliminare le differenze che ci sono ora tra un Comune e l’altro, portando uniformità di trattamento sul territorio: la riforma comporterebbe un onere netto per il Cantone stimato in 19,6 milioni di franchi», ha ricordato Pagani. Un cambiamento reso ancora più urgente, ha avvertito Aldi, «dalle crisi, sanitaria ed economica, che ci stanno colpendo». Per Giorgio Galusero (Plr) quella intrapresa «è una strada coraggiosa, anche se i rischi di un no dei cittadini al principio della riforma sono davvero minimi visto fra l’altro che in occasione della consultazione il novantacinque per cento dei Comuni si è detto favorevole». Il beneficio per la popolazione, ha sostenuto Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd), «sarebbe notevole visto che in questo momento le Arp non sono nelle condizioni di operare al meglio. Negli ultimi anni non si è investito con decisione in attesa di questa riorganizzazione». Il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi ha sottolineato come si sia di fronte a «un cambiamento epocale» per il Ticino. Un passo necessario, ha rilevato Pagani, «in un ambito delicato che tocca i diritti fondamentali delle persone».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved