da-tisin-a-sindacato-libero-della-svizzera-italiana-slsi
Ti-Press
Nando Ceruso, presidente di TiSin, ora Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello

Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
4 ore

5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa

Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Luganese
6 ore

Ripartono a Lugano i corsi di italiano per stranieri

A partire da settembre, l’Associazione Il Centro organizza moduli di 60 ore fino a dicembre
Luganese
7 ore

A Gandria metti una sera tra lago, canti e balli

Musica reggae venerdì 8 luglio alla Bottega. Ospite l’artista brasiliano, Dom Lampa. Musica latina e reggae
Ticino
7 ore

Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro

Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
7 ore

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
8 ore

Peter Burkard presidente dell’Ordine dei farmacisti ticinesi

Prende il posto di Mario Tanzi, che lascia dopo 32 anni di mandato e la nomina a presidente onorario
Bellinzonese
8 ore

‘Lumino si doti di un fondo di incentivi al risparmio idrico’

Con un’interrogazione Marianna Cavalli chiede di prevedere contributi per interventi tecnici al fine di ridurre il consumo giornaliero di acqua potabile
Ticino
8 ore

Impianti di risalita turistici, giugno positivo

L’Utpt: ‘Si assiste a un ritorno della clientela estera’
29.05.2022 - 12:27
Aggiornamento: 15:40

Da TiSin a Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)

Dopo l’uscita di Sabrina Aldi e Boris Bignasca, il sindacato cambia nome e direttivo e attacca: ‘Controlli delle Paritetiche senza senso e vessatori’

Dopo le dimissioni di Sabrina Aldi e Boris Bignasca dal comitato direttivo, il sindacato TiSin cambia pelle, a cominciare dal nome: non più "Organizzazione per il lavoro in Ticino – TiSin", appunto, ma Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi). Il nuovo comitato direttivo, oltre che dal presidente Nando Ceruso, sarà composto da Anna Scarlino (vicepresidente) Andrea Basalini e Mimmo Chiaravallotti, in rappresentanza dei settori Socio-sanitario e servizi, Autotrasporti pubblici e privati, Edilizia e rami affini.

Le modifiche allo statuto sono state approvate all’unanimità dall’assemblea del Comitato interprofessionale del sindacato riunita sabato 28 maggio 2022 a Sementina.

L’Slsi, come scritto nella nota stampa, "intende impostare la propria attività attraverso un rapporto leale di collaborazione con le Istituzioni del Cantone, le Associazioni di categoria e tutte le entità che, seppure a diverso titolo, sono sensibili ai diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e ai temi sociali che li coinvolgono. Il tutto riaffermando fortemente la propria posizione di assoluta autonomia politica e confessionale".

Rispetto alla missione storica del sindacato di difesa e promozione dei diritti dei lavoratori, Slsi dichiara di prendere atto "delle mutate realtà dell’economia moderna, nella quale la contrapposizione aprioristica "Sindacato e Padronato" risulta antistorica e sterile, intende improntare la sua attività nella ricerca continua del dialogo tra le parti". La visione di Slsi è che "forza-lavoro e impresa debbano concorrere, ognuna nel proprio ambito, al successo dell’attività in cui sono impegnate, tenendo conto del fatto che tale successo possa e debba andare a beneficio di entrambe le parti". Anche riguardo alle associazioni imprenditoriali, AITI, Camera di Commercio e tutte le istituzioni pubbliche a vario titolo coinvolte nel processo, Slsi dichiara di porsi nell’ottica della "ricerca del dialogo sempre e con chiunque, quindi, fuori da ogni contrapposizione ideologica, nel rispetto reciproco e pari dignità".

Ai "rigidi steccati burocratici e legislativi imposti", il sindacato predilige "la libera trattativa tra le parti, demandando ai partner sociali il compito di pianificare un futuro di concertazione seria, leale e d’impresa etica che assuma le proprie responsabilità sociali di fronte al Paese e verso i lavoratori che sono chiamati ad assolvere un ruolo sempre più importante e decisivo nelle attività e nella crescita delle imprese".

Critiche anche nei confronti delle Commissioni paritetiche, che a dire di Slsi generano una "farragine burocratica", con i loro controlli definiti "ripetitivi, spesso senza senso quando non vessatori", che per il sindacato sono "fonte di alti costi e di intralcio per le imprese, mentre si rivelano spesso di sostanziale interesse per le forze sindacali e per le stesse commissioni paritetiche".

"Va da sé", conclude il comunicato, "che in tale ambito debba essere aperto un tavolo serio di discussione onde ridefinire le linee guida e le regole future delle Commissioni paritetiche, considerando gli interessi primari dei lavoratori e le mutate esigenze nell’ambito del mercato del lavoro in generale".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boris bignasca nando ceruso sabrina aldi slsi tisin
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved