targhe-dado-o-con-il-nostro-rapporto-o-pronti-alle-urne
Ti-Press
Fiorenzo Dadò
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello

Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
5 ore

5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa

Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Luganese
7 ore

Ripartono a Lugano i corsi di italiano per stranieri

A partire da settembre, l’Associazione Il Centro organizza moduli di 60 ore fino a dicembre
Luganese
8 ore

A Gandria metti una sera tra lago, canti e balli

Musica reggae venerdì 8 luglio alla Bottega. Ospite l’artista brasiliano, Dom Lampa. Musica latina e reggae
Ticino
8 ore

Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro

Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
8 ore

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
9 ore

Peter Burkard presidente dell’Ordine dei farmacisti ticinesi

Prende il posto di Mario Tanzi, che lascia dopo 32 anni di mandato e la nomina a presidente onorario
Bellinzonese
9 ore

‘Lumino si doti di un fondo di incentivi al risparmio idrico’

Con un’interrogazione Marianna Cavalli chiede di prevedere contributi per interventi tecnici al fine di ridurre il consumo giornaliero di acqua potabile
Ticino
9 ore

Impianti di risalita turistici, giugno positivo

L’Utpt: ‘Si assiste a un ritorno della clientela estera’
Grigioni
9 ore

Sempre più cinghiali nella Bassa Mesolcina: come contenerli

Il capo dei guardacaccia Nicola De Tann: ‘Finora causati importanti danni solo a pascoli e prati da sfalcio’
Ticino
10 ore

Posti di tirocinio: ‘La scelta ai ragazzi, non all’economia’

Aumentano i contratti già firmati, ma c’è una sensibile differenza di offerta (e richiesta) tra un settore e l’altro. ‘Per le ragazze è più difficile’
Luganese
10 ore

Casinò Campione, confermata l’ammissione al concordato

Il tribunale di Como ha fissato l’udienza per il voto dei creditori al 19 settembre
Bellinzonese
11 ore

Sobrio finalista al concorso ‘Villaggio svizzero dell’anno’

Scelto dalla giuria per le iniziative culturali maturate attorno al festival musicale la cui edizione 2022 inizia sabato 9 luglio
laR
 
28.05.2022 - 11:00
Aggiornamento: 14:45

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento

Le risposte del Consiglio di Stato alle domande (soprattutto) del Plr e, di conseguenza, la presa di posizione liberale radicale anticipata da ‘laRegione’ stamattina sulla volontà di portare in Gestione un altro rapporto sulla modifica delle imposte di circolazione non scalfisce minimamente il Ppd. La lettera del governo alla Gestione «non dice sostanzialmente nulla di nuovo», valuta Fiorenzo Dadò. «Se il Gran Consiglio non vorrà sostenere le nostre iniziative popolari, sul tavolo da cinque anni, pazienza. Vorrà dire – prosegue il deputato e presidente del Ppd – che si esprimerà il popolo». L’applicazione dell’iniziativa ‘Per un’imposta di circolazione più giusta’ comporterebbe una minor entrata annua per le casse cantonali di una trentina di milioni di franchi: come si troverà il margine per sgravi fiscali, argomento caro al Plr ma anche a voi. «In questo momento, in cui si è confrontati con un aumento generalizzato dei prezzi, dal cibo all’energia, alla benzina e con il prospettato incremento dei premi di cassa malati, la priorità per noi è un’altra. Si tratta di lasciare qualche centinaia di franchi nelle tasche dei cittadini, indipendentemente dal loro reddito, ricalibrando un’imposta di circolazione che è ingiustamente la più alta della Svizzera».

Tassa di collegamento, Direttiva Udc per l’iniziativa

Restando in tema di circolazione e balzelli, un altro scottante dossier è la tassa di collegamento, altrimenti nota come tassa sui parcheggi. In febbraio un’ampia maggioranza del Gran Consiglio ha procrastinato al 1. gennaio 2025 la sua entrata in vigore. Non è un mistero che l’Udc, da sempre contraria al balzello «come a qualsiasi altra tassa», stia pensando al lancio di un’iniziativa popolare per abrogarlo. «La Direttiva del partito all’unanimità ha intanto deciso di chiedere al Comitato cantonale, che si riunirà prima dell’estate, di conferirle il mandato di lanciarla quanto prima – afferma il presidente cantonale Piero Marchesi, interpellato dalla ‘Regione’ –. Mi auguro che il Comitato confermi l’orientamento. In tal caso, sarà lui a stabilire le modalità e le tempistiche». A fine marzo a ‘Detto tra noi XL’, in onda su TeleTicino, il consigliere di Stato leghista Norman Gobbi ha definito l’eventuale lancio dell’iniziativa una "pietra d’inciampo" nelle trattative elettorali, per le cantonali e le federali del prossimo anno, tra il movimento di via Monte Boglia e i democentristi, dato che la tassa in questione è stata (ri)proposta a suo tempo dal Dipartimento, quello del territorio, diretto da un altro leghista, Claudio Zali… «Per noi non è e non deve essere una pietra d’inciampo, come non può essere materia di negoziazione», riprende Marchesi.

«Già con il precedente accordo, quello del 2019, Udc e Lega avevano affermato che non è sui temi specifici che si costruisce l’alleanza elettorale, nel senso che sui dossier condivisi, come ad esempio quelli sulla sicurezza, sulla migrazione e sul mercato del lavoro, si lavora insieme, mentre sui dossier su cui non c’è unità di vedute ognuno è libero di muoversi come meglio crede. D’altronde, se non avessimo differenze saremmo un partito unico. Sia chiaro – puntualizza Marchesi – la nostra volontà è di fare con la Lega un accordo elettorale, poiché uniti si vince, e lo abbiamo dimostrato. I temi, ripeto, non devono tuttavia condizionare le intese elettorali, come da entrambe le parti non si possono accettare censure su temi puntuali». E un’iniziativa popolare «non deve essere un tema su cui negoziare un accordo elettorale». Evidenzia ancora Marchesi: «Dopo il voto popolare del giugno 2016, con peraltro un risicato sì a questo balzello, la tassa di collegamento è stata di fatto applicata da diverse aziende. Il traffico però non è diminuito e la tassa ha colpito non i frontalieri, bensì i residenti. Se il popolo dovesse confermare in votazione la tassa di collegamento, per noi il discorso è archiviato. Abbiamo però il sentore che con i tempi che corrono – caro energia e benzina, aumento dei premi di cassa malati… – se dovessimo sottoporla al giudizio popolare, l’esito della consultazione sarebbe diverso». Cioè: abolizione.

Leggi anche:

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fiorenzo dadò imposte di circolazione piero marchesi tassa di collegamento
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved