che-anche-i-docenti-sopra-il-50-possano-diventare-deputati
Ti-Press
Gran Consiglio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
7 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
7 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
9 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
9 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
9 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
9 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
10 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
10 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
Grigioni
10 ore

Grono, chiusura notturna della H13 Strada Italiana

Da lunedì 18 luglio a mercoledì 20 luglio dalle 22 alle 5 la tratta rimarrà chiusa alla circolazione per i lavori alla chiesa San Bernardino
Mendrisiotto
11 ore

Mendrisio al lavoro per ridurre l’edificabilità

Sui Piani regolatori il Municipio intende giocare d’anticipo. Con l’obiettivo di tutelare i comparti sensibili
24.05.2022 - 18:01

‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’

Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni

Una modifica di cui "non bisogna certo esagerare la portata", ma che permetterebbe di "arricchire di competenze ed esperienza le discussioni in Gran Consiglio e nelle commissioni sui temi della scuola", oltreché di "eliminare una disparità di trattamento, dal punto di vista dei diritti, di cui sono vittime alcune migliaia di cittadine e cittadini del cantone". Sono gli effetti che secondo i tre deputati Mps avrebbe l’abolizione dell’articolo di legge che sancisce l’incompatibilità tra la funzione di docente con grado d’attività superiore al 50% e quella di membro del Gran Consiglio. Proposta avanzata dal Movimento in un’iniziativa parlamentare elaborata.

"L’attuale articolo 83a della Legge sull’ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti (Lord) – si legge nell’atto parlamentare – prevede espressamente l’incompatibilità tra la carica di membro del Gran Consiglio e l’attività di docente, superiore al 50%, nelle scuole cantonali". Una questione "che ritorna ed è ritornata a più riprese nella discussione politica", anche perché, scrivono gli iniziativisti, "come noto, questa incompatibilità riguarda solo pochi cantoni. Gli anni più recenti, tuttavia, hanno visto acuirsi il problema della rappresentanza degli insegnanti e della possibilità che persone appartenenti a questa categoria possano partecipare attivamente, direttamente e a pieno titolo alle attività legislative cantonali". I docenti, prosegue il testo, hanno lamentato la scarsa attenzione che la classe politica riserva loro, alle loro prese di posizione, alle loro proposte, e questo "in particolare nelle diverse discussioni sulle riforme della scuola (pensiamo al progetto di riforma ‘La scuola che verrà’, ma anche alla recente discussione sulla proposta di sperimentazione di insegnamento senza livelli)".

L’attuale articolo 83a "permette di risolvere individualmente la questione rinunciando a metà della propria occupazione", concedono i tre granconsiglieri, "ma si tratterebbe di rinunce definitive che non tutte e tutti – anche per le rispettive condizioni familiari – possono sopportare". Il fatto che diversi docenti siano diventati membri del Gran Consiglio solo in fase di prepensionamento, o dopo il pensionamento completo, secondo l’Mps "testimonia delle difficoltà che questa soluzione comporta". Alla luce di tali considerazioni, gli iniziativisti propongono di abrogare il citato articolo di legge che recita: "La funzione di docente di una scuola cantonale con un grado di occupazione fino al cinquanta per cento è compatibile con la carica di deputato al Gran Consiglio".

Sostegno alla possibilità di formarsi

"Finché a una persona viene chiesto di lavorare, a questa persona deve essere pure offerta la possibilità di formarsi", aveva detto su queste colonne la scorsa settimana il deputato Mps Matteo Pronzini, contestando il compromesso a cui è giunto il rapporto sottoscritto all’unanimità dalla Commissione parlamentare formazione e cultura che chiede di alzare l’età massima per accedere agli aiuti allo studio, e quindi alla formazione professionale, dagli attuali 40 anni ai 55. La discussione si era aperta in parlamento nell’ambito del dibattito sul messaggio governativo Pro San 2021-2024 lo scorso 23 febbraio, dove era passato un emendamento Mps che proponeva di alzare l’età massima a 62 anni nel settore sociosanitario. A seguito di un’iniziativa parlamentare del Ps che chiedeva un innalzamento in tutti i settori a 60 anni, e un successivo messaggio del governo che invece auspicava di limitarsi ai 50, la ‘Formazione e cultura’ è giunta appunto al compromesso dei 55 anni. Ma l’Mps non ci sta e ha quindi elaborato cinque emendamenti che saranno discussi nella seduta di lunedì in Gran Consiglio. Emendamenti che intendono modificare la legge sugli aiuti allo studio (Last) in modo che le borse di studio, i sostegni alla formazione professionale, l’aiuto al perfezionamento linguistico, l’assegno di formazione terziaria possano essere richiesti da coloro che "nel corso dell’anno civile d’inizio della formazione non hanno ancora compiuto o non compiono il sessantesimo anno d’età", e non "il cinquantacinquesimo", come propone il rapporto commissionale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
formazione gran consiglio mps scuola
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved