dal-cantone-un-occhio-di-riguardo-alle-api
Un bene da proteggere
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Preonzo, residenti sotto la montagna ‘stufi degli allagamenti’

Gli abitanti della via Cadmónn sollecitano il Municipio affinché si trovi una soluzione alla discesa a valle di acqua e detriti in occasione di nubifragi
Mendrisiotto
1 ora

Operatori di prossimità, gli altri Comuni ci sono

Dopo la separazione di Mendrisio, nove enti locali sono pronti a confermare il sostegno al Servizio regionale. Se ne parlerà entro fine luglio
Locarnese
1 ora

Brione Verzasca, luce verde ai semafori

Il legislativo ha accolto il credito per la loro installazione. Permetteranno di assicurare maggior fluidità al traffico nella strettoia del paese
Luganese
7 ore

Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello

Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
8 ore

5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa

Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Luganese
11 ore

Ripartono a Lugano i corsi di italiano per stranieri

A partire da settembre, l’Associazione Il Centro organizza moduli di 60 ore fino a dicembre
Luganese
12 ore

A Gandria metti una sera tra lago, canti e balli

Musica reggae venerdì 8 luglio alla Bottega. Ospite l’artista brasiliano, Dom Lampa. Musica latina e reggae
Ticino
12 ore

Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro

Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
12 ore

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
12 ore

Peter Burkard presidente dell’Ordine dei farmacisti ticinesi

Prende il posto di Mario Tanzi, che lascia dopo 32 anni di mandato e la nomina a presidente onorario
Bellinzonese
12 ore

‘Lumino si doti di un fondo di incentivi al risparmio idrico’

Con un’interrogazione Marianna Cavalli chiede di prevedere contributi per interventi tecnici al fine di ridurre il consumo giornaliero di acqua potabile
20.05.2022 - 12:10
Aggiornamento: 17:03

Dal Cantone un occhio di riguardo alle api

Come salvaguardarle? In occasione della loro Giornata mondiale ecco una serie di consigli pratici per la loro tutela

Sono ben 600 le specie di api presenti in Svizzera. Ma solo una di queste, l’ape domestica (Apis mellifera) produce il miele. Le altre, per contro, sono api selvatiche. Che, come tutti gli insetti impollinatori, sono di fondamentale importanza per l’ambiente, la conservazione della biodiversità e l’impollinazione delle specie vegetali. Non a caso, un terzo dell’alimentazione mondiale dipende da insetti impollinatori, così come il cotone, fibra naturale più utilizzata nell’abbigliamento.

Ma lo stato attuale delle api è critico: le popolazioni sono in netto calo e si calcola che una specie su due sia minacciata di estinzione. Soprattutto a causa dell’attività umana e del conseguente cambiamento climatico: le api faticano ad attingere alle risorse necessarie al loro nutrimento a causa della mancanza di prati da fieno, della frequenza dei tagli meccanici dell’erba, delle pratiche dell’agricoltura intensiva e dell’uso di pesticidi. Anche la perdita di microhabitat favorevoli alla loro nidificazione rappresenta una minaccia alla loro esistenza, quali muri a secco, scarpate, legno morto e luoghi sabbiosi.

A fare il punto alla situazione, nella Giornata mondiale delle api, è il Dipartimento del territorio, che vuol sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della loro salvaguardia proponendo delle misure concrete e attuabili da qualsiasi cittadino.

Le misure

Negli ultimi anni sono state adottate delle misure e dei progetti orientati alla salvaguardia degli insetti impollinatori sul territorio ticinese. In particolare il Dipartimento del territorio ha fornito le linee guida ai Comuni ticinesi affinché si possa esentare gli apicoltori dalla richiesta della licenza edilizia per la posa di un determinato numero di arnie all’interno della zona edificabile. Inoltre, per agevolare l’importante attività degli apicoltori, la posa di al massimo trenta arnie al di fuori della zona edificabile è esente dall’obbligo di licenza.

Pure il comportamento individuale adottato da ogni cittadino può contribuire in maniera altrettanto importante per la loro salvaguardia, attraverso scelte consapevoli a favore dell’ambiente. Infatti per promuovere gli impollinatori negli abitati è sufficiente migliorare l’offerta alimentare e le possibilità di nidificazione con semplici accorgimenti e un po’ di attenzione. Ad esempio, praticando il giardinaggio è importante evitare qualsiasi prodotto fitosanitario e, se necessario, prediligere prodotti biologici, seguendo in ogni caso le condizioni d’uso riportate sull’etichetta dei prodotti.

Per garantire un’offerta continua, è opportuno programmare fioriture di piante mellifere adatte per parchi e giardini durante tutto l’arco dell’anno.

Oltre a queste misure, è bene prediligere un prato fiorito rispetto a un tappeto verde, una siepe mista informale rispetto a una squadrata composta da una sola specie ed evitare spianate di ghiaia o cemento, ma usare un po’ di terra nuda o sabbia. Inoltre occorre ricordarsi che anche gli insetti, nel loro piccolo, bevono, quindi se possibile inserire una fonte d’acqua in giardino con uno stagno con rive dolci o una fontanella (molto gradita agli uccelli), ma attenzione alla zanzara tigre che può proliferare nelle acque stagnanti. In particolare, per la lotta alla zanzara tigre si raccomanda di seguire le misure preventive e di lotta alle larve indicate dai Comuni e aggiornate di anno in anno dagli esperti preposti. Evitare l’impiego di insetticidi contro gli adulti di zanzara tigre: questi prodotti, oltre a rilevarsi non efficaci per il controllo delle zanzare, possono risultare estremamente nocivi per le api.

Un altro accorgimento utile da considerare è la creazione di nicchie per la nidificazione, come ad esempio i classici alberghi per api o altre tipologie di nicchie diffuse, quali muri a secco, mucchietti di rami cavi, legno morto o gusci di chiocciole vuoti, che devono essere esposte al sole.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
api impollinazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved