dal-cantone-un-occhio-di-riguardo-alle-api
Un bene da proteggere
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Verzasca, i 105 anni di Aurelio Gnesa

Storico traguardo per il decano della Valle, festeggiato lunedì corso dalle autorità comunali e dei familiari
Mendrisiotto
41 min

Riva San Vitale, il Fc si riunisce in assemblea

I lavori si terranno mercoledì 13 luglio nella sala patriziale Al Torchio, con inizio alle 20.15
Locarnese
1 ora

Alba, in attesa di risposte da Berna si compattano i ranghi

L’Associazione che si batte a difesa dell’Aeroporto cantonale di Locarno ha pronto un suo Consiglio strategico
Luganese
2 ore

Prima di quella dei conferenzieri, s’alza la voce di Greenpeace

Azione di alcuni militanti ‘verdi’, che in prossimità della sede degli incontri della conferenza sull’Ucraina hanno issato una finta pala eolica
Luganese
2 ore

A Lugano al lavoro per un ‘piano Marshall’ ucraino

Ultimi scampoli di conto alla rovescia in riva al Ceresio: alle 13.30 Ignazio Cassis e Volodymir Zelensky (virtualmentre) daranno il via ai lavori
Luganese
6 ore

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’
Luganese
6 ore

Resega e dintorni, un ‘regalo’ all’Hcl?

Fa discutere la concessione di un diritto di superficie per una palazzina attigua alla pista
Ticino
14 ore

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
14 ore

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
Locarnese
15 ore

Salvataggio Sub Gambarogno, dati due nuovi brevetti

 Mattia Ferrari e Roberto Plebani hanno ottenuto il brevetto per i salvataggi nelle acque libere
Locarnese
15 ore

Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 

Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
20.05.2022 - 12:10
Aggiornamento: 17:03

Dal Cantone un occhio di riguardo alle api

Come salvaguardarle? In occasione della loro Giornata mondiale ecco una serie di consigli pratici per la loro tutela

Sono ben 600 le specie di api presenti in Svizzera. Ma solo una di queste, l’ape domestica (Apis mellifera) produce il miele. Le altre, per contro, sono api selvatiche. Che, come tutti gli insetti impollinatori, sono di fondamentale importanza per l’ambiente, la conservazione della biodiversità e l’impollinazione delle specie vegetali. Non a caso, un terzo dell’alimentazione mondiale dipende da insetti impollinatori, così come il cotone, fibra naturale più utilizzata nell’abbigliamento.

Ma lo stato attuale delle api è critico: le popolazioni sono in netto calo e si calcola che una specie su due sia minacciata di estinzione. Soprattutto a causa dell’attività umana e del conseguente cambiamento climatico: le api faticano ad attingere alle risorse necessarie al loro nutrimento a causa della mancanza di prati da fieno, della frequenza dei tagli meccanici dell’erba, delle pratiche dell’agricoltura intensiva e dell’uso di pesticidi. Anche la perdita di microhabitat favorevoli alla loro nidificazione rappresenta una minaccia alla loro esistenza, quali muri a secco, scarpate, legno morto e luoghi sabbiosi.

A fare il punto alla situazione, nella Giornata mondiale delle api, è il Dipartimento del territorio, che vuol sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della loro salvaguardia proponendo delle misure concrete e attuabili da qualsiasi cittadino.

Le misure

Negli ultimi anni sono state adottate delle misure e dei progetti orientati alla salvaguardia degli insetti impollinatori sul territorio ticinese. In particolare il Dipartimento del territorio ha fornito le linee guida ai Comuni ticinesi affinché si possa esentare gli apicoltori dalla richiesta della licenza edilizia per la posa di un determinato numero di arnie all’interno della zona edificabile. Inoltre, per agevolare l’importante attività degli apicoltori, la posa di al massimo trenta arnie al di fuori della zona edificabile è esente dall’obbligo di licenza.

Pure il comportamento individuale adottato da ogni cittadino può contribuire in maniera altrettanto importante per la loro salvaguardia, attraverso scelte consapevoli a favore dell’ambiente. Infatti per promuovere gli impollinatori negli abitati è sufficiente migliorare l’offerta alimentare e le possibilità di nidificazione con semplici accorgimenti e un po’ di attenzione. Ad esempio, praticando il giardinaggio è importante evitare qualsiasi prodotto fitosanitario e, se necessario, prediligere prodotti biologici, seguendo in ogni caso le condizioni d’uso riportate sull’etichetta dei prodotti.

Per garantire un’offerta continua, è opportuno programmare fioriture di piante mellifere adatte per parchi e giardini durante tutto l’arco dell’anno.

Oltre a queste misure, è bene prediligere un prato fiorito rispetto a un tappeto verde, una siepe mista informale rispetto a una squadrata composta da una sola specie ed evitare spianate di ghiaia o cemento, ma usare un po’ di terra nuda o sabbia. Inoltre occorre ricordarsi che anche gli insetti, nel loro piccolo, bevono, quindi se possibile inserire una fonte d’acqua in giardino con uno stagno con rive dolci o una fontanella (molto gradita agli uccelli), ma attenzione alla zanzara tigre che può proliferare nelle acque stagnanti. In particolare, per la lotta alla zanzara tigre si raccomanda di seguire le misure preventive e di lotta alle larve indicate dai Comuni e aggiornate di anno in anno dagli esperti preposti. Evitare l’impiego di insetticidi contro gli adulti di zanzara tigre: questi prodotti, oltre a rilevarsi non efficaci per il controllo delle zanzare, possono risultare estremamente nocivi per le api.

Un altro accorgimento utile da considerare è la creazione di nicchie per la nidificazione, come ad esempio i classici alberghi per api o altre tipologie di nicchie diffuse, quali muri a secco, mucchietti di rami cavi, legno morto o gusci di chiocciole vuoti, che devono essere esposte al sole.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
api impollinazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved