la-vita-delle-api-e-quella-della-vite-un-connubio-impossibile
Ti-Press
Un futuro in mano nostra
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
55 min

Fiera di San Martino, è tempo di iscrizioni

Appuntamento a Mendrisio dal 10 al 13 novembre. Entro il 26 agosto vanno annunciate vendite, mescite, spacci e impianti per il divertimento
Grigioni
1 ora

Niente fuochi d’artificio neppure a Ferragosto a San Bernardino

Le pessime condizioni idriche e il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto rimandano la ricorrenza all’anno prossimo
Mendrisiotto
1 ora

Cucina, musica e sport per le feste della Sav Vacallo

L’appuntamento si terrà all’ex asilo Riva e inizierà mercoledì 17 agosto con la proiezione di ‘Spider-Man’
Mendrisiotto
1 ora

Serata al chiar di luna alle scuole di Lattecaldo

L’evento, con entrata libera, si terrà venerdì 19 agosto nell’anfiteatro del centro scolastico
Grigioni
1 ora

A San Bernardino si danno i numeri a suon di musica

Domenica 14 agosto dalle 17 alle 19 verrà organizzata una tombola a ritmo delle melodie della fisarmonica, ricchi premi della regione in palio
Ticino
1 ora

Un successo i corsi estivi di italiano per allievi non italofoni

L’offerta straordinaria è stata attivata dal Decs in seguito al recente arrivo in Ticino di oltre 800 bambini in età scolastica soprattutto dall’Ucraina
Locarnese
1 ora

Locarno, lavori di pavimentazione stradale

Interesseranno da mercoledì prossimo a fine settembre la via Rinaldo Simen
Locarnese
2 ore

Minusio, miniferrovia in funzione

I convogli elettrici e a vapore circoleranno domenica dalle 20 alle 21.30
Luganese
3 ore

Tiro obbligatorio e in campagna allo stand di Iseo

Appuntamento sabato 13 agosto allo stand di 300 metri. Sarà ancora possibile sparare sabato 27 agosto
Luganese
4 ore

‘Le vie dei pardi’ al Parco Ciani di Lugano

La 21esima edizione della rassegna cinematografica si terrà dal 18 al 20 agosto. Saranno proposte tre pellicole presentate a Locarno75
Bellinzonese
4 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Malvaglia

La Società La Guglielmo Tell organizza l’evento mercoledì 17 agosto dalle 17 alle 18.30 e sabato 20 agosto dalle 14 alle 17
Luganese
4 ore

Patriziato di Bedigliora, Banco e Nerocco in festa

L’evento è in programma domenica 28 agosto al capannone del campo da calcio a Banco
Bellinzonese
4 ore

Grigliata della Società Bocciofila Alta Leventina

L’appuntamento è in programma sabato 27 agosto a partire dalle 12.30 presso il Centro Atte di Ambrì
Bellinzonese
4 ore

Riviera, sbarramento della strada via Rascai

Il Comune informa della chiusura parziale o totale della tratta indicata da martedì 16 agosto a martedì 30 agosto
Bellinzonese
4 ore

La corsia preferenziale in funzione anche a Ferragosto

Dopo l’eccellente riscontro, l’Ufficio federale delle strade ripropone il progetto ‘Cupra’ pure in questo weekend
Bellinzonese
5 ore

Cadenazzo, festa sui monti di Piantürin

Il locale Patriziato domenica 21 agosto organizza un ricco programma ricreativo a far da cornice alle rinnovate cascine
02.12.2021 - 17:36
Aggiornamento: 17:58

La vita delle api e quella della vite: un connubio impossibile?

No, secondo il governo cantonale, che spiega come l’uso di pesticidi per preservare la produzione di uva e vino non impatti poi troppo sugli insetti

L’avrete sentita e letta sui social almeno cento volte. Beccatevi la centounesima: “Se l’ape scomparisse, all’uomo resterebbero quattro anni di vita” (Albert Einstein). Saltando dagli insetti ai bovini possiamo dirvi subito che si tratta di una bufala: Einstein non l’ha mai detto e un calcolo del genere è quantomeno azzardato. Però rende bene il problema, che tale resta. In quanto insetti impollinatori, le api garantiscono la vita della nostra flora, inclusi i frutti che ce ne vengono. La loro esistenza però è a rischio, e con essa quella del nostro ecosistema: “In Svizzera sono presenti circa 580 specie diverse di api, il cui stato di salute è critico”, si legge sul sito del Dipartimento del territorio (Dt). “Le popolazioni sono in netto calo e si calcola che una specie su due sia minacciata di estinzione. La principale causa della loro scomparsa è rappresentata dall’attività umana e dalla conseguente accelerazione del cambiamento climatico, nonché dall’incremento dell’inquinamento atmosferico”. E quindi? Ora ci arriviamo.

Per l’ape, un importante nutrimento viene da nettare e polline dei fiori della vite. Eppure il ruolo di questo e altri insetti ‘pronubi’ – che cioè impollinano i fiori – potrebbe essere minacciato proprio dalla frequentazione dei nostri filari. In Ticino, per l’estate 2021 l’Ufficio federale dell’agricoltura (Ufag) ha ordinato due cicli di trattamento contro la flavescenza dorata, una malattia epidemica a rapida diffusione causata da un minuscolo insetto, lo Scaphoideus titanus, o più semplicemente ‘cicalina della flavescenza’: arrivato a metà del secolo scorso dal Nordamerica, campa solo sulla vite e le trasmette il fitoplasma che causa la flavescenza, facendone ingiallire le foglie e disseccare i grappoli.

Una spruzzata discussa

Per risolvere il problema, le direttive emanate attraverso il Dt hanno imposto due spruzzate – a inizio e fine del giugno scorso – di un pesticida a base di piretro. Il prodotto è biologico, dato che il piretro è estratto dai crisantemi, ma il suo effetto sulle api può essere piuttosto sinistro: “Immediata perdita di coordinazione dei movimenti, tremori, paralisi e morte”, secondo la plastica descrizione contenuta in un’interrogazione dei Verdi. I quali hanno chiesto al Consiglio di Stato se si sia fatto tutto il possibile per evitare che insieme alla flavescenza, nemica del nostro vino, si finisse autolesionisticamente per sterminare anche le api. Era proprio necessario riprendere il trattamento della flavescenza dopo due anni di moratoria? Perché si è deciso di “intraprendere una via potenzialmente pericolosissima per le api”? Per evitare troppi danni non si sarebbero dovuti avvertire gli apicoltori e i privati cittadini, invece che solo i viticoltori e i Comuni? E non si potrebbe posticipare il primo ciclo di trattamento – previsto in piena fioritura della vite – al momento di avvenuta sfioritura, come si fa in Emilia-Romagna? Ancora: sarà proprio il caso di lasciare prodotti del genere anche in mano a privati senza alcuna formazione al loro uso?

‘Nessun effetto inaccettabile’

A queste domande il Consiglio di Stato ha risposto gettando acqua sul fuoco. È vero, spiega in una risposta appena pubblicata, che il tipo di pesticida indicato è mortale per le api, ma se si rispettano le indicazioni date – evitare di irrorare le viti quando il sole è già alto e volano gli insetti, avvertire gli apicoltori che hanno arnie nelle vicinanze affinché vi tengano chiusi i loro sciami, non trattare in presenza di api – questi prodotti “non causano effetti indesiderati inaccettabili”. Il Centro svizzero di ricerca apistica di Liebefeld “registra tutti i casi di intossicazione di api confermati da analisi, e non ha finora riportato morie di api mellifere causate da piretrine naturali”, ben tollerate anche da uccelli e mammiferi, tanto che l’uso di queste molecole “sarebbe stato compatibile anche in caso di approvazione dell’iniziativa popolare ‘Per una Svizzera senza pesticidi sintetici’”.

Il Dt spiega che dopo due anni senza trattamenti la popolazione delle ‘cicaline’ che causano la flavescenza è triplicata e il rischio di una moltiplicazione aumenta col passare del tempo: “Senza controllo dell’insetto vettore, il numero di viti infette può crescere di dieci volte ogni anno, fino a raggiungere l’80 o il 100% di piante in pochi anni”, “rendendo la produzione economicamente insostenibile” e “portando rapidamente alla morte le varietà più sensibili”. È vero poi che in Emilia-Romagna si effettua un trattamento solo a sfioritura avvenuta, ma senza moratorie e con prodotti chimici ben potenzialmente più pericolosi per le api, i cui residui rischierebbero perfino di finire nel vino. Impossibile invece affidarsi alla fauna che cibandosi delle cicaline fungerebbe da antagonista naturale: allo stato attuale la sua presenza non è sufficiente. Quanto all’adeguatezza dell’informazione fornita alle parti in causa, per l’esecutivo si è fatto quanto necessario per coinvolgerle e si deve confidare nei Comuni per una corretta esecuzione dei trattamenti.

Tocca anche a noi

Le api, però, restano minacciate: se non dalle piretrine – non troppo, almeno – dall’uomo, dalle sue attività e dal cambiamento climatico. Il Cantone è impegnato in campagne di formazione e sensibilizzazione, nel sostegno alla biodiversità anche in ambienti urbani e nei controlli aziendali “relativi alla cosiddetta prova che le esigenze ecologiche sono rispettate”. Tuttavia molto sta al singolo, a partire proprio dall’uso ridotto e corretto di prodotti fitosanitari: maggiori informazioni le trovate su www.ti.ch/prodotti-chimici.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
api flavescenza vino vite
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved