prima-notte-tropicale-questo-weekend-il-picco
Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
54 min

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
4 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
4 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
19 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
20 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
19.05.2022 - 15:20
Aggiornamento: 23:07

Prima notte tropicale, ‘questo weekend il picco’

Guido Della Bruna di MeteoSvizzera: ‘Previsti oltre 30 gradi nel fine settimana’

Se fino a una settimana fa c’era ancora chi dormiva col piumone, ora abbandonarlo è quasi d’obbligo. Quella appena trascorsa è stata infatti la prima notte tropicale dell’anno in Ticino. Ovvero: la temperatura è sempre stata al di sopra dei venti gradi. Nella stazione di misurazione di Magadino-Cadenazzo non era addirittura mai stata registrata a maggio una notte così calda dal 1954, anno in cui sono iniziati i rilevamenti.

A mantenere le temperature alte... le nuvole

Le cause di queste temperature sono due: «La massa d’aria calda che era già presente in questi giorni e la nuvolosità», ci spiega Guido Della Bruna di MeteoSvizzera. «Quando di notte il cielo è sereno, l’aria si raffredda a contatto col terreno. Quest’ultimo infatti irradia energia verso lo spazio. Ciò non può avvenire se si presenta una copertura nuvolosa estesa come la scorsa notte».

Caldo dal Nord Africa

E tutto questo caldo da dove proviene? «È dovuto alla presenza di un anticiclone che oggi si trova principalmente sui Balcani e che domani si sposterà verso il Mediterraneo centrale», indica Della Bruna. «Sul fianco occidentale di questo anticiclone i venti provengono da sud-ovest, quindi dal Nord Africa. Portano aria molto calda, dapprima verso la Penisola iberica, poi verso il Sud della Francia e in parte anche in Svizzera».

La Spagna sta infatti registrando temperature molto alte: «Ieri sono stati toccati in alcune zone 36-37 gradi. Per i prossimi giorni ne sono attesi addirittura 40».

Previsti oltre 30 gradi nel weekend

In Svizzera non sarà così caldo, «ma per il fine settimana sono previste temperature anche al di sopra dei 30 gradi nelle basse quote», segnala Della Bruna.

Il maggio più caldo dall’inizio delle misurazioni

Già da lunedì, però, è previsto l’arrivo di temporali «che toccheranno soprattutto il Nord delle Alpi, e in seguito anche il Sud». Ci sarà qualche grado in meno, ma le temperature massime si aggireranno comunque attorno ai 25 gradi.

La grande domanda però è: che estate avremo? Così in là MeteoSvizzera non si spinge: «Con le indicazioni che abbiamo possiamo dire però che a inizio giugno continueranno a esserci condizioni anticicloniche». Per quanto riguarda maggio «le temperature resteranno in media elevate. Le prime proiezioni indicano che in Svizzera questo potrebbe essere il maggio più caldo dall’inizio delle misurazioni».

Al corpo serve qualche giorno per adattarsi

Un cambio così repentino di temperature può mettere in difficoltà il corpo. Per questo motivo il Dipartimento della sanità e della socialità (Dss) ha diramato con qualche settimana d’anticipo rispetto al solito i consigli per la popolazione. Le raccomandazioni sono indirizzate a tutti, non solo alle persone vulnerabili. È importante dunque aumentare l’apporto di liquidi, consumare pasti leggeri, esporsi al caldo progressivamente e limitare l’attività fisica all’aperto.

Il deficit d’acqua compensato solo in autunno

Ieri il Consiglio federale ha invitato i Cantoni a gestire meglio le risorse d’acqua. Quest’inverno le precipitazioni sono state poche e si parla di siccità. Bisogna preoccuparsi? «Il deficit di pioggia persiste – dice Della Bruna –, ma la situazione non è così acuta come nei mesi scorsi. Un po’ d’acqua è arrivata, però sotto forma di temporali, di rovesci, non di precipitazioni prolungate. Probabilmente dovremo aspettare parecchi mesi prima di recuperare quello che manca».

Luca Nisi, sempre di MeteoSvizzera, ha infatti esaminato gli anni simili a quello in corso – con inverno e primavera molto secchi – e la compensazione del deficit di risorse d’acqua avveniva soltanto con le precipitazioni autunnali.

Cambiamento climatico?

Negli ultimi anni ci si chiede spesso se le temperature anomale siano conseguenti al cambiamento climatico. Guido Della Bruna spiega che non basta una stagione, un singolo evento, per determinare la correlazione. È necessario prendere in considerazione un periodo più lungo. Degli indizi a sostegno della tesi del riscaldamento climatico ci sono: «Negli ultimi decenni questi episodi sono aumentati e si può pensare che la situazione andrà avanti così o, addirittura, peggiorerà».

Leggi anche:

Cantoni chiamati a migliorare la gestione dell’acqua

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
caldo guido della bruna meteo meteosvizzera notte tropicale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved