ULTIME NOTIZIE Cantone
Lavizzara
2 min

Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’

Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Mendrisiotto
24 min

L’ultimo libro di Andrea Netzer a LaFilanda

Il volume, ‘Camminare oltre, una vita’, sarà presentato domenica al Centro culturale di Mendrisio
Luganese
35 min

Tre settimane di cantiere a Massagno

Traffico limitato lungo via San Gottardo per i lavori alle sottostrutture e la sistemazione dell’incrocio Arizona
Chiasso
2 ore

Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino

Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
3 ore

È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale

Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
4 ore

Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio

Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
4 ore

Il Carnevaa di Goss di Sant’Antonino compie 50 anni

La manifestazione si terrà dal 16 al 19 febbraio nel capannone ex pista di ghiaccio
Bellinzonese
4 ore

La sezione La Turrita del Centro si riunisce a Bellinzona

Appuntamento per lunedì 6 febbraio alle 20 al Ristorante Unione
Bellinzonese
4 ore

Pomeriggio di ballo liscio in compagnia dell’Atte Leventina

Appuntamento in programma giovedì 2 febbraio dalle 14 presso il ristorante Alla Botte di Pollegio
Bellinzonese
4 ore

Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’

Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
4 ore

Incontro di meditazione a Pambio Noranco

L’appuntamento è lunedì 6 febbraio alle 20.30 presso il centro Serrafiorita
Bellinzonese
4 ore

Cresciano, inaugurazione della sala multiuso e tombola

Appuntamento in programma domenica 5 febbraio presso il campo sportivo in compagnia di... Yor Milano
Bellinzonese
5 ore

I numeri vincenti della lotteria del Carnevale di Cadenazzo

I cinque fortunati possono scrivere a carnevale.cadenazzo@gmail.com per ritirare il loro premio
17.05.2022 - 16:37
Aggiornamento: 17:11

Gravi incendi, esplosioni, siccità: le prove di ‘Odescalchi 22’

Presentata l’operazione che ha lo scopo di esercitarsi su scenari di crisi in una collaborazione transfrontaliera. Deciso anche un Protocollo d’intesa

gravi-incendi-esplosioni-siccita-le-prove-di-odescalchi-22
Immagine d’archivio

Da un incidente aereo con un grosso incendio nel Malcantone, a un importante inquinamento sul lago Ceresio, passando per un’esplosione a Maccagno, un impiego a supporto della Dogana Sud per il controllo delle frontiere, fino a giungere al trasporto di acqua dal lago di Lugano a Mendrisio con la necessità di renderla potabile. Si tratta di alcuni degli scenari emergenziali di esercitazione che saranno al centro dell’operazione Odescalchi 2022. Nell’arco di un’intera settimana – dal 13 al 19 giugno –, in Ticino e nelle regioni della provincia di Varese sul confine, saranno coinvolti militari attivi nei battaglioni della Divisione territoriale 3; donne e uomini delle Organizzazioni regionali della Protezione civile; agenti della polizia cantonale, pompieri e soccorritori della Federazione cantonale ticinese servizi ambulanze, in collaborazione con i loro omologhi italiani.

L’esercitazione ha lo scopo di affinare le competenze e la conoscenza reciproca nell’ambito dell’aiuto militare e civile in caso di catastrofe. Una prima edizione si era già svolta nel 2016 nel Mendrisiotto e nella provincia di Como. Allora esercito e partner della protezione della popolazione svizzeri e italiani sono stati sollecitati per il deragliamento sotto la galleria di Monte Olimpino 2 di un treno diretto a Milano con conseguente incidente chimico alla stazione di Chiasso, uno scenario con decine di morti e centinaia di feriti che ha visto l’impiego di una moltitudine di soccorritori.

Durante la presentazione avvenuta alla Centrale cantonale d’allarme a Bellinzona, il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi, partendo da fatti concreti come il vasto incendio boschivo divampato a fine gennaio sopra l’Alpe di Neggia, ha sottolineato come la possibilità di attivare in modo immediato la controparte su un versante o l’altro tra Svizzera e Italia in caso di catastrofe sia vitale per un intervento incisivo per proteggere la popolazione dei due Paesi. Dal canto suo il divisionario Lucas Caduff ha ricordato la possibilità del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (Ddps) di decidere, su richiesta del Dipartimento federale degli affari esteri, impieghi di soccorsi urgenti da parte di piccoli distaccamenti dell’esercito nell’ambito dell’aiuto in caso di catastrofe all’estero. Un’organizzazione performante e soldati allenati in grado di assolvere i compiti richiesti – ha evidenziato Caduff – si ottengono proprio con operazioni di questo tipo che presentano scenari verosimili su cui esercitarsi in modo appropriato per far fronte a situazioni di crisi che si possono verificare realmente. Stefano Laffranchini, sostituto comandante della Divisione territoriale 3, e Ryan Pedevilla, capo della Sezione del militare e della protezione della popolazione, hanno invece presentato nel dettaglio gli scenari di intervento e di collaborazione che saranno realizzati nel corso di tutta la settimana, specificando l’ingaggio della parte militare svizzera e italiana e quello di tutti i partner attivi sui due versanti del confine.

L’imponente impiego di personale e mezzi – è stato annunciato – avrà pure una concretizzazione di carattere politico, ovvero la firma di un nuovo protocollo d’intesa tra i Cantoni Ticino, Vallese, Grigioni e le Province italiane di confine nell’ambito di una sempre migliore pratica d’impiego italo-svizzera in caso di catastrofe. Il documento verrà sottoscritto venerdì 17 giugno a Pollegio.

Esposizione dell’esercito

Dal 15 al 19 giugno, in concomitanza con l’operazione Odescalchi 2022, le formazioni dell’esercito svizzero, gli enti di primo intervento e gli alpini dell’esercito italiano si presenteranno alla popolazione con un’esposizione all’aeroporto militare di Locarno-Magadino. Sarà possibile visitare i diversi stand espositivi, ma anche assistere all’esibizione della fanfara militare della Divisione territoriale 3, alle evoluzioni della pattuglia acrobatica PC-7 Team, dei paracadutisti dell’esercito e alle prestazioni dei cavalli e dei cani del centro di competenza del servizio veterinario e degli animali dell’esercito.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved