trasporti-sara-assorbita-solo-parte-della-crescente-domanda
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
6 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
7 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
8 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
9 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
9 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
9 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
10 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
10 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
Grigioni
10 ore

Grono, chiusura notturna della H13 Strada Italiana

Da lunedì 18 luglio a mercoledì 20 luglio dalle 22 alle 5 la tratta rimarrà chiusa alla circolazione per i lavori alla chiesa San Bernardino
Mendrisiotto
11 ore

Mendrisio al lavoro per ridurre l’edificabilità

Sui Piani regolatori il Municipio intende giocare d’anticipo. Con l’obiettivo di tutelare i comparti sensibili
Ticino
11 ore

Insieme a luglio arrivano i radar

La polizia comunica in quali località verranno effettuati settimana prossima i controlli della velocità mobili e semi-stazionari.
Luganese
11 ore

Plan B Lugano, il governo: ‘Rischio ridotto di riciclaggio’

Rispondendo a un’interrogazione, il Consiglio di Stato smorza le preoccupazioni in virtù della natura locale delle transazioni in criptovalute
16.05.2022 - 19:19
Aggiornamento: 19:40

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’

Saranno in grado, gli utenti della mobilità, di adeguare le proprie abitudini cogliendo le opportunità offerte dalla rivoluzione dei trasporti pubblici e dai progressi della mobilità lenta? È disposta, la società, ad adottare nuovi modelli e orari per l’organizzazione del lavoro, la formazione, lo svago e gli acquisti? Oppure si prospetta un futuro di attesa intrappolati nelle numerose colonne della rete viaria? A chiederselo è un recente studio pubblicato dall’Ustat sull’‘Evoluzione della domanda di trasporto di persone in Svizzera e in Ticino’ a firma di Riccardo De Gottardi. Interrogativi a cui solo il tempo potrà dare risposta. Nel frattempo l’analisi fornisce alcune indicazioni sulle tendenze di fondo e i ritmi di sviluppo dei differenti vettori di trasporto.

In 15 anni raddoppio del trasporto pubblico

Nel periodo tra 2004 (inaugurazione Tilo) e 2020, emerge nel cantone una crescita del trasporto pubblico su ferrovia e gomma "molto rapida", con la domanda più che raddoppiata. All’origine di questo notevole sviluppo, si legge nello studio, è "indubbiamente il netto miglioramento dell’offerta in termini di frequenza e qualità del servizio". Nello stesso periodo il parco delle automobili è cresciuto da 191mila a 223mila unità, ossia del 16,4%, conoscendo tuttavia un regresso a partire dal 2018, con la perdita di circa 2’900 unità. A influire, verosimilmente, il calo della popolazione registrato in Ticino dal 2017 (-3’400 abitanti), le difficoltà economiche e una modifica delle abitudini degli utenti grazie alla maggior attrattività dei trasporti pubblici. Drastica è stata la contrazione della domanda complessiva di trasporto nell’anno pandemico 2020: in Ticino, il settore dei trasporti pubblici ha subito una caduta del 24,1%, mentre per la circolazione stradale la riduzione è stata del 23%.

Sviluppi sul piano nazionale e cantonale

Lo studio prova poi a interrogarsi su come si svilupperà la domanda di trasporto in futuro. Con l’incognita degli effetti innescati dalla pandemia e dell’influenza degli sviluppi tecnologici, recentemente la Confederazione ha pubblicato quattro nuovi scenari con orizzonte 2050. Quello di "base", che costituisce il riferimento per le linee direttrici dello sviluppo delle infrastrutture della Confederazione, ipotizza un incremento complessivo della domanda nell’ordine dell’11% rispetto all’anno di riferimento del 2017, declinato in modo differenziato secondo il vettore di trasporto: +29% per i trasporti pubblici, +47% per la mobilità ciclo-pedonale e +3% per il traffico motorizzato individuale. Per quanto riguarda il Ticino, le ipotesi si orientano su quelle federali, anche se a incidere in modo divergente potrebbero essere le tendenze alla diminuzione della popolazione e della motorizzazione (da confermare), e nella direzione opposta l’incremento finora osservato dei flussi transfrontalieri. Siamo pronti?

Con l’apertura della galleria di base del Ceneri e il potenziamento generale delle prestazioni ferroviarie e dei servizi di trasporto su gomma, "il cantone dispone di una rete di elevata qualità", con degli effetti la cui portata reale si mostrerà nei prossimi anni. A tale potenziamento se ne stanno per aggiungere altri, con una serie di opere che toccano le infrastrutture ferroviarie, dalla prima tappa del tram-treno del Luganese alla fermata Bellinzona-piazza Indipendenza, ai nuovi nodi intermodali. Passando al campo della mobilità dolce (bici e spostamenti pedonali), "il ritardo accumulato rispetto ad altre realtà d’Oltralpe è ancora grande". Tuttavia nei prossimi anni i programmi in fase di realizzazione nei quattro agglomerati del cantone "aiuteranno a colmare diverse lacune". Sul fronte della circolazione, la terza corsia tra Lugano sud e Maroggia-Melano e il collegamento autostradale tra Bellinzona e Locarno sono musica ancora lontana. Per la limitazione e razionalizzazione del traffico, invece, diversi sono i programmi e gli incentivi in corso d’opera (car sharing, car pooling, mobilità aziendale), con introduzione nel 2025 della tassa di collegamento.

Stando alle conclusioni dello studio, sussiste però un importante problema. Ovvero che l’ammontare e la progressione dei costi e dei tempi necessari per realizzare nuove grandi opere hanno assunto dimensioni molto rilevanti e questa tendenza non consentirà di disporre per il prossimo ventennio di nuove infrastrutture di rilievo. Per cui gli investimenti in corso assorbiranno una parte della crescita della domanda di trasporto dell’immediato futuro, "ma non potranno che fornire un viatico parziale". Con gli interrogativi citati all’inizio che rimangono pendenti, per gli anni a venire "c’è una sola certezza: occorre gestire al meglio gli impianti esistenti e quelli accessibili a breve".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
investimenti tendenze ticino trasporti ustat
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved