ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
19 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
20 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
1 gior

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
1 gior

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
1 gior

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
1 gior

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
19.04.2022 - 19:15
Aggiornamento: 20:47

Corruzione, tredici condanne negli ultimi dieci anni

Il Consiglio di Stato risponde all’interrogazione di Matteo Quadranti (Plr) su Amministrazione cantonale e lotta alle bustarelle

corruzione-tredici-condanne-negli-ultimi-dieci-anni
Prevenzione e repressione (Ti-Press)

Negli ultimi dieci anni sono state tredici le condanne per reati di natura corruttiva. Lo indica il Consiglio di Stato – aggiungendo che "a conoscenza del Dipartimento istituzioni non risultano casi comprovati di corruzione connessi con organizzazioni criminali" – nella risposta all’interrogazione del deputato liberale radicale Matteo Quadranti intitolata ‘Lotta alla corruzione nell’Amministrazione cantonale: a che punto siamo?’. L’atto parlamentare traeva spunto dal rapporto di attività, di cui ha preso atto il Consiglio federale lo scorso settembre, del Gruppo di lavoro interdipartimentale (Glid) per la lotta alla corruzione relativo al periodo 2018-2020, durante il quale il Glid ha elaborato la strategia anti-mazzette del governo per il 2021–2024. Un altro "importante" traguardo raggiunto del Gruppo di lavoro è stata la creazione, nel novembre 2018, della Rete d’informazione della Confederazione e dei Cantoni sul tema della corruzione: rete che viene gestita "in collaborazione con la Conferenza dei governi cantonali" e che offre "una piattaforma per lo scambio regolare di esperienze e di buone pratiche con le amministrazioni cantonali", spiegava a suo tempo l’Esecutivo federale.

‘È tra le nostre priorità’

Torniamo al Ticino. In termini generali, scrive il Consiglio di Stato, la lotta alla corruzione in seno all’Amministrazione cantonale "rientra tra nostre le priorità". D’altronde, da noi come negli altri Cantoni e nell’Amministrazione federale, "la qualità delle istituzioni e una sana e corretta gestione governativa e amministrativa rappresentano i fattori chiave affinché il cittadino possa continuare a riporre nelle istituzioni pubbliche la massima fiducia". La prevenzione "passa in primo luogo da un controllo vigile e attento da parte del funzionario dirigente, dalla messa in pratica di un sistema di controllo interno su processi e procedure di un servizio e da un’attenta valutazione dei rischi di un determinato Ufficio o servizio, e in questo senso i funzionari dirigenti sono in prima linea su questi ambiti specifici di controllo e vigilanza – si assicura nella risposta all’interrogazione di Quadranti –. Seguono poi le istanze di controllo istituzionale da parte dei servizi centrali dell’Amministrazione, che intervengono però, e sempre, in seconda o terza battuta, e in particolare sono preposti ai controlli finanziari". Tuttavia, rileva il governo cantonale, "nonostante le misure messe in atto e la generale grande correttezza dei collaboratori dell’Amministrazione cantonale (prova ne sono i pochi casi riscontrati negli ultimi due decenni), nella pratica l’integrità del funzionario può essere messa alla prova in qualsiasi momento, e la corruzione, a differenza di altre frodi, quali ad esempio malversazioni, furti o appropriazione indebita, difficilmente viene alla luce con i metodi di controllo tradizionali sulla tenuta della contabilità e dei conti, in quanto genera flussi finanziari esterni all’Amministrazione, e quindi non rintracciabili dai servizi preposti ai vari controlli".

Diritto di segnalazione e Codice di comportamento

Il gruppo ‘analisi rischi’, costituito dal Consiglio di Stato nel 2017 con l’incarico di elaborare una mappatura dei principali macro rischi presenti nei servizi dell’Amministrazione cantonale, ha fatto una serie di proposte, che "in parte si sono incrociate con i temi trattati dalla Rete d’informazione della Confederazione e dei Cantoni" sul tema della corruzione. "Il Gruppo intercantonale – annota ancora il governo – ha identificato, quali misure più efficaci a contrastare il rischio di corruzione, il diritto di segnalazione e protezione del denunciante e il codice etico o di comportamento del funzionario". Misure che sono state introdotte, ed entrate in vigore agli inizi di quest’anno, "nella realtà dell’Amministrazione cantonale, dando così seguito anche alle proposte scaturite dal gruppo di lavoro analisi rischi", evidenzia il Consiglio di Stato. Si tratta da un lato delle modifiche normative, in primis della Legge sull’ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti (Lord), che il Gran Consiglio ha approvato lo scorso dicembre, introducendo così il diritto del dipendente di segnalare presunte irregolarità all’interno della pubblica amministrazione, senza il timore, se ha agito in buona fede, di subire ritorsioni sul piano professionale. E dall’altro lato del ‘Codice di comportamento per i dipendenti dell’Amministrazione cantonale’ messo a punto dal Consiglio di Stato.

"L’adozione del diritto di segnalazione e del Codice di comportamento – puntualizza il governo rispondendo a Quadranti – non possono ridurre completamente il rischio di corruzione, ma hanno il pregio, per quanto riguarda il Codice di comportamento, di rendere attento il funzionario ricordando quali sono le regole e i comportamenti ai quali attenersi, mentre con la segnalazione vi è la possibilità di venire a conoscenza di eventuali situazioni non conformi che potrebbero venirsi a creare".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved