ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
28 min

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
2 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
2 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
2 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
3 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
3 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
3 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
Bellinzonese
3 ore

Comizio distrettuale del Plr di Bellinzona a Giubiasco

Appuntamento con i candidati del distretto per sabato 11 febbraio alle 11 al Mercato coperto
Ticino
3 ore

Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale

La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13.30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
Bellinzonese
3 ore

Fatturato record nel 2022 per Interroll: crescita del 4%

Buon risultato per l’azienda di Sant’Antonino. Malgrado un sensibile calo di nuove commesse, c’è ottimismo per l’anno in corso
Mendrisiotto
9 ore

Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food

Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
9 ore

La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’

Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
17 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
laR
 
16.04.2022 - 05:30

‘Formazione logopedisti, trovare e incentivare altre modalità’

Il deputato del Plr Aron Piezzi con una mozione torna sul problema dei bambini con disturbi specifici dell‘apprendimento: ’Servono più professionisti’

formazione-logopedisti-trovare-e-incentivare-altre-modalita
Ti-Press
‘Occorre fare di più’

"Sempre più bambini sono affetti da disturbi specifici dell’apprendimento, ma ci sono sempre meno logopedisti". A denunciarlo è il deputato del Plr Aron Piezzi, che con una mozione inoltrata al Consiglio di Stato traccia l’obiettivo dei liberali radicali per tentare di risolvere un problema che colpisce molti ragazzi di ogni età e le loro famiglie. La prima richiesta al governo è di "individuare nuove modalità formative per incentivare la professione di logopedista e per aumentare il numero di professionisti, affrontando quindi di petto un problema reale e diffuso capillarmente nel territorio cantonale". La seconda, è che il tutto si svolga "sviluppando sinergie e collaborazioni tra i nostri centri di formazione (Supsi e scuole medico superiori) e le Università d’Oltralpe nella formazione di logopedisti attraverso, ad esempio, la formazione a distanza. Anche abbinandola alla pratica professionale a tempo parziale".

Il gruppo di lavoro? Un po’ poco

Non è la prima volta che il Plr si occupa del tema. "Già un anno fa il deputato Alessandro Cedraschi aveva sollevato il problema della carenza di professionisti in grado di seguire i bambini con disturbi specifici dell’apprendimento", ricorda infatti Piezzi. Tuttavia, "da allora non sembra ci siano stati miglioramenti. E senza rapidi e puntuali interventi la situazione non potrà che peggiorare". Vero, come concesso anche dal deputato liberale radicale è stato creato un gruppo di lavoro (a seguito di una mozione dei granconsiglieri Ppd Fonio e Dadò), ma l’impressione è che in casa Plr sia considerato un po’ poco.

"Il problema è molto sentito - rincara infatti Piezzi -, da nostre informazioni lo stesso è diffuso in parecchie realtà territoriali ticinesi, sottodotate in rapporto alle reali esigenze. Sembrerebbe inoltre che la carenza di professionisti non si manifesti unicamente nel settore pubblico, ma pure nel privato".

Nel suo atto parlamentare il granconsigliere del Plr cita esplicitamente un recente approfondimento de ‘laRegione’, asserendo che "appare evidente come il problema stia causando non poche preoccupazioni a famiglie, docenti e pediatri; e soprattutto ai bambini". Infatti, sempre citando il nostro articolo, Piezzi rimarca che "per accedere a una terapia c’è una lista d’attesa fino a cinque mesi, con lacune che si protraggono nel percorso di apprendimento dei bambini. Ricordiamo che questi ultimi, tra le diverse difficoltà, invertono lettere e numeri, rendendo problematica la lettura. Quindi leggere, scrivere o fare calcoli, nonostante sembrino processi scontati, per quasi un bambino su quattro non lo sono". Inoltre, "alcuni metodi d’insegnamento risultano poco efficaci per una mente dislessica".

‘La scuola si occupa del problema, ma troppo lentamente’

Non è una condanna senza appello, ci mancherebbe. "Non si vuole dire che la scuola non se ne stia occupando - riconosce il deputato Plr - ma che lo sta facendo troppo lentamente rispetto all’evoluzione del problema: i casi di bambini affetti da disturbi dell’apprendimento sono in continuo aumento in Ticino, anche nelle Scuole medie e nelle Scuole professionali; ciò significa che non si è riusciti a intervenire prima". Ogni anno "ci sono circa 500 decisioni emesse relativamente a misure dispensative e compensative prese nelle diverse scuole per casi di disturbo specifico dell’apprendimento. Questi bambini necessitano spesso di terapie molto intensive per alleviare questo problema, attraverso almeno una seduta a settimana; attualmente, per contro, riescono a farne a malapena una ogni due settimane a causa della carenza di logopedisti".

E siamo al punto. Perché "la formazione di nuovi logopedisti è un percorso a ostacoli che svaria dalla lingua alla burocrazia, e non rende abbastanza attrattiva questa formazione". Formazione specifica che addirittura "in Ticino non esiste". Un problema cui se ne sommano altri, dal momento che "anche immaginando di attrarre professionisti dall’estero gli ostacoli non diminuiscono, perché a titolo d’esempio la formazione svolta in Italia non è riconosciuta nel nostro Cantone, essendo una formazione medico-sanitaria e non strettamente pedagogica". Il problema c’è ed è di difficile risoluzione, "ma ciò non deve diventare un alibi per evitare di trovare altre strade per formare nuovi logopedisti". Come, infatti, viene chiesto al governo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved