si-al-riconoscimento-della-lingua-dei-segni-nella-costituzione
laRegione
Una ventina le persone con disabilità che hanno assistito al voto dalle tribune
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
27 min

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
4 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua - già rientrati - non toccavano due importanti ditte
Ticino
15 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
16 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
17 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
18 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
21 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
1 gior

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
1 gior

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
1 gior

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
1 gior

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
1 gior

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
1 gior

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
1 gior

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
1 gior

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
11.04.2022 - 18:42
Aggiornamento : 19:14

Sì al riconoscimento della lingua dei segni nella Costituzione

Il Gran Consiglio dà il via libera unanime alla mozione di Ghisletta (Ps), ultima parola al popolo. Nötzli (Federazione sordi): ‘Commossa e soddisfatta’

Applausi in aula, felicità immensa nelle tribune del pubblico e tanti occhi lucidi. Come quelli di una commossa Alexandra Nötzli, direttrice regionale della Federazione svizzera dei sordi (Sgb-Fss), che assieme a una ventina di persone con disabilità, tra cui anche dei sordi, ha appena assistito al voto unanime con cui il Gran Consiglio ha approvato l’inserimento nella Costituzione cantonale del riconoscimento della lingua dei segni italiana e dei diritti delle persone con disabilità. Raggiunta dalla ‘Regione’ per un commento a pochi istanti dal via libera del parlamento, con soddisfazione afferma che «è davvero un effetto da pelle d’oca, mi sento davvero benissimo». Non se lo aspettava un sostegno così forte? «No, non me lo aspettavo – replica la responsabile per la Svizzera italiana della Sgb-Fss –, mi aspettavo due voti contrari dall’Udc, ma non sono arrivati, come non ci sono state neanche astensioni. Sono molto contenta».

Inevitabile davanti a un successo così importante, la memoria va indietro a tutto il percorso fatto per raggiungere questo risultato: «La tensione oggi era davvero alta, perché i preparativi sono cominciati cinque anni fa quando siamo partiti con il lavoro di sensibilizzazione e sono iniziati i primi scambi di idee con alcuni politici. Ed è iniziata pure la collaborazione con Raoul Ghisletta». E un motivo di orgoglio è che «finalmente ci è stata data la possibilità di parlare. Non soltanto a me, ma anche a persone direttamente interessate. Un fatto molto positivo, perché c’è molta più concretezza quando a esprimersi sono loro».

Il mozionante Ghisletta (Ps): ‘Giorno importante ed emozionante’

Un voto unanime, quello del Gran Consiglio. Di «giorno importante ed emozionante» parla anche il mozionante, Raoul Ghisletta (Ps). Per il deputato socialista si tratta di «un passo decisivo per raggiungere il ristretto numero di cantoni che riconoscono nella costituzione una lingua dei segni nazionale, e anche per migliorare il loro accesso a istituzioni, servizi socio sanitari, formazione, mondo del lavoro». Questo perché «si riconosce il principio dell’autonomia e l’inclusione delle persone con disabilità nell’ambito sociale, della formazione, professionale, politico, sportivo, culturale».

La relatrice Gendotti (Ppd): ‘Un riconoscimento fondamentale’

Gli fa eco la relatrice del rapporto commissionale, la popolare democratica Sabrina Gendotti, secondo la quale «la lingua dei segni è lingua a sé, equivalente a lingua parlata. In Svizzera per circa 10mila audiolesi è la prima lingua, il suo riconoscimento è fondamentale». Nel 2014, ricorda Gendotti, «la Svizzera ha ratificato la Convenzione dell’Onu per i diritti delle persone con disabilità, impegnandosi a eliminare gli ostacoli che incontrano i disabili, proteggerli dalle discriminazioni, promuovere le pari opportunità e l’entrata nella società civile». Ma nonostante ciò «esistono ancora barriere architettoniche, come le discriminazioni sul lavoro e altri problemi». Inserire nella Costituzione questo articolo è lo «step successivo di un lungo e tortuoso percorso che ha come obiettivo l’inclusione nella società. L’ultimo passo sarà traslare il tutto nelle leggi di applicazione cantonale, compito che il governo ha già indicato di voler svolgere».

Questo riconoscimento per Roberta Passardi «è un crocevia storico per la piena inclusione dei sordi e per l’abbattimento delle barriere alla comunicazione, per l’accessibilità, per la libertà di scelta linguistico-comunicativa dei sordi e primo passo per garantire tutti i loro diritti alla cittadinanza». E dimostra pure, prosegue Passardi, quanto «la lingua dei segni ha un forte senso di appartenenza e identità, sofferenze e ingiustizie subite in passato sono anche conseguenza della svalutazione di questo importante punto di partenza. La partecipazione a pieno titolo a una società eterogenea arricchisce una Svizzera aperta».

Per il Ppd Maddalena Ermotti-Lepori pone l’accento sul fatto che «l’inclusione delle persone disabili è un obiettivo di civiltà, anche per quanto riguarda l’accesso alla formazione nella loro lingua madre, quella dei segni, per i bambini sordi».

Forini (Ps e Pro Infirmis): ‘Diritto all’autodeterminazione per tutti i cittadini’

«Felice ed emozionato» è il deputato Ps e direttore cantonale di Pro Infirmis Danilo Forini. Perché «si tratta del diritto a vivere una vita autonoma e all’autodeterminazione per tutti i cittadini». La disabilità, insiste Forini, «non nasce solo da una mancanza dell’individuo, ma anche dal contesto. Basti pensare alle barriere architettoniche, che rendono impossibile muoversi a molte persone». Non solo. «Una delle caratteristiche della disabilità è l’invisibilità, ma essere inclusi nella società e nella vita in generale non è come iscriversi a un club privato: quello che facciamo oggi è un cambio di approccio davvero notevole e di cui sono fiero e orgoglioso».

È un sì molto meno entusiasta degli altri quello dell’Udc, che con Roberta Soldati riconosce che «abbattere ogni barriera che possa impedire la comunicazione di persone con problemi uditivi significa permettere loro di partecipare attivamente alla vita comunitaria e politica», ma i democentristi ritengono che «non si debbano attendere le tempistiche dell’entrata in vigore di questo articolo costituzionale, non siamo privi di strumenti legislativi a sostegno di questo obiettivo e a volte bastano buona volontà e buon senso».

«Le persone sorde o con deficit uditivo sono innanzitutto persone e hanno diritto di esistere, essere membri attivi della vita pubblica, privata, culturale, formativa e lavorativa» afferma per i Verdi Samantha Bourgoin. Votare questo riconoscimento e in generale i diritti di persone con disabilità «è un semplice segno di civiltà, accoglienza, del riconoscere all’altra o all’altro il semplice diritto di esistere e di essere autonomo. Dovrebbe essere scontato, non lo è ancora, quindi ben venga il suo inserimento nella Costituzione cantonale».

Per Tamara Merlo (Più donne) «di fronte alla disabilità è compito di ognuno eliminare o ridurre ostacoli che impediscono o limitano il diritto di essere cittadine e cittadini con pienezza», mentre la comunista Lea Ferrari spiega che con questo voto il Gran Consiglio fa fare «un passo da giganti, ma lunga è la strada della sensibilizzazione e tanta è ancora la strada da fare. Con rispetto e ascolto avremmo già abbattuto la metà degli ostacoli tra udenti e non udenti».

De Rosa (Dss): ‘Un vero cambio di paradigma’

Di «vero, autentico cambio di paradigma» parla il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa. Nel senso che «con questo articolo costituzionale la persona con disabilità non sarà più chiamata a doversi adeguare ai mezzi di comunicazione degli enti pubblici, ma saranno questi ultimi a dover garantire un’adeguata comunicazione». Con la proposta di modifica costituzionale sarà anche il popolo a esprimersi, e questa per De Rosa «è un’occasione privilegiata per coinvolgere la popolazione intera e farla riflettere su questo tema specifico: l’inclusione e la parità nell’esercizio dei diritti fondamentali della persona, quali ad esempio il diritto all’accesso all’informazione». Insomma, per il direttore del Dss si tratta di «un segnale politico molto forte in favore delle pari opportunità, dell’inclusione, della partecipazione e dell’accessibilità».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
costituzione disabilità gran consiglio sordi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved