energia-e-materie-prime-economia-sempre-piu-preoccupata
Ti-Press
Un quadro a tinte fosche
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
12 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
16 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
18 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
20 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
20 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
2 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
2 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
2 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
2 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
laR
 
01.04.2022 - 05:25
Aggiornamento: 16:36

Energia e materie prime, economia sempre più preoccupata

Modenini (Aiti): ‘Costi su per chi si approvvigiona sul libero mercato’. Albertoni (Cc): ‘Posti a rischio nel medio-lungo termine’. Si muove la politica

«La maggior parte ha in essere contratti di fornitura firmati tempo addietro e quindi non è toccata dal recente aumento dei prezzi dell’energia. Per ora. Perché un buon numero di questi contratti scadrà nell’anno in corso o il prossimo. Pertanto il problema si manifesterà quando bisognerà rinnovare i contratti: a quel punto magari i prezzi saranno più bassi di quelli odierni, ma quasi certamente saranno più alti di quelli fissati con gli accordi stipulati all’epoca – dice Stefano Modenini alla ‘Regione’ –. Ci sono poi delle aziende, poche, che hanno scelto di andare sul mercato libero per acquistare, da fornitori dunque non locali, bensì di altri Paesi, l’energia giorno per giorno o mese per mese: queste imprese sono oggi completamente esposte ai rincari, con salassi non indifferenti». La situazione sintetizzata dal direttore dell’Associazione industrie ticinese è quella restituita dal sondaggio che la stessa Aiti ha appena condotto presso le proprie associate – duecentoventi imprese – su presente e prospettive riguardanti l’approvvigionamento energetico. Di quell’energia che permette al settore di lavorare. Le ditte che hanno optato per il libero mercato «sono meno del dieci per cento delle industrie affiliate all’Aiti – riprende Modenini –. E a causa dell’incremento dei prezzi energetici hanno già visto lievitare i costi aziendali mediamente di circa il dieci per cento, il che non è poco». C’è il caro energia, presente già prima della guerra in Ucraina, ma c’è anche la questione approvvigionamento. «Il fatto di aver sottoscritto o di sottoscrivere contratti per più anni non garantisce in maniera assoluta di questi tempi l’approvvigionamento necessario a soddisfare il fabbisogno, delle imprese ma anche delle economie domestiche, soprattutto durante l’inverno – avverte il direttore dell’Associazione industrie –. Nel nostro cantone abbiamo un’importante produzione di energia elettrica attraverso l’idroelettrico, è però chiaro che senza le giuste condizioni climatiche, senza cioè precipitazioni sufficienti, produrre l’energia necessaria diventa piuttosto difficile».

Arriva l’interpellanza

Un quadro a tinte fosche. Che preoccupa anche la politica. Con un’interpellanza appena depositata i capigruppo in Gran Consiglio di quattro partiti – il popolare democratico Maurizio Agustoni (primo firmatario), il leghista Boris Bignasca, la liberale radicale Alessandra Gianella e il democentrista Sergio Morisoli – chiedono al Consiglio di Stato se sia a conoscenza di aziende che in Ticino "rischiano a breve termine di dover sospendere la produzione o che rischiano addirittura il fallimento a causa dell’esponenziale aumento dei prezzi energetici"; se abbia quantificato "le imprese colpite a breve termine dagli incrementi di prezzo"; se "di fronte a questa repentina evoluzione e alla minaccia di chiusura di realtà che generano posti di lavoro sul nostro territorio" abbia valutato o stia valutando la possibilità "di trovare una forma di aiuti in casi eccezionali e giustificati, per esempio nella forma di prestiti, e per permettere alle imprese colpite di trovare contromisure per adattarsi alla nuova realtà a medio-lungo termine". Chiedono inoltre al governo quali possano essere "le tempistiche per varare aiuti concreti e mirati per imprese a rischio di chiusura o che dovranno sospendere la produzione".

Si attendono le risposte del Consiglio di Stato. «Conseguenze per posti di lavoro? Non si può escludere nulla a medio-lungo termine, tuttavia l’occupazione è un fattore indispensabile per l’azienda – evidenzia Modenini –. I posti di lavori quando vengono messi in discussione è perché c’è un problema generale, non solo legato ai costi energetici». Secondo il direttore dell’Aiti, «la priorità numero uno è che le aziende che si apprestano a rinnovare i contratti di fornitura lo facciano cercando di concordare prezzi non eccessivi». Lo Stato, dal canto suo, «deve occuparsi incessantemente della questione approvvigionamento. Va tra l’altro ampliato il ricorso alle energie rinnovabili, favorendo per esempio gli investimenti nell’energia solare. Anche l’opzione nucleare deve essere riconsiderata, prolungando di dieci, vent’anni la vita delle centrali esistenti. Ed è auspicabile una riduzione dei tempi burocratici per aumentare l’altezza delle dighe». In poche parole, sottolinea Modenini, «è fondamentale evitare il blocco delle attività che rischierebbe di mettere fuori mercato delle aziende per sempre». Nel breve termine «non ho grandissimi timori, ma nel medio-lungo periodo e soprattutto se il conflitto in Ucraina andrà avanti, il rischio per i posti di lavoro purtroppo c’è». La preoccupazione del direttore della Camera di commercio ticinese Luca Albertoni è evidente davanti al forte rincaro dell’energia, ma ancor di più perché a suo avviso «si tratta di una miscela esplosiva, dal momento che il costo dell’approvvigionamento energetico va a inserirsi sulla grandissima difficoltà che abbiamo nel reperire le materie prime». Aspetti che per Albertoni «non possono più essere disgiunti, sull’energia non si può più fare astrazione dal contesto». Perché sono rincari che «ovviamente preoccupano», ma se per l’energia si parla di incertezza «per quanto concerne molte materie prime purtroppo siamo allo step successivo, alla certezza che non ne avremo». Con ripercussioni pesanti. «Nelle ultime settimane alcune aziende si sono fermate, soprattutto nell’industria, nell’artigianato e nell’edilizia» spiega Albertoni. Insomma, il settore secondario sta annaspando: «Basti pensare all’acciaio, prodotto soprattutto in Russia, Bielorussia e Ucraina, o al litio per le batterie o al palladio la cui mancanza sta facendo soffrire molto l’industria orologiera», rileva il direttore della Camera di commercio. Possibili soluzioni? Poche. «La situazione è molto delicata: non si può intervenire a livello locale come con mascherine e distanziamento durante la pandemia, adesso dipendiamo talmente dal contesto internazionale che non abbiamo alcuna influenza su penurie e rincari», afferma Albertoni. Per il quale «la strada maestra sarà tornare a usare il lavoro ridotto, Berna è già sull’attenti per regolare un accesso facilitato e alcune aziende hanno già detto che inoltreranno presto la domanda». Uno strumento, questo, «che sarà fondamentale per salvare i posti di lavoro, ma nella speranza che questa guerra non duri ancora a lungo. Perché i tempi per diversificare le importazioni sono molto lunghi e sono vie di difficile percorrenza».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
energia luca albertoni russiaucraina stefano modenini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved