ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
3 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
3 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
3 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
3 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
4 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
4 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
31.03.2022 - 11:46
Aggiornamento: 14:43

Parità salariale garantita nell’amministrazione cantonale

L’analisi interna mostra un gap salariale fra uomini e donne dell’1,9%, al di sotto della soglia del 5% che indica una disparità salariale sistematica

a cura de laRegione
parita-salariale-garantita-nell-amministrazione-cantonale
Ti-Press

Nell’Amministrazione cantonale la parità salariale fra donne e uomini è garantita. Lo conferma l’analisi interna, il cui risultato mostra una differenza salariale fra i due generi pari all’1,9%, valore che si colloca al di sotto della soglia di tolleranza del 5% prevista dal metodo di analisi applicato.

La parità salariale, scrive l’esecutivo cantonale, "è una preoccupazione importante per il Consiglio di Stato". Un’analisi interna al riguardo è già stata svolta nel 2014 e nel 2016 il Cantone Ticino è stato tra i primi cantoni firmatari della "Carta per la parità salariale nel settore pubblico". L’analisi è stata ripetuta dal Consiglio di Stato in quanto la modifica della Legge federale sulla parità dei sessi (art. 13a - 13i, LPar), in vigore dallo scorso 1° luglio 2020, l’ha resa obbligatoria per i datori e le datrici di lavoro con almeno 100 dipendenti, che sono altresì tenuti a comunicare i risultati entro giugno 2023.

Il risultato, validato dal Controllo cantonale delle finanze in qualità di organo esterno di revisione accreditato dalla Confederazione, mostra, come detto, che le donne guadagnano mediamente l’1,9% in meno degli uomini. Valore che, collocandosi al di sotto della soglia di tolleranza del 5% prevista dallo strumento di analisi, dimostra che non è stata individuata alcuna disparità salariale sistematica. Sul risultato incidono le indennità per picchetti, lavoro notturno e festivo che sono versate per attività in cui gli uomini sono maggiormente rappresentati (in particolare per quanto concerne gli operai e gli agenti di polizia). L’inclusione di queste indennità incide per lo 0,7% (sul valore complessivo dell’1,9%) ciò che non è tanto dovuto a una disparità salariale, ma piuttosto a una diversa propensione dei due generi a occupare posizioni in attività che danno diritto a delle indennità.

La verifica si è svolta tramite lo strumento di analisi standardizzato Logib, messo a disposizione dalla Confederazione e riconosciuto quale metodo scientifico e conforme al diritto. Tramite una regressione statistica il metodo consente di individuare eventuali disparità salariali non imputabili a caratteristiche individuali (livello di formazione, anzianità di servizio, potenziale esperienza professionale) o relative al posto di lavoro (livello di competenza e posizione professionale) e quindi potenzialmente discriminanti.

Quanto emerso, conclude il Consiglio di Stato, dimostra che il modello salariale e la sua applicazione ai dipendenti dello Stato non comporta delle discriminazioni sistematiche basate sul genere e conferma che lo Stato garantisce il principio costituzionale per cui donne e uomini hanno diritto a un salario uguale per un lavoro di uguale valore (art. 8 cpv. 3 Costituzione).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved