ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
7 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
19 ore

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
19 ore

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
19 ore

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
1 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Locarnese
1 gior

Lento fumo, due argenti nazionali per Paolo Dova

L’esponente del Gruppo ‘PipapassioneTuri’ di Minusio si è distinto al 47° Campionato svizzero svoltosi nel Canton Zurigo
Luganese
1 gior

Un credito supplementare per la rotatoria al Piano della Stampa

Il Municipio di Lugano chiede oltre mezzo milione di franchi per una pista provvisoria che garantirà anche l’accesso al cantiere del Dsu
Mendrisiotto
1 gior

Valera verde, L’AlternativA: ‘Seguiremo con occhio vigile’

Verdi e Sinistra insieme: ‘Il fondovalle del Mendrisiotto ha bisogno di questo polmone verde. Non molleremo la presa’
Ticino
1 gior

In pensione il caposezione Circolazione, bando per sostituirlo

L’avvocato Cristiano Canova lascerà la carica il 1° aprile 2023, dopo oltre 30 anni di servizio. Pubblicato il concorso per trovare il suo successore
Bellinzonese
1 gior

Incontro con Raffaele De Rosa a Lodrino

L’evento, organizzato dal Centro di Riviera, si terrà giovedì 29 settembre dalle 18 all’ex Vetreria
Ticino
1 gior

Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre

Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Grigioni
1 gior

La teleferica Arvigo-Braggio chiusa per controlli alle funi

L’esercizio dell’impianto presente nel comune di Calanca sarà sospeso lunedì 24 ottobre dalle 9 alle 11
Mendrisiotto
1 gior

Castel San Pietro, Progetto Monte: villaggio per tutte le età

Appuntamento per sabato 1º ottobre alle 9.15 in cui verranno presentati gli interventi. L’iscrizione al pranzo è obbligatoria entro il 23 settembre
29.03.2022 - 10:59
Aggiornamento: 17:00

Le bici elettriche restano il bottino più ambito

L’anno scorso in Ticino le denunce di furto di e-bike sono state 152, 25 in più rispetto al 2020. In calo le auto rubate (14)

le-bici-elettriche-restano-il-bottino-piu-ambito
Ti-Press
Guardia sempre alta

C’è lo zampino (anche) della pandemia nei dati relativi al numero di furti registrati nel nostro cantone nel 2021. La Sezione reati contro il patrimonio della Polizia cantonale negli scorsi mesi ha infatti riscontrato una sostanziale stabilità nel numero di casi. La progressione, riferisce la stessa Sezione, è stata tuttavia costante nel corso dell’anno e gli ultimi mesi hanno segnato cifre di poco inferiori alla situazione precedente l’emergenza da coronavirus.

I 3’499 furti registrati (di cui 576 di veicoli) rappresentano solo un lieve incremento dell’1,8% (+63 casi rispetto al 2020) e sono nettamente inferiori ai 4’540 registrati nel 2019. La progressione è stata tuttavia costante nel corso dell’anno e gli ultimi mesi hanno segnato cifre di poco inferiori alla situazione precedente l’emergenza da coronavirus. Escludendo i furti nei veicoli (-5%), quelli con scasso sono ulteriormente scesi a 683 (-21%), mentre quelli senza scasso sono aumentati a 1’905 (+14%). Le incursioni in case di abitazione sono scese dell’8,6% (788) e gran parte di queste è stata solo tentata.

Permangono numerosi i furti effettuati da bande di nomadi provenienti dall’Italia. In quest’ambito sono state arrestate o identificate 40 persone implicate in oltre 80 furti.

Recrudescenza di furti nelle zone industriali del Mendrisiotto

Tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 l’aumento dei furti nelle zone industriali del Mendrisiotto ha richiesto di mettere sul campo uno specifico dispositivo in collaborazione con l’Ufficio federale della Dogana e della Sicurezza dei Confini. L’inchiesta successiva al fermo di un cittadino albanese ha permesso di attribuirgli una trentina di furti commessi in banda. Si tratta di un recidivo già condannato nel 2009 per analoghi furti nel Cantone. Da vari anni una banda di scassinatori professionisti operava furti nei negozi di elettronica di tutta la Svizzera, con un illecito profitto complessivo superiore ai 300’000 franchi. L’indagine ha condotto gli inquirenti verso i Paesi Bassi, dov’è stato individuato e arrestato uno degli autori, permettendo poi l’identificazione dei complici. I taccheggi nei centri commerciali
fanno spesso capo a gruppi organizzati itineranti. Un’indagine ha visto coinvolto un gruppo attivo in tutta la Svizzera e proveniente dalla Romania che, attraverso grimaldelli modificati, apriva senza scasso le vetrine d’esposizione dei dispositivi elettronici di valore. I fermi
effettuati, sia in Ticino sia in altri cantoni, hanno permesso di recuperare parte della refurtiva.

A fine 2021 si è assistito a Novazzano al ritorno, dopo circa due anni, degli attacchi ai bancomat tramite esplosivo, fenomeno più frequente in Svizzera tedesca. I tre autori hanno raggiunto il luogo a bordo di un’automobile rubata e in poco tempo hanno piazzato e fatto detonare l’esplosivo. L’ultimo assalto di questo tipo era avvenuto nell’autunno del 2019 a Comano e in quell’occasione l’inchiesta aveva condotto al fermo dei sospettati in Austria, dove erano risultati coinvolti in fatti analoghi.

I furti di veicolo in Ticino sono stati 576 (-5%) rispetto ai 606 del 2020, solo 14 erano auto. Altre 36 vetture sono state rubate all’estero, in particolare in Italia. La categoria maggiormente colpita resta quella dei velocipedi con 320 furti, benché con un netto calo (-21%) rispetto ai 406 del 2020. Obiettivo sempre più attrattivo sono invece le biciclette elettriche, le cui denunce di furto sono salite a 152 (127 nel 2020).

Diverse sono state le attività d’indagine nel contesto dei veicoli rubati. In particolare si evidenzia il fermo di due autori, il primo in Svizzera, l’altro in Austria, in esecuzione di un mandato d’arresto internazionale emesso dalle autorità ticinesi. La coppia faceva parte di una vera e propria organizzazione criminale dedita all’acquisto di vetture in leasing tramite società bucalettere. I veicoli venivano in seguito trasferiti illegalmente all’estero e rivenduti, in particolare in Italia, Austria e Germania, per essere poi reimmatricolati con targhe straniere. L’indagine ha portato alla luce un importante traffico di autoveicoli (circa un centinaio) per un danno complessivo di oltre 5 milioni di franchi.

Ventidue i... falsi nipoti

Al capitolo truffa del falso nipote (o del falso conoscente/poliziotto), i tentativi di raggiro dello scorso anno sono stati 22. In un’occasione l’anziana vittima, residente in Ticino, ha consegnato nelle mani dei truffatori circa 690’000 franchi tra denaro contante e metalli preziosi.

Gli episodi di ‘rip-deal’ denunciati all’autorità sono stati 11, per un importo complessivo di 206’000 franchi, costituito in gran parte da denaro e orologi. Le indagini hanno portato all’arresto di 5 autori e all’identificazione di altrettante persone, tutti nomadi residenti in Italia.

Il fenomeno dello skimming si è drasticamente ridimensionato dopo che gli istituti finanziari hanno ampliato i sistemi di sicurezza, rendendo di fatto quasi impossibile la manipolazione dei bancomat. Le 16 denunce pervenute si riferiscono all’acquisizione illecita dei dati delle carte di credito, usate dal possessore all’estero o sul web. Altri modi per recuperare informazioni dalle carte derivano dai risultati di un’inchiesta nei confronti di un autore che, alla ricerca di dati personali, rovistava sistematicamente negli invii postali delle abitazioni. Raccolti i dati delle parti lese e spacciandosi per esse, contattava gli istituti di credito, e con le più disparate scuse chiedeva l’invio di nuove carte di credito. In alcuni casi sono state effettivamente spedite e intercettate dall’uomo negli invii postali recapitati al domicilio delle vittime.

Sul fronte del traffico di opere d’arte le inchieste hanno riguardato prevalentemente dipinti e statue, con riflessi anche internazionali. Tramite rogatoria, su richiesta della Procura della Repubblica del Tribunale di Prato, è stato possibile individuare a Lugano un importante dipinto di Giacomo Balla, esponente di spicco del Futurismo italiano, del valore stimato di 500’000 euro. Opera sottratta da un trust costituito a Prato, unitamente ad altri diciassette dipinti di artisti contemporanei, tuttora oggetto di ricerca. Tre persone sono state denunciate in Italia per esportazione illecita di opere d’arte e riciclaggio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved