ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
28 min

Scambio di auguri con la sezione Plr di Riviera

Appuntamento in programma mercoledì 7 dicembre alle 18 presso il ristorante Eurobar di Lodrino
Locarnese
1 ora

Sbanda e centra la Giudicatura di pace

Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
1 ora

Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’

La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
2 ore

Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri

Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
5 ore

Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’

Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
5 ore

Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino

Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
5 ore

Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo

Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
14 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
24.03.2022 - 16:49
Aggiornamento: 17:56

Torna in Ticino la truffa telefonica del ‘falso incidente’

Le vittime vengono convinte che un parente rischi il carcere per un incidente e spinte a prelevare e consegnare del denaro per ‘la cauzione’

a cura di Marco Narzisi
torna-in-ticino-la-truffa-telefonica-del-falso-incidente
Ti-Press

Vecchie truffe, nuove segnalazioni. In questi giorni a tornare in auge in Ticino è uno dei raggiri telefonici già noti alle forze dell’ordine, la cosiddetta truffa del falso incidente.

Come funziona? I malviventi contattano telefonicamente la vittima designata, spesso una persona anziana, cercando abilmente di carpire quante più informazioni possibili sulla sfera privata per poi farsi consegnare grosse somme di denaro. In questo caso, di cui si è già avuta notizia lo scorso anno, il truffatore al telefono si spaccia per un agente di polizia o, più spesso, per un parente della vittima raccontando di aver causato un incidente della circolazione e chiedendo con insistenza un grosso pagamento per coprire, a suo dire, le spese della cauzione ed evitare di essere imprigionato. La vittima viene messa sotto pressione con il pretesto che il "nipote" entro poche ore verrà incarcerato se non riceverà il pagamento, e viene spronata a prelevare immediatamente il denaro, anche decine di migliaia di franchi, che una terza persona passerà a ritirare. Questa terza persona, spesso un autista o un conducente di taxi, è in genere ignara della truffa e viene convinta con un pretesto e dietro compenso a fare da tramite per il ritiro del denaro presso la vittima e il suo trasporto oltre confine, rendendosi così passibile di essere perseguita penalmente.

Per dare maggiore credibilità al raggiro, le telefonate, che giungono in prevalenza su telefoni fissi, vengono effettuate nascondendo il numero. Altre volte, per dare consistenza all’inganno, gli autori si avvalgono di un sistema che permette di camuffare il proprio numero, simulandone uno ricollegabile in qualche modo alla polizia (ad esempio +41 91 117 117).

Gli ultimi casi – alcuni dei quali sono stati sventati grazie a una pronta segnalazione quando già l’anziano si era recato in banca a prelevare il denaro – riguardano in particolare persone residenti nel Sottoceneri.

La Polizia cantonale ribadisce i consigli per non incappare in questo genere di truffe: diffidare sempre di richieste di denaro, non citare il nome dei propri parenti al telefono, interrompere la conversazione dichiarando di doversi consultare con qualcun altro e verificare le informazioni con un parente di fiducia. Ovviamente, non bisogna consegnare denaro oppure oggetti di valore a sconosciuti né fornire informazioni sui propri averi, siano essi in casa o in banca, e in caso di chiamate sospette, informare subito la polizia, telefonando al 117 (numero d’emergenza).
È inoltre importante rendere attenti parenti e conoscenti sull’esistenza di tali truffe affinché stiano vigili ed evitano di cader vittima di esse.

Leggi anche:

Truffe al telefono, l'ultima 'novità' è l'incidente all'estero

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved